Riscaldamento globale, vertice a Bruxelles

Loading

Da lunedì a venerdì riunione degli esperti del Giec-Ipcc

I risultati dello studio saranno portati al prossimo G8. I primi a subire gli effetti disastrosi saranno Africa e Sudamerica, poi l’Asia

Aumento delle temperature secondo i vari modelli (da Ipcc.ch)
Aumento delle temperature secondo i vari modelli (da Ipcc.ch)

BRUXELLES – Ogni volta che vengono aggiunti nuovi dati e vengono effettuati studi più accurati, l’allarme climatico diventa sempre più serio. Un rapporto intergovernativo sui cambiamenti climatici – aggiornato con gli ultimi sviluppi sull’evoluzione dell’effetto serra – sarà presentato venerdì prossimo a Bruxelles, ma già da lunedì si riuniranno nella capitale belga scienziati di tutti il mondo che fanno parte del Gruppo intergovernativo di esperti sull’evoluzione del clima (Giec-Ipcc), istituito dall’Onu. I risultati dello studio – condotto da circa 2.500 scienziati di 130 nazioni in sei anni – saranno poi portati all’attenzione del prossimo G8.

SEI GRADI – I dati confermano che, senza un intervento davvero efficace sui gas serra, la temperatura della superficie terrestre crescerà di oltre 6 gradi nei prossimi cento anni. Il surriscaldamento causerà un aumento dei fenomeni catastrofici, soprattutto nei Paesi del Terzo mondo: cicloni e precipitazioni di intensità record, inondazioni, siccità, erosione delle coste. Che a loro volta determineranno rischi di carestia, siccità e il rafforzamento di malattie tropicali oggi sotto controllo, che produrranno ondate migratorie verso i Paesi più sviluppati.

PRIMA AFRICA E SUDAMERICA, POI L’ASIA – I primi effetti del riscaldamento si potrano purtroppo verificare già entro i prossimi vent’anni. I primi ad avere problemi seri – secondo il rapporto degli esperti mondiali – saranno le popolazioni che vivono in Africa e nell’America Latina. Dal 2050 circa sarà la volta dell’Asia, dove però verso il 2040 inizieranno a sciogliersi i ghiacciai himalayani. Se non si interverrà per invertire la tendenza, nel 2080 gli esperti prevedono che il 20-30% delle specie animali e vegetali saranno a rischio di estinzione. E riesploderanno malattie tropicali oggi sparite o tenute sostanzialmente sotto controllo.

(Corriere.it, 01 aprile 2007)

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

2025 quando l’ energia sarà a costo zero (e fatta in casa)

Loading

Dalle stime di mercato al previsto miglioramento tecnologico nasce la formula della rivoluzione “possibile”: l’uso combinato di pannelli fotovoltaici, batterie al litio e auto elettriche. Per renderci autosufficienti e ridurre l’inquinamento

In Italia oltre mille progetti di agricoltura sociale. Ma manca un quadro normativo

Loading

A Roma il convegno “Coltivare salute: agricoltura sociale e nuove ipotesi di welfare”. “In Toscana nel 2003 erano presenti 60 esperienze, con inclusione di circa 1200 persone in dieci anni”. Pratiche di riconoscimento da parte dei servizi pubblici

«Stop alle centrali a carbone» Manifestazioni in tutto il paese

Loading

DA PORTO TOLLE A REGGIO CALABRIA
Le forze dell’ordine avevano tentato di spaventare cittadini e negozianti di Adria: domani state attenti, arrivano i no-carbone.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment