Fridays for future, sciopero globale: clima e Palestina in trenta cortei

Fridays for future, sciopero globale: clima e Palestina in trenta cortei

Loading

«Nessuna giustizia climatica in terra occupata»: contro il motto di Greta Fff Germania si sfila

 

Lo sciopero globale per il clima di oggi, anche in Italia convocato da Fridays For Future, è doppiamente controcorrente. Perché è una mobilitazione per il clima nel momento in cui la Commissione europea uscente rivede al ribasso la sua ambizione ecologica. Perché è una mobilitazione per la Palestina, altro grande tema di giornata, proprio mentre le proteste contro il genocidio sono duramente represse.

Partiamo dal clima. Il movimento emerso nel 2019 si trova ora a subire il cosiddetto black backlash, il contraccolpo nero delle destre che hanno inserito la transizione ecologica nel novero delle proprie guerre culturali assieme a immigrazione, aborto, vaccini. Cop28, l’ultimo incontro negoziale Onu sul contrasto al riscaldamento globale, si è chiuso con pochi passi avanti, e il movimento dei trattori ha contribuito a cementificare l’immagine di una rivolta popolare contro le politiche verdi – siano pensate per ridurre i pesticidi o per diffondere l’energia rinnovabile.

In questo contesto, lo sciopero di oggi serve sopratutto a tenere alta l’attenzione sul tema, anche in vista delle elezioni europee. A Bari gli studenti assieme al collettivo degli operai ex-Gkn preparano la mobilitazione contro il G7, che avrà in Puglia il suo meeting finale. A Cagliari Fridays For Future e Ultima Generazione sfilano assieme contro la siccità che già oggi minaccia di assetare l’isola. A Firenze un corteo di bici chiede l’istituzione di una zona 30 cittadina sul modello di Bologna.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Il bio-imperialismo degli Ogm distrugge la biodiversità

A Torino Fff porta in piazza la convergenza coi metalmeccanici minacciati dal declino del comparto automotive. «Serve una spinta decisa verso l’uscita dal fossile: se vogliamo davvero rimanere sotto i +1.5°C dobbiamo seguire le indicazioni che la scienza ci ha dato già da tempo» spiega Michele Ghidini di Fridays For Future Brescia.

Poi c’è la Palestina. In molte città il corteo è organizzato assieme alle comunità palestinesi locali, specie dalle loro componenti giovanili. «No climate justice on occupied land», non c’è giustizia climatica in una terra occupata, è lo slogan lanciato da Greta Thunberg negli scorsi mesi – che le ha procurato accuse di antisemitismo presso la stampa mainstream.

Questo stesso motto è usato oggi in tante piazze italiane, specie nei grandi centri universitari. A Roma, a Milano, a Napoli, a Bologna, a Venezia il legame tra massacro a Gaza e questione climatica è al centro della giornata. «Eni a fine ottobre 2023 ha firmato un accordo con chi colonizza la Palestina per esplorare giacimenti di gas nelle acque di Gaza, rendendosi a pieno titolo complice del genocidio del popolo palestinese» dice Martina Comparelli di Fridays For Future Milano.

Proprio la posizione sulla Palestina divide oggi i due più grandi Fff nazionali europei, quello tedesco e quello italiano. Fridays For Future Germania, infatti, ha deciso in solitaria di mantenere una posizione più morbida sulla questione, attirandosi le critiche del resto del movimento ecologista mondiale e autosospendendosi dal coordinamento internazionale del movimento. Il gruppo italiano, all’opposto, ha seguito la linea di Greta Thunberg e di buona parte della sinistra globale.

Assieme ai cortei – una trentina i principali, più altre iniziative collaterali – è previsto uno sciopero del personale scolastico proclamato dal sindacato Sisa. Le sigle ecologiste storiche (Greenpeace, Legambiente, Wwf) saranno in piazza, e anche la Cgil annuncia il suo appoggio. La mobilitazione continuerà anche domani: per il 20 è previsto un corteo nazionale unitario a Milano.

* Fonte/autore: Lorenzo Tecleme, il manifesto



Related Articles

Siria, vescovi di regime

Loading

Siria, vescovi di regime

I vescovi sostengono la dittatura di Assad. Consuetudini antiche, protezioni, favori, tutele. Non bastano i morti e i torturati a scuotere la Chiesa  siriana e neanche il Vaticano, fino ad ora, ha battuto un colpo. Vedremo.

“Nel reparto eravamo 30, siamo rimasti in 2 quei soldi non mi aiuteranno a vivere di più”

Loading

La rabbia dell’operaio in aula con la tuta blu: ci hanno ingannato per anni  Ho l’asbestosi da 20 anni, mi manca il fiato e uso la bombola d’ossigeno Conoscevo chi mi ha assunto: sapeva già  tutto e non mi ha mai detto nienteSono andato da tanti amici in ospedale poi ho smesso: era terribile 

Ogm, il ministro Clini sta con le lobby biotech

Loading

Superficiale. Sconcertante. Preoccupante. Discutibile. Insensato. Fuorviante. Sono solo alcuni aggettivi che qualificano la prima uscita ufficiale del ministro dell’Ambiente Corrado Clini, il quale ha scelto di farsi intervistare dal Corriere della Sera per sponsorizzare gli organismi geneticamente modificati (Ogm).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment