logo-sif-704

Chi siamo

L’Associazione SocietàINformazione si è costituita a Milano nel 2001. È una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), e in quanto tale non ha scopo di lucro ma persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale.

Tra i suoi scopi statutari vede quelli del sostegno e dell’intervento sui temi dei diritti umani, dell’ambiente e dei vari settori dell’esclusione sociale.

L’Associazione svolge prevalentemente attività di ricerca, studio, formazione e promozione culturale, educativa e informativa delle tematiche riguardanti la tutela dei diritti umani, sociali e civili, la cultura della convivenza e della salvaguardia ambientale ed ecologista. In tal modo e complessivamente, essa intende estendere la pratica della cultura della solidarietà, dei diritti e dell’accoglienza, della qualità della vita e delle relazioni sociali, dell’attenzione e sostegno verso i cittadini più deboli o esclusi, una maggiore consapevolezza politica e culturale circa gli effetti e gli scenari posti dalla globalizzazione.

Anche a tali fini, l’Associazione ha promosso e gestisce un Centro Studi che ha ideato il Rapporto sui diritti globali e che dal 2003 lo realizza attraverso la propria redazione.

Della redazione fanno attualmente parte:

Orsola Casagrande, Roberto Ciccarelli, Antonio Chiocchi, Massimo Congiu, Monica Di Sisto, Susanna Ronconi, Alberto Zoratti, Sergio Segio (coordinatore)

L’Associazione Società INformazione ONLUS ha promosso e gestisce i siti Diritti Globali e Global Rights, che propongono quotidianamente informazione sulle stesse tematiche al centro del Rapporto.

Dal 2015 ha cominciato le pubblicazioni del magazine internazionale on line Global Rightsedito da Società INformazione e diretto da Sergio Segio e Orsola Casagrande; della redazione del magazine, ancora in corso di ampliamento, fanno parte:
Bibi Bozzato, J. M. Arrugaeta, Berna Ozgencil, Simona Malatesta, Vroni Plainer, Yado Uzun , Guglielmo Guglielmi, Mauro Guglielminotti, Susanna Ronconi, Maurizio Leonelli.
Della redazione del sito Global Rights, oltre ai direttori Sergio Segio e Orsola Casagrande, fanno parte:
Maider Varela, Seamas Carraher, J.M. Arrugaeta, Mauro Guglielminotti, Ahmel Echevarria, Felix Julio Alfonso

Le associazioni che hanno aderito al progetto del Rapporto sui diritti globali di Società INformazione, oltre alla capofila CGIL,  sono:

ActionAid, ARCI, Antigone, Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza (CNCA), Fondazione Basso – Sezione Internazionale, Gruppo Abele, Legambiente

Il Rapporto, ideato e curato da Associazione Società INformazione, è sostenuto anche da un Comitato Scientifico , di cui fanno parte:

Aldo Bonomi, Massimo Cacciari, Massimo Campedelli, Francesco Ciafaloni, Franco Corleone, Chiara Daniele, Andrea Di Stefano, Guglielmo Epifani, Maurizio Gubbiotti, Maria Luisa Mirabile, Mauro Palma, Livio Pepino, Marco Revelli, Claudio Sarzotti, Gianni Tognoni, Guido Viale, Danilo Zolo.

Al Rapporto sui diritti globali 2016 hanno contribuito con interviste e interventi:

Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio; Maurizio Albahari, Danilo Barbi, Marco Bersani, Stefano Cecconi, Iván Cepeda, Luigi Ciotti, Giuseppe Costa, Alessandro De Giorgi, Monica Di Sisto, Fausto Durante, Andrea Fumagalli, Ivana Galli, Ágnes Heller, Gavino Maciocco, Salvatore Palidda, Rosa Pavanelli, Leopoldo Tartaglia, Adem Uzun, Edoardo Zanchini

Al Rapporto sui diritti globali 2015 :
Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio; Gilbert Achcar, Danilo Barbi, Marco Bellingeri, Giuseppe Bronzini, Francesca Chiavacci, Luigi Ciotti, Marco De Ponte, Monica Di Sisto, Federica Ferrario, Samara Jones, Stefano Liberti, Christian Marazzi, Bálint Misetics, Giuseppe Onufrio, Mauro Palma, Felice Roberto Pizzuti, Cécile Toubeau.

Al Rapporto sui diritti globali 2014:
Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio; Andrea Baranes, Danilo Barbi, Marco Bersani, Aldo Bonomi, Paolo Cagna Ninchi, Andrea Cammelli, Stefano Cecconi, Letizia Cesarini Sforza, Maxime Combes, Sergio D’Elia, Alessandro Dal Lago, Marcello De Cecco, Marco De Ponte, Sergio Finardi, Lyda Fernanda Forero, Luciano Gallino, Leopoldo Grosso, Maurizio Gubbiotti, Luke Harding, Paolo Iagulli, Maurizio Leonelli, Paolo Maddalena, Marco Mascia, Mariagrazia Midulla, Nicola Nicolosi, Vicent Partal, Dijana Pavlovic, Simone Pieranni, Chiara Saraceno, Leopoldo Tartaglia, Danilo Zolo

Al Rapporto sui diritti globali 2013:
Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio; Yezid Arteta Dàvila, Danilo Barbi, Nnimmo Bassey, Ricard Bellera i Kirchhoff, Paolo Beni, Carla Cantone, Luigi Ciotti, Tony Clarke, Vittorio Cogliati Dezza, Astrit Dakli, Marco De Ponte, Patrizio Gonnella, Maurizio Gubbiotti, Embarka Hamoudi Hamdi, Vera Lamonica, Elena Lattuada, Saul Meghnagi, Pat Mooney, Salih Muslim Muhammad, Grazia Naletto, Mauro Palma, Livio Pepino, Ciro Pesacane, Claudia Pratelli, Michele Raitano, Vincenzo Scudiere, Pablo Solon, Fabrizio Solari, Leopoldo Tartaglia, Gianni Tognoni, Ignacio Fernàndez Toxo, Alex Zanotelli, Armando Zappolini

Al Rapporto sui diritti globali 2012:
Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio; Erik Assadourian, Virgilio Balducchi, Danilo Barbi, Pietro Barbieri, Paolo Beni, Aldo Bonomi, Massimo Campedelli, Alessandra Cappelletti, Francesco Ciafaloni, Luigi Ciotti, Vittorio Cogliati Dezza, Matteo De Bellis, Gabriele Del Grande, Giuseppe De Marzo, Andrea Di Stefano, Fulvio Fammoni, Sergio Finardi, Giovanni Giacopuzzi, Maria Grazia Giannichedda, Patrizio Gonnella, Maurizio Gubbiotti, Bijay Kumar, Vera Lamonica, Ignazio Marino, Ugo Mattei, Nicola Nicolosi, Enrico Panini, Ciro Pesacane, Morena Piccinini, Andrea Pinchera, Felice Roberto Pizzuti, Marco Revelli, Claudio Sarzotti, Rossana ScaricabarozzI, Vincenzo Scudiere, Roberto Sensi, Fabrizio Solari, Serena Sorrentino, Gianni Tognoni, Stefano Trasatti, Achin Vanaik, Stefano Zamagni, Armando Zappolini

Al Rapporto sui diritti globali 2011:
Prefazione di Susanna Camusso, introduzione di Sergio Segio;  Gerry Adams, Santiago Alba Rico, Danilo Barbi, Paolo Beni, Marco Bertotto, Tito Boeri, Riccardo Bonacina, Aldo Bonomi, Massimo Campedelli, Paolo Carrozza, Luigi Ciotti, Vittorio Cogliati Dezza, Beatrice Costa, Sergio D’Angelo, Nerina Dirindin, Inaki Egana, Luigi Ferrajoli, Carlo Fiorio, Fulvio Fammoni, Luciano Gallino, Patrizio Gonnella, Maurizio Gubbiotti, Ertugrul Kurkcu, Elisabetta Laganà , Giovanni La Manna, Vera Lamonica, Luigi Manconi, Maria Luisa Mirabile, Nicola Nicolosi, Enrico Panini, Angela Pascucci, Ciro Pesacane, Carlo Petrini, Morena Piccinini, Shukri Said, Raffaele K. Salinari, Andrea Santini, Alessandro Santoro, Vincenzo Scudiere, Fabrizio Solari, Serena Sorrentino, Monica Spatti, Gianni Tognoni, Salvatore Veca, Guido Viale, Armando Zappolini, Livia Zoli.

Al Rapporto sui diritti globali 2010:
Prefazione di Guglielmo Epifani, introduzione di Sergio Segio; Paola Agnello Modica, Paolo Beni, Lucio Babolin, Aldo Bonomi, Nicola Borello, Massimo Campedelli, Susanna Camusso, Carla Cantone, Luigi Ciotti, Vittorio Cogliati Dezza, Franco Corleone, Brian Currin, Maria Rosa Cutillo, Sergio D’Elia, Marco D’Eramo, Giuseppe Di Lello, Andrea Di Stefano, Fulvio Fammoni, Haluk Gerger, Patrizio Gonnella, Candido Grzybowski, Maurizio Gubbiotti, Christopher Hein, Vera Lamonica, Michele Mangano, Alessandro Margara, Agostino Megale, Raffaele Minelli, Jason Nardi, Nicola Nicolosi, Ivan Novelli, Moni Ovadia, Mauro Paissan, Mauro Palma, Enrico Panini, Antonio Papisca, Ciro Pesacane, Teresa Petrangolini, Antonello Petrillo, Paolo Pezzana, Morena Piccinini, Nicoletta Rocchi, Farian Sabahi, Giulio Sensi, Vandana Shiva, Marco Simonelli, Fabrizio Solari, Gianni Tognoni, Danilo Zolo.

 

SOSTIENICI

Il sito viene aggiornato 7 giorni su 7. Le nostre attività sono complessivamente improntate a uno spirito attivistico e di volontariato, tuttavia comportano costi. Per continuare a operare abbiamo bisogno di sostegno economico:

  • E’ possibile sostenere l’Associazione e le sue attività attraverso donazioni e la devoluzione del 5xmille. Devolverlo con la dichiarazione dei redditi non costa nulla. Basta firmare nell’apposito spazio e indicare il nostro codice fiscale: 97302510157
  • E’ possibile effettuare un bonifico bancario intestato a Associazione Società Informazione Onlus, Credito Valtellinese, IBAN: IT11W0521601630000000005054
  • E’ possibile effettuare una donazione tramite carta di credito o paypal direttamente dal sito, attraverso il riquadro posto in alto a destra sulla home page.
  • Società Informazione è una ONLUS, cioè una Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. Per questa ragione, le donazioni per sostenere la nostra Associazione godono di benefici fiscali.
    Chi effettua una donazione a Società Informazione può richiedere una ricevuta, con la quale potrà poi portare la sua offerta in detrazioni o deduzioni dalle imposte al momento della dichiarazione dei redditi.

CONTATTI MAIL: societainformazione@dirittiglobali.it

**********

English version

The Project Report on Global Rights has been publishing for the past twelve years an annual study of the processes related to globalization and its effects, economic, social, geopolitical and environmental. The research is conducted by the Association Societalnformazione Onlus, a non-profit organization that realise and edit the volume, which is published every year by Ediesse publisher and is sponsored by the CGIL, along with the major national associations, as well as foreign association, working on the territory on the topics covered in the report: ActionAid , ARCI , Antigone, Coordinamento Nazionale dell Comunità di Accoglienza (CNCA), the Basso Foundation – International Section, Environmental Forum, Gruppo Abele, Legambiente.
The preparation is supervised by a Scientific Committee which includes among its components authoritative teachers, lawyers, economists , ecologists and experts in labor issues:

Aldo Bonomi, Massimo Cacciari, Massimo Campedelli, Francesco Ciafaloni, Franco Corleone, Chiara Daniele, Andrea Di Stefano, Guglielmo Epifani, Maurizio Gubbiotti, Maria Luisa Mirabile, Mauro Palma, Livio Pepino, Marco Revelli, Claudio Sarzotti, Gianni Tognoni, Guido Viale, Danilo Zolo.

The editorial team members are:

Orsola Casagrande, Antonio Chiocchi, Roberto Ciccarelli, Monica Di Sisto, Massimo Congiu, Susanna Ronconi, Alberto Zoratti, Sergio Segio (editorial director).

The annual volume consists of over 1000 pages. It is a unique study at an international level for the contents, and proposes a thorough analysis of both the economic and financial processes, as well as of the political and social processes happening in the world, with particular attention to their interdependence and the issues that arise from them in relation to the world of labour and the government of the territory, as well as in terms of human rights, social and political, down to the impact the geopolitical picture has on environmental issues on a national and international level.
The structure of the report is articulated into macro well documented chapters where the current state of affairs is analysed and prospectives outlined. The analysis and research are also accompanied by extensive chronologies of events, in-depth fact-sheets, updated statistical tables, a thorough glossary, a bibliography and qualified lists of websites, a summary of the chapters and the index of names and organizations mentioned.
The Report, containing the most in-depth analysis, the most up to date figures, has confirmed itself as a fundamental tool for information and training for those working in schools, in the media, politics, public administration, in the world of labour, in social professions, associations .
The Association SocietàInFormazione was created in 200l. It is an ONLUS ( Non-Profit Organization) and, as such, it does not pursue profit purposes but only social solidarity. Among its aims are those of the intervention on the various sectors of social exclusion, with particular attention to the issues of drugs and drug addiction, prison and justice, human rights and the environment.
The Association carries out mostly research and study activities as well as the promotion of cultural and informative topics regarding the protection of human rights, social and civil rights , the culture of coexistence and protection of the environment and ecology. In this way, and overall, it intends to extend the practice of a culture of solidarity and rights, quality of life and social relations, care and support to the most vulnerable or excluded citizens, greater political and cultural awareness about the effects and scenarios posed by globalization.
Even for these purposes, the Association has promoted and operates a Centre of Studies which has ideated the Report on Global Rights and it has been producing it since 2003 with its editorial staff. It also manages the websites www.dirittiglobali.it and www.globalrights.info and the international magazine Global Rights, which offer daily and periodic documentation and information on the same themes of the report.

It is published by Società INFormazione and directed by Sergio Segio and Orsola Casagrande. The editorial team, still being expanded, currently counts with the participation of Bibi Bozzato, JM Arrugaeta, Bern Ozgencil, Simona Malatesta, Vroni Plainer, Yado Uzun, Guglielmo Guglielmi, Mauro Guglielminotti, Susanna Ronconi, Maurizio Leonelli.

 

4 Responses to Chi siamo

  1. Marina Cardelli scrive:

    Lavoro nel precariato sportivo da più di 30 anni.
    I Sindacati ci hanno snobbato e ci ignorano tuttora (ho cercato di coinvolgere la NIDIL a GE ed è stato a dir poco vergognoso…).
    Domanda: CONOSCETE IL CONTRATTO PER LO SPORT DILETTANTISTICO????
    PERCHE’ NESSUNO DICO NESSUNO E SU NESSUN MEDIA NE PARLA???

  2. ALESSANDRA scrive:

    Complimenti, bellissimo l’articolo che ho appena letto, casualmente, sugli appalti di expo a Shanghai, Cercavo un nome, Ottaviani, che per altro ho conosciuto all’inizio della sua carriera e devo dire che prometteva bene, e mi sono ritrovata a leggere la vostra denuncia. Ho deciso da poco, per salvaguardare il mio stato mentale e dei miei ragazzi, di smettere di leggere il fatto quotidiano, a mio parere unico giornale leggibile.
    E’ inevitabile, facendo una vita abbastanza normale, che le notizie ci arrivino ma io non reggo l’informazione, neanche quella “corretta”. Posso vivere nelle nuvole? l’alternativa è soffrire talmente tanto dell’ingiustizia del mondo e dell’italia in particolare che rischio di diventare pazza o di buttarmi da un piano molto alto.
    Cosa ne pensate? La mia scelta è molto recente ma sto scoprendo, con meraviglia, che moltissime persone, probabilmente in maniera più o meno conscia, vivono fuori dalla realtà. Sarà per questo che noi italiani non riusciamo più a reagire?
    Mi piacerebbe e mi aiuterebbe avere una vostra opinione.
    Chi più di voi, che ci vivete immersi nelle orribili vicende, rispondermi?
    Alessandra

  3. […] Rapporto sui diritti globali, realizzato dalla associazione Società INformazione e dalla sua redazione, promosso dalla CGIL, nel suo ultimo volume, il 14°, giunto da poco in […]

  4. francesco lena scrive:

    CARO DALEMA, TU COSA FAI IN CONCRETO PER IL BENE DEL PARTITO DEMOCRATICO, PER IL BENE DEI CITTADINI, PER ILBENE DEL PAESE ,PER IL BENE COMUNE, PER L’UNITA’ DEL PD, CERCA DI ESSERE PIU’ COSTRUTTIVO,PIU’ COLLABORATIVO, GIOVERA’ NON SOLO A TE MA SOPRATTUTTO AL PARTITITO E A TUTTI, TANTI CARI SALUTI, FRANCESCO LENA

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    Ci vuole più responsabilità
    La responsabilità come sappiamo tutti, è un atteggiamento al quale veniamo chiamati come cittadini e cittadine, in ogni ruolo e a tutti i livelli, famigliari, sociali, informativi e istituzionali. A livello famigliare, prendersi cura in collaborazione con tutti i componenti, nelle piccole e grandi cose da fare, per un buon convivere e condividere e trarne tutti vantaggio, favorendo un clima di armonia e sereno.
    A livello sociale, la responsabilità è avere consapevolezza delle nostre azioni, che abbiano alla base dei principi e obiettivi di alta civiltà, per rendere la società migliore e più giusta. Per raggiungere questi obiettivi, ci sono cose da non fare, lavoro nero, l’evasione fiscale, non abbandonarsi ha guadagni facili, spaccio di droghe, di merce contraffatta, non corrompere e non farsi corrompere in lavori o cose illegali, ma con una bella e sentita responsabilità, comportarsi da cittadini per bene, con onestà, sincerità, umanità, questo ci rende cittadini migliori e ci permette di andare sempre a testa alta.
    A livello informativo, giornali, radio, internet, tv, telefonini, bisogna che tutti abbiano una sana e onesta responsabilità, di non pubblicare notizie false, offensive, dispregiative nei confronti di persone, associazioni, istituzioni, ma informazioni corrette, trasparenti, veritiere e obiettive, salvaguardando sempre la dignità di ogni persona. A livello istituzionale, qui chi ne fa parte deve avere quella responsabilità, dovere di servizio, limpida e di buon esempio, a partire dai Consigli Comunali, ai componenti non basta essere stati eletti dai cittadini, bisogna impegnarsi tenacemente per risolvere i problemi della comunità. Delle persone, ai consiglieri che non fanno parte della maggioranza, non basta dire solo dei no, protestare o addirittura non partecipare ai Consigli Comunali, devono essere presenti, attivi, fare proposte costruttive, essere al servizio della gente in collaborazione con la maggioranza, per cercare di far prevalere le soluzione migliori, per bene comune. Le Province, che dovevano essere superate, ma con la prevalenza del no al referendum del 4 dicembre 2016, tutto ciò si è bloccato, preso atto ora si prendano con seria volontà e responsabilità, a gestire i compiti e problemi che gli competono. Dalla manutenzione delle strade, alla sicurezza, alle scuole, ai trasporti, alla tutela dell’ambiente, con piani di governo del territorio, dell’ agricoltura e altro. Con spirito di servizio, per il bene di tutta la comunità. Le Regioni, per primo i consiglieri regionali dovrebbero ridursi lo stipendio, com’era previsto nella legge di riforma istituzionale, poi più responsabilità nella gestione delle risorse, meno sprechi con una programmazione sanitaria, assistenziale, sociale, con più attenzione ai cittadini più deboli, poi più trasparenza negli appalti e convenzione di servizi sanitari e sociali.
    Il Parlamento, doveva diminuire il numero dei suoi componenti, per darle più efficienza e risparmio economico, ma con la prevalenza del no al referendum del 4 dicembre 2016 tutto rimane come prima.
    Ora si mettano a lavorare con grande responsabilità, dimostrino di essere di buon esempio per il paese per i cittadini, in parlamento ci sia dialettica vivace, confronto acceso, onesto e rispettoso dell’altro, costruttivo per il bene degli italiani e per la nostra bella Italia. Ci sia anche nel linguaggio verbale e scritto, intelligente, educato, senza titoli dispregiativi, insulti inutili, parolacce offensive, piuttosto impegnarsi di più per ridurre le disuguaglianze tra cittadini, poi un’accurata attenzione ai più deboli nel legiferare, agli anziani, ai bambini, ai diversamente abili, ai disoccupati, ai senza tetto, ai migranti, ai terremotati. Poi lasciatemelo dire, per rendere la nostra Italia ancora più grande e più bella, bisogna fare di più per combattere le mafie, la corruzione, l’evasione fiscale, fuga di capitali all’estero, l’illegalità diffusa.
    In fine, cari cittadini tutti insieme mettiamoci con grande impegno, onestà e responsabilità, a darsi da fare in ogni luogo in tutti i settori, a voler bene alla nostra meravigliosa Italia, trattare con rispetto sia il territorio che tutti i suoi cittadini, cerchiamo di dare sempre il meglio di noi stessi per contribuire a raggiungere obiettivi grandi, di giustizia sociale, di solidarietà, di amore, di pace.
    Francesco Lena Via Provinciale, 37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This