La Confederazione europea dei sindacati a Roma: «Serve una svolta, diritti sociali e più salario»

La Confederazione europea dei sindacati a Roma: «Serve una svolta, diritti sociali e più salario»

Si sta svolgendo a Roma la «Mid-Term Conference» della Confederazione europea dei sindacati (Ces), un incontro che si colloca a metà del mandato di quattro anni, iniziato nel 2015 a Parigi. Quattrocento tra presidenti, segretari generali, dirigenti e delegati di oltre novanta confederazioni sindacali nazionali aderenti alla confederazione si stanno riunendo al teatro Quirino di Roma per fare il punto sulla richiesta di archiviazione della stagione dell’austerità e del rigore in Europa.

«Usciamo da 10 anni di austerità e di crisi. Spero che da questa conferenza parta un processo che ci conduca ad una svolta per il futuro dell’Unione Europea – ha sostenuto il segretario generale della Ces Luca Visentini – «C’è un’opportunità perché la Commissione europea ha lanciato una grande iniziativa sui pilastri dei diritti sociali dell’Ue». «La gravità della situazione, con forti squilibri, l’elevata disoccupazione giovanile e di lunga durata, richiedono interventi più ambiziosi per una crescita sostenibile, con occupazione di qualità e compensi equi» ha scritto in un messaggio il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti ha detto di «condividere il richiamo della piattaforma dei sindacati europei a rilanciare e rafforzare il modello sociale europeo». Jobs Act, voucher e nuovi contratti di «prestazione occasionale» permettendo. La polemica degli ultimi giorni è rimbalzata anche nell’incontro della Ces. «Non so se Poletti abbia fatto un corso di fantasia applicata, non so di cosa parli» quando dice che voucher non esistono più – ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine di un incontro – Ha fatto una legge che li abroga, ora reintroducono una roba in cui l’unica cosa diversa è il nome, usando tra l’altro un veicolo che imbarazza tutti». Per Barbagallo (Uil) «i salari devono aumentare». Per Maurizio Petriccioli (Cisl) «va rilanciata la contrattazione»

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

L’America teme il contagio: “Dall’Europa risposte incerte”

Obama lancia un appello agli altri leader del G20: “Risolvere i problemi strutturali e rafforzare il patrimonio delle banche”.  Gli analisti statunitensi dubbiosi sulla capacità  dell’Ue di realizzare il piano su debiti pubblici e istituti di credito 

Guerra aperta agli intellettuali la lunga notte dell’Ungheria

Dopo la legge-bavaglio sulla stampa, a Budapest sono cominciate le epurazioni nelle istituzioni culturali. Un mix di populismo contro lo “spreco di denaro pubblico” e di campagna contro “ebrei e omosessuali” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment