Generali risponde alla Consob sugli affari con Kellner

MILANO – Generali fa chiarezza sugli affari con il partner Petr Kellner, e prepara il cda straordinario sul ruolo del presidente Cesare Geronzi. La compagnia, su richiesta della Consob di informare il mercato «senza indugio», risponderà  prima dell’avvio della Borsa e con una corposa nota darà  rappresentazione giuridica e contabile del contratto che nel 2007 siglò con l’imprenditore ceco socio in Ppf Holding al 49%. Generali ne ha il 51% e un’opzione al 2014 per rilevare la quota di Kellner che la compagnia stima 2,5-3 miliardi. Molti soldi, e per alcuni in tre anni il valore salirà , perché la joint venture ha triplicato gli utili nel primo triennio, ed è finora un ottimo affare per entrambi i soci. Oggi si capirà  meglio se Generali ha ecceduto in riservatezza, nel non rivelare subito le caratteristiche dell’alleanza – e dell’entità  dell’opzione, che se esercitata potrebbe richiedere un lieve aumento del capitale triestino – o se è stata mal contabilizzata l’opzione di Kellner, che ha fatto astenere il vicepresidente Vincent Bolloré dal bilancio 2010 e ha fatto temere al suo sodale Tarak Ben Ammar «un falso in bilancio». «Era meglio che la discussione rimanesse in cda – ha detto ieri a Sky Tg24, Ben Ammar – Aspettiamo via Consob le informazioni che Bollorè ha chiesto per iscritto. Più chiarezza sarà  positiva». Ma l’affare Ppf non diraderà  le nubi, perché nelle stesse ore potrebbe giungere a Geronzi la richiesta di convocare un cda urgente sulle spese della presidenza, le sue deleghe alla comunicazione e il ruolo di Bolloré. La lettera non è ancora partita, ci sono solo le adesioni informali, per questo potrebbe volerci qualche altro giorno. Geronzi non parla, ma anche in ottica di distensione pare intenzionato a favorire comunque un confronto in consiglio entro breve, magari vicino all’esecutivo già  calendarizzato il 6 aprile. L’ex banchiere, come Ben Ammar, cerca di stemperare gli animi. Ma dal canto suo l’ad Giovanni Perissinotto, che pare in rotta definitiva con Geronzi, medita di portare al cda l’iniziativa di un esposto Consob, contro la diffusione di frasi e informazioni capaci di turbare il titolo del Leone.


Related Articles

Africa, una bomba demografica a orologeria

L’Africa è il solo continente che secondo le previsioni raddoppierà  la sua popolazione entro il 2045

Neanche l’afa ferma lo sciopero

FIAT La grande mobilitazione per il «premio di risultato», decisa dalla Fiom, scuote il Lingotto 

Così si rubano 120 miliardi l’anno dall’Iva alla tv, ecco le 7 tasse più evase

Monti: “Staneremo chi non paga, dà  ai figli pane avvelenato”   Il gettito sottratto sfiora il 30% dell’ incasso reale. Irpef al primo posto ma in percentuale l’Ires è in testaLe stime emerse dall’incrocio dei dati della Commissione Giovannini, della Corte dei Conti e della Uil

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment