Malati in gita, niente visita medica “Curiamo solo i pazienti veneti”

Loading

PADOVA – «Qui curiamo solo i veneti». Succede che quattordici liceali di Reggio Emilia siano colpiti da intossicazione alimentare durante una gita scolastica e che gli insegnanti telefonino alla guardia medica ricevendo una risposta sconcertante: «Il medico ha rifiutato di visitare i ragazzi – raccontano allibiti i docenti – aggiungendo che, per legge, si occupava solo di pazienti del Veneto. Abbiamo insistito, l’abbiamo richiamato, non c’è stato nulla da fare». La vicenda – rivelata dal quotidiano Il mattino – si svolge a Montegrotto, località  termale alle porte di Padova scelta come base da una quarta classe del liceo scientifico Zanelli: alloggio in albergo, visite programmate a Venezia, Padova e Verona, pasti forniti dall’hotel. Giovedì sera, un gruppo di giovani si è sentito male in albergo. Incassato il rifiuto, alle insegnanti non è rimasto che chiamare il 118: gli studenti sono stati prelevati in ambulanza e condotti al vicino ospedale di Abano; dopo alcune ore di visite e cure, sono stati dimessi e all’indomani il gruppo è rientrato a Reggio in pullman. Il direttore generale della Usl 16 di Padova, Fortunato Rao, respinge le accuse: «La guardia medica non ha detto no perché i ragazzi erano extraveneti, semplicemente ha suggerito di chiamare l’ambulanza visto il numero di intossicati». Ora indagano i carabinieri.


Related Articles

La giungla delle raccomandate e dei pacchi Altroconsumo: su 1638 invii 246 reclami

Loading

Sul banco degli imputati le Poste, ma anche tra i corrieri privati numerosi disservizi

Coronavirus. L’Europa concede all’Italia spese fuori dal deficit

Loading

Bruxelles terrà conto delle «misure urgenti per salvaguardare la salute» ma dice di «fare attenzione alla sostenibilità dei conti». A maggio sarà riconosciuta una prima «flessibilità» da 6,3 miliardi già prevista dal patto di stabilità

Anarchici, briganti o raver: diritto penale e costruzione del nemico

Loading

È evidente il ritorno a un sistema penale con due distinti codici, uno per “briganti” (che segna corpi e vite) e uno per “galantuomini” (dove il tempo si sostituisce al giudice)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment