Consiglio europeo. L’euro e i diciassette Sisifo

Sisifo non è più solo. È stato raggiunto dai 17 capi di stato e di governo della zona euro, e tutti insieme spingono il loro masso in cima alla montagna per vederlo rotolare a valle – del resto i loro incontri non si chiamano “vertici” europei? Un lavoro assurdo, fine a se stesso, senza altro oggetto che la ripetizione infinita di atti inutili e scoraggianti per l’opinione pubblica.

Diciotto mesi dopo l’inizio della crisi greca, i paesi “periferici” – i più distanti dalla Germania sul piano culturale e geografico – sprofondano nella recessione e nella crisi politica. Eccoli condannati a una triplice punizione: duri tagli di bilancio; rivalutazione di una moneta che era già  sopravvalutata rispetto alla loro competitività  e diffidenza dei mercati finanziari, che comporta tassi di interesse proibitivi.

Difficile individuare una via di uscita in questa strategia. Le centinaia di miliardi di euro stanziati dal Fondo di aiuto ben presto finiranno. E il versamento di nuovi fondi non farà  altro che indebolire la Germania e la Banca centrale europea, ultimi garanti del sistema e destinati prima o poi a essere spazzati via dalla crisi.

All’origine di questa nuova crisi c’è l’eterno problema delle unioni monetarie, quello del “pranzo gratis”. Per dieci anni questi stati hanno mangiato senza pagare il conto, indebitandosi grazie alla garanzia di Berlino e alla stupidità  degli investitori. Ed ecco che adesso arriva il conto, ed è troppo alto per questi commensali maleducati e famelici. È triste, ma è così: a punire continuamente gli intemperanti, si corre il rischio di ucciderli senza ottenere nulla in cambio.

In realtà  alla crisi dell’euro ci sono solo due soluzioni: ridurre l’onere che grava sui paesi troppo indebitati, cioè far pagare gli investitori, oppure organizzare l’uscita dall’euro di questi paesi. Non sentite un rumore sempre più forte? Spostatevi, spostatevi! Sono arrivati i 17 con il loro masso. Comincia il vertice europeo. (traduzione di Andrea De Ritis)


Related Articles

Bradley Manning condannato a 35 anni

US-MILITARY-COURT-MANNING

È stata decisa la pena per il soldato americano che passò migliaia di documenti a Wikileaks, che è stato anche congedato con disonore

Spagna Un avvenire oscuro per i minatori

Manifestazione di minatori a Langreo (Spagna settentrionale), 18 giugno. Manifestazione di minatori a Langreo (Spagna settentrionale), 18 giugno. AFP

In sciopero dalla fine di maggio, dei minatori spagnoli hanno dato inizio il 22 giugno a una marcia contro la soppressione degli aiuti all’industria del carbone. Ma in piena crisi, questo movimento che vorrebbe salvare una professione antica sembra avere poche speranze di successo.

Saipem, affari sporchi in Siria

 

Un miliardo e mezzo di euro. Versati dall’azienda di Stato italiana a Damasco. Dopo una serie di incontri segreti. Con l’ombra di una super mazzetta. Così abbiamo arricchito il regime che oggi l’Occidente vuole bombardare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment