Quei Francesi senza bussola

Loading

La Francia occupa in Europa un posto centrale, suscitando nei suoi partner, in maniera ricorrente, grandi attese e forti irritazioni. Queste reazioni contraddittorie nascono dai tre principali paradossi della posizione francese a fronte dell’Europa. Il primo deriva dal contrasto tra la tentazione sovranazionale, oggi fortemente erosa, e la volontà  di costruire un’Europa delle nazioni e dei governi. Jean Monnet, Robert Schuman e Jacques Delors simboleggiano la prima di queste tendenze, mentre la seconda è illustrata dal generale de Gaulle e dai suoi eredi. Di fatto, queste due accezioni contrapposte della costruzione europea convivono in Francia e possono metterla in difficoltà , ma le hanno anche consentito di rimanere a lungo uno dei principali pilastri dell’Ue. Il secondo paradosso sta nel fatto che da un lato la Francia milita per un’Europa forte, mentre dall’altro si accontenta di istituzioni europee deboli. A suo parere, l’Europa dovrebbe consistere in una pura e semplice estensione del modello statuale, politico, economico, sociale e culturale francese, sul quale sviluppare la propria potenza. Ma poiché d’altra parte un’Europa troppo forte rischierebbe di indebolire la sovranità  nazionale e lo Stato-nazione, la Francia diffida di qualunque trasferimento di potere alle istanze europee. Infine, in passato la Francia faceva appello a una cooperazione integrale su scala dell’intera Europa, pur ritenendo, per ragioni storiche e geopolitiche, di dover esercitare un potere politico preminente, in stretta associazione con la Germania, conferendo a quest’ultima un ruolo strettamente economico. Se i due primi paradossi sono tuttora ben presenti e riconoscibili nell’azione politica del presidente Sarkozy, il terzo è in via di esaurimento. La concezione francese dell’Europa è esplosa dopo il 1989, con la caduta del muro di Berlino e il conseguente allargamento dell’Unione Europea, avversato dalla maggioranza dei decisori francesi. La riunificazione della Germania, la crescente potenza della sua economia e la sua fondamentale influenza sui nuovi arrivati hanno destabilizzato l’accoppiata franco-tedesca. Interviene infine un ultimo fattore di natura interna: tra gli anni Quaranta e Novanta la costruzione europea era stata concepita e attuata da élite politiche, economiche e amministrative illuminate, forti del sostegno di una parte della popolazione, al di là  dell’attaccamento dei francesi alla loro nazione e nonostante le rivolte contadine e i violenti scioperi del settore siderurgico degli anni ’70 e ’80. Dagli anni ’90 in poi abbiamo invece assistito al progredire dell’euroscetticismo, dell’ostilità  o addirittura dell’odio verso l’Europa. Lo dimostra la stentata approvazione del referendum sul Trattato di Maastricht nel 1992 (51% di si), e l’esito sferzante e traumatico del voto sul Trattato costituzionale nel 2005 (54,6% di no). Da allora, la Francia esita tra il rafforzamento dell’Europa (ma quale?) e la difesa preminente dei propri interessi. E si ritrova più che mai stretta nella morsa dei due primi paradossi sopra citati. Ma con tre differenze essenziali: un’Europa dei 27, ove i nuovi arrivati non sono affatto grandi estimatori della Francia, e un asse franco-tedesco in crisi. La ridefinizione della presenza francese nell’Unione e quella di un vero progetto europeo sono dunque imperative, per la Francia ma anche per l’Europa, se non vogliamo vederla più che mai incrinata e in regresso. (traduzione di Elisabetta Horvat)


Related Articles

Controrivoluzione. La disfatta dell’Europa liberale. Lo specchio sfocato della democrazia

Loading

«Controrivoluzione. La disfatta dell’Europa liberale» di Jan Zielonka (Laterza). È a Ralf Dahrendorf che il politologo polacco indirizza il suo scritto, come fosse una lunga lettera

Retata e arresti a Hong Kong, l’accusa: «Sovversione»

Loading

La legge sulla sicurezza nazionale colpisce ancora. L’azione di forza del governo di Hong Kong è un malcelato tentativo di eliminare l’intero campo dell’opposizione nell’ex colonia britannica, come già fatto con gli arresti nelle scorse settimane

Mali. Golpe su golpe, tutto il potere ai militari con il colonnello Goïta

Loading

Dimissioni dopo l’arresto per il presidente ad interim Bah N’Daw e il premier Moctar Ouane, tutto il potere ai militari. A Bamako regna la confusione: missione “impossibile” della Cedeao, mentre i lavoratori sospendono lo sciopero generale e le opposizioni appaiono divise

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment