Consiglio europeo. L’euro e i diciassette Sisifo

Loading

Sisifo non è più solo. È stato raggiunto dai 17 capi di stato e di governo della zona euro, e tutti insieme spingono il loro masso in cima alla montagna per vederlo rotolare a valle – del resto i loro incontri non si chiamano “vertici” europei? Un lavoro assurdo, fine a se stesso, senza altro oggetto che la ripetizione infinita di atti inutili e scoraggianti per l’opinione pubblica.

Diciotto mesi dopo l’inizio della crisi greca, i paesi “periferici” – i più distanti dalla Germania sul piano culturale e geografico – sprofondano nella recessione e nella crisi politica. Eccoli condannati a una triplice punizione: duri tagli di bilancio; rivalutazione di una moneta che era già  sopravvalutata rispetto alla loro competitività  e diffidenza dei mercati finanziari, che comporta tassi di interesse proibitivi.

Difficile individuare una via di uscita in questa strategia. Le centinaia di miliardi di euro stanziati dal Fondo di aiuto ben presto finiranno. E il versamento di nuovi fondi non farà  altro che indebolire la Germania e la Banca centrale europea, ultimi garanti del sistema e destinati prima o poi a essere spazzati via dalla crisi.

All’origine di questa nuova crisi c’è l’eterno problema delle unioni monetarie, quello del “pranzo gratis”. Per dieci anni questi stati hanno mangiato senza pagare il conto, indebitandosi grazie alla garanzia di Berlino e alla stupidità  degli investitori. Ed ecco che adesso arriva il conto, ed è troppo alto per questi commensali maleducati e famelici. È triste, ma è così: a punire continuamente gli intemperanti, si corre il rischio di ucciderli senza ottenere nulla in cambio.

In realtà  alla crisi dell’euro ci sono solo due soluzioni: ridurre l’onere che grava sui paesi troppo indebitati, cioè far pagare gli investitori, oppure organizzare l’uscita dall’euro di questi paesi. Non sentite un rumore sempre più forte? Spostatevi, spostatevi! Sono arrivati i 17 con il loro masso. Comincia il vertice europeo. (traduzione di Andrea De Ritis)


Related Articles

Hama, terzo giorno di guerra. E all’Onu l’accordo è difficile

Loading

DAMASCO. Per il terzo giorno consecutive sono proseguite le operazioni militari nella città  di Hama. I carri armati dell’esercito siriano hanno occupato ieri il centro, la piazza dell’Oronte che aveva ospitato nelle settimane passate le manifestazioni più numerose contro il regime di Bashar al Assad raccogliendo fino a mezzo milione di persone. Residenti riferiscono che le comunicazioni, l’elettricità  e l’acqua sono state tagliate, stesso scenario verificatosi in precedenza a Daraa ed in altre città  colpite dall’intervento militare.

Algeria, Bouteflika si arrende, ma prende tempo: voto rinviato e lui non ci sarà

Loading

Il presidente si piega alle proteste, è la vittoria del movimento «22 febbraio». Da gestire

Economia europea, nei dati Eurostat un crollo annunciato

Loading

Eurostat pubblica i primi dati del Pil, secondo trimestre, dei paesi della Ue. Spagna ultima in classifica con -18,5%, poi Portogallo con – 14,1 e Francia con -13,8. Italia ferma a -12,4

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment