Nasce l`Osservatorio sulla legge “328“

Il nuovo organismo sarà gestito da Cgil, Cisl, Uil, Anci, Legautonomie e Forum Terzo Settore

ROMA – E` nato oggi a Roma l”Osservatorio nazionale sulla legge quadro 328, la legge varata nel 2000 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Si tratta di una novità assoluta perché per la prima volta si costituiscono in Osservatorio permanente sull`applicazione di quella che avrebbe dovuto essere una riforma delle politiche sociali, soggetti molto diversi e comunque protagonisti di questa tematica così centrale. L”Osservatorio sarà infatti costituito dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, dai comuni rappresentati dall’Anci, dalla Legautonomie e Upi e infine dal nuovo protagonista del trasformazioni del welfare, il terzo settore, rappresentato dal Forum. L’Osservatorio, è stato spiegato questa mattina nel corso di una conferenza stampa al Cnel, sarà una sede permanente e stabile (garantita costituzionalmente proprio attraverso il Cnel, il consiglio nazionale dell’economia e del lavoro) per mettere in atto tutto quello che sarà necessario per realizzare in pieno il dettato della legge 328.

L’incontro di oggi, oltre a sancire ufficialmente la nascita dell’Osservatorio, è stato utile perché ha fornito un quadro completo della situazione attuale del paese a proposito di politiche sociali. Un quadro che purtroppo, per molti versi, è ancora deludente e perfino preoccupante.


Related Articles

Centomila donne nelle piazze di tutta Italia “Il governo è cambiato, i nostri problemi no”

 “Da Monti solo sacrifici e niente welfare, ci metta al centro dello sviluppo”. Ventimila manifestano a Roma. Camusso: “Ingiuste le misure dell’esecutivo”. Comencini: “Siamo noi a fare lo Stato sociale”

Le accuse di Buzzi “Da Zingaretti a Marino soldi a tutti i politici”

L’uomo delle coop: tangenti su metà del valore delle gare “A Panzironi diedi un milione ma Alemanno non sapeva”

E lo chiamano decoro. I poveri cacciati dal centro di Torino, dove ieri è morto Mustafa

Emergenza senza tetto. Intervista a Patrizia Ghiani del gruppo Abele: «La soluzione per i clochard non sono i mega dormitori ma microstrutture d’accoglienza in tutti i quartieri. Il Comune dovrebbe valorizzare figure di mediazione»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment