“ Cannabis libera ma mai all’aperto” battaglia sulla legge

“ Cannabis libera ma mai all’aperto” battaglia sulla legge

ROMA . Canne libere e polemiche. La campagna per la legalizzazione della marijuana parte ufficialmente da Montecitorio. Dopo mesi di trattative, duecentodiciotto parlamentari sottoscrivono il disegno di legge per regolarizzare la vendita della cannabis. Una pattuglia trasversale e agguerrita. Tra loro, sessantacinque dem, un centinaio di grillini, l’intero gruppo di Sel, qualche centrista e pure due berlusconiani di estrazione liberale: Antonio Martino e Monica Faenzi. Un attimo dopo la conferenza stampa dell’intergruppo guidato da Benedetto Della Vedova, però, l’area di governo si spacca. Con il Nuovo centrodestra che avverte Palazzo Chigi: «È inaccettabile procedere con maggioranze trasversali ».
Il progetto propone un’autentica rivoluzione nella galassia delle droghe leggere. Con la nuova legge, i maggiorenni potranno possedere tra le quattro mura domestiche fino a quindici grammi di cannabis per uso ricreativo (solo cinque grammi fuori dal proprio domicilio), mentre le canne continueranno a essere off limits per i minorenni. E sempre a casa sarà possibile coltivare — non venderne il “raccolto”, però — fino a cinque piantine di marijuana, a patto che si comunichi il possesso all’ufficio dei Monopoli.
Il vero colpo grosso degli antiproibizionisti è però un altro. Il ddl dell’intergruppo parlamentare introduce la vendita al dettaglio. Veri e propri negozi, con tanto di licenza. Un’impresa commerciale, insomma, con un ciclo che parte dalla coltivazione, passa per la lavorazione autorizzata dai Monopoli e si conclude dietro al bancone del coffee-shop. Vietato pero l’import-export della sostanza, così come il consumo di marijuana in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Come fumare liberamente, allora? In poltrona nella propria abitazione, oppure iscrivendosi a un “Cannabis social club”, un’associazione senza fini di lucro. Cinquanta associati, duecentocinquanta piantine e la comune passione per le canne.
Con il provvedimento si punta anche a favorire la prescrizione dei farmaci a base di cannabis. Tra i divieti, invece, resta in piedi quello della guida in stato di alterazione da marijuana. Quanto ai proventi della legalizzazione, il 5% sarà destinato a finanziare il Fondo nazionale per la lotta alla droga.
La trasversalità della proposta è la forza e insieme il rischio del progetto dell’intergruppo dell’ex radicale Della Vedova. Il sogno è di avviare alla Camera la discussione in commissione prima della pausa estiva. Difficile però convincere i centristi governativi della bontà dell’operazione, impossibile conquistare il blocco di destra che si oppone al via libera alle canne. E infatti le resistenze del Nuovo centrodestra non tardano ad arrivare, per bocca di Maurizio Lupi: «La legalizzazione? Per quanto mi riguarda se la possono scordare». Gli argomenti sono già noti e tocca comunque al capogruppo alfaniano ribadirli: «Nessuno ci assicura che l’accesso facile alle sostanze cosiddette “leggere” scongiurerebbe il salto verso le droghe più pesanti». Poi arriva la minaccia contro l’esecutivo, anche se per adesso solo implicita: «Non è pensabile che su tematiche che hanno evidenti implicazioni sociali ed etiche si proceda a strappi, cercando maggioranze trasversali che non saranno mai quella che sostiene il governo». Anche Pino Pisicchio, presidente del Misto, si preoccupa: «Il Parlamento si esprima liberamente, ma attenzione a non trascurare la tutela dei minori». Mettono agli atti la propria contrarietà anche Fratelli d’Italia e la Lega. Con Matteo Salvini che azzarda un parallelo bizzarro: «Personalmente sono favorevole alla legalizzazione della prostituzione. Fino a prova contraria il sesso non fa male, la cannabis sì».


Related Articles

Edf vende la rete per finanziare il rilancio nucleare

La Francia punta sulla ripresa dell’atomo per il quale vuole investire 50 miliardi. La cessione di Rte potrebbe fruttare fino a 6 miliardi e costituire il primo passo per un’infrastruttura europea

La sanità in Italia: lunghe attese e alti costi per i cittadini

Ticket e accesso alle prestazioni sempre più difficile. E’ l’immagine del nostro Servizio sanitario nazionale che emerge dal XVI Rapporto PiT Salute del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. “Il Ssn universale ed equo è solo un lontano ricordo”

La strategia normalizzatrice delle droghe. Riflessioni di una notte di mezza estate

Fu posto in essere un vero “esperimento” politico che la CIA realizzò nel contesto del festival pop di Woodstock, per monitorare gli effetti alienanti prodotti sulle masse giovanili da alcuni tipi di droghe: conveniva sfornare masse di giovani drogati anziché di giovani militanti, attivisti politici coscienti ed organizzati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment