Movimenti. Sapienza, la politica del manganello: «Caricati a freddo senza motivo»

Movimenti. Sapienza, la politica del manganello: «Caricati a freddo senza motivo»

Loading

La destra evoca «devastazioni» ma i ragazzi raccontano: «Volevamo uscire e ci hanno manganellato, gridavano ’prendiamone due’»

 

Come da tradizione, dopo ogni manifestazione di studenti va in onda il più longevo film poliziottesco della storia italiana. La trama è sempre la stessa. All’indomani delle cariche e dei manganelli, viene diffuso dalle istituzioni, forze dell’ordine e governo, un resoconto che giustifica la reazione della polizia. A volte si tratta di notizie fortemente esagerate, a volte di fake news, come nel caso delle ormai note manganellate agli studenti minorenni di Pisa dovute, secondo la versione diffusa dagli agenti, alla necessità di impedire ai ragazzi di avvicinarsi alla Sinagoga.

IL FATTO non è mai avvenuto: il corteo andava in tutt’altra direzione, ma per giorni la destra ha cavalcato l’immagine dei manifestanti violenti. Nel caso degli scontri alla Sapienza di martedì, culminati con due arresti, convalidati ieri, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento di beni dello Stato, la presidente del Consiglio e la destra hanno parlato di «devastazioni, aggressioni, scontri, assalti al Rettorato e al Commissariato, con un dirigente preso a pugni» (Meloni), «professionisti della violenza», «apologia di terrorismo», «criminali», «seguaci di Hamas».

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

«Calpestati la libertà di espressione e l’incolumità fisica dei ragazzi»

LA QUESTURA ieri ha fatto sapere che nel corteo ci sarebbero stati «almeno 5 anarchici estranei ai contesti universitari» con 27 agenti feriti. «Li avremo feriti nei sentimenti», chiosa Gaia. L’ironia serve per scacciare la sensazione che ci sia stato un cambio di passo nella strategia del governo e che l’ordine ora, avallato dalla premier in persona che non teme più le reprimende del Presidente della Repubblica, sia quello di stroncare il movimento studentesco. «Questa narrazione è inaccettabile, noi saremmo i violenti e i facinorosi perché ci preoccupiamo della popolazione civile palestinese e non degli interessi industriali? Serve a nascondere il contenuto politico della nostra protesta», commentavano gli studenti e le studentesse di Sapienza for Palestina.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Già liberi i ragazzi fermati, la tesi della polizia traballa

LA LORO RICOSTRUZIONE è diversa: «Alle 15.30 il corteo è partito facendo il percorso classico del giro della città universitaria, in attesa della risposta dal senato accademico – raccontano Francesco, Davide, Giulia, Giacomo e Gaia -. Tornati al rettorato ci arriva la notizia del comunicato della Sapienza che metteva una pietra tombale sulla discussione. Gli animi si sono riscaldati e ci sono stati dei tafferugli. Eravamo in assemblea a Scienze Politiche, la giornata sarebbe finita se non ci avessero detto che Mohamed era stato fermato su via de Lollis, fuori dalla Sapienza», spiegano. E quindi: «A quel punto il corteo spontaneamente si è diretto verso la questura ma non abbiamo fatto in tempo neanche a uscire dal cancello che c’è stata la prima carica della polizia in tenuta antisommossa. Poi la seconda, nella quale è stata presa Stella, e ancora la terza e la quarta». Diversi tra di loro denunciano di aver sentito chiaramente i poliziotti scambiarsi le frasi «quanti ne dobbiamo prendere?», «prendiamone uno o due» durante la seconda carica.

«NON AVEVAMO NESSUNA intenzione di fare bordello ma solo pressione su via Tiburtina, qualche errore l’avremo fatto, forse. Ci aspettavamo la repressione ma non così, prendendo a strascico due manifestanti e accusandoli di lesioni per un graffio». Non hanno intenzione di fermare la mobilitazione. Ieri alcuni hanno cominciato lo sciopero della fame mentre danno appuntamento al pratone della Sapienza per oggi. «Invitiamo tutta la comunità accademica e tutta la città solidale a venire in assemblea per avere un momento di vero dibattito pubblico sulle rivendicazioni che da mesi portiamo avanti e che per ora sono state vergognosamente ignorate».

LA RETTRICE Antonella Polimeni è stata ancora invitata al confronto. Da novembre non incontra gli studenti. Per il 24 aprile, invece, è previsto un comitato per l’ordine e la sicurezza con il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e la ministra dell’Università Anna Maria Bernini. E qui torna la retorica del governo sulla convocazione: per fare massima attenzione sui «gruppi di area antagonista ed anarchica» che punterebbero «a cavalcare la protesta universitaria» alzando il livello degli scontri di piazza.

* Fonte/autore: Luciana Cimino, il manifesto



Related Articles

La ”campagna elettorale” delle associazioni. Il non profit detta l’agenda, ma poca fiducia

Loading

 

Sondaggio dell’Associazione Isnet sulle priorità  del terzo settore. Prime 3 richieste: mantenere l’Iva delle cooperative sociali al 4 per cento, promuovere l’utilizzo delle clausole sociali negli appalti, ripristinare il fondo sociale regionale

Droga, rapporto Onu fuori bersaglio

Loading

L’International Drug Policy Consortium (Idpc) ha di recente varato la sua risposta al Rapporto Mondiale sulla Droga 2013 dell’Agenzia ad hoc delle Nazioni Unite (Unodc).

Giustizia per Aldro

Loading


Confermate le condanne a tre anni e sei mesi di reclusione per i quattro agenti che uccisero di botte, secondo le sentenze di primo e secondo grado, il giovane diciottenne di Ferrara

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment