Tutti in piazza il 27 aprile per il welfare

Loading

Saremo tutti insieme nella prima manifestazione nazionale per il welfare che porterà  in piazza migliaia di persone in contemporanea a Napoli, Roma e Genova, mentre in altre città  italiane si terranno sit in di protesta e volantinaggi presso le sedi delle prefetture locali. Sotto lo slogan del movimento napoletano «Il welfare non è un lusso!», diventato nazionale, marceranno anche gli attivisti del Roma Social Pride e della rete di associazioni – tra cui Auser e Fish – che aderiscono alla campagna «I Diritti alzano la voce». Da ogni parte del Paese chiederemo al Governo di ripristinare i fondi nazionali per le politiche sociali, che sono stati assurdamente ridotti di oltre l’80%, passando dai 2 miliardi 527 milioni del 2008 ai poco più di 545 milioni previsti per il 2011, ma anche di introdurre misure di contrasto alla povertà  e di definire una volta per tutte i Livelli essenziali di assistenza, vale a dire quegli standard basilari di assistenza sociale che devono essere garantiti a tutti i cittadini, indipendentemente dalla regione in cui abitano, e che compete allo Stato determinare. A Napoli il corteo partirà  da piazza Dante (alle 9.30) per arrivare a piazza del Plebiscito dove gli operatori sociali costruiranno una montagna di mutande, per sottolineare la decadenza del welfare e di questi tempi. Una delegazione chiederà  di essere ricevuta dal prefetto. Anche a Genova i manifestanti chiederanno di essere ricevuti dal prefetto: l’appuntamento per la mobilitazione è alle 11.30 presso la sede della Prefettura dove saranno distribuiti simbolicamente fiori neri. A Roma il concentramento è alle 10.30 a piazza del Campidoglio. Chiederemo un welfare che risponda ai bisogni concreti delle persone e tuteli i diritti di cittadinanza come diritti costituzionali. Vogliamo un federalismo solidale, chemetta al centro le politiche sociali. Rivolgiamo un appello a tutti i cittadini affinché scendano in piazza il 27 aprile accanto agli operatori sociali. Il welfare è una questione che riguarda tutti. Prima o poi a tutti può capitare di essere fragili, di andare incontro a problemi di non autosufficienza, di ammalarsi o di restare soli, di diventare poveri. Solo attraverso un adeguato sistema di risposte sociali sarà  possibile garantire città  più giuste e più sicure.


Related Articles

Sondaggio Demos-Coop. Cala la popolarità di Francesco, che paga la difesa dei migranti

Loading

Resta il più amato dagli italiani ma rispetto a cinque anni fa il sentimento positivo è scivolato dall’88 al 71 per cento. A sorpresa, il Papa piace meno ai giovani

Muore nella macchina dove viveva dopo lo sfratto

Loading

TORINO — Ieri mattina Anna Maria lo ha chiamato una, due, tre volte: «Silvio, svegliati». Lo ha scosso, ma l’uomo non ha risposto: «Gli ho preso il polso ma non ho sentito il battito». Uscita dall’auto, Anna Maria ha telefonato con il cellulare: «Non c’era credito ma ho composto il numero d’emergenza e ho chiamato l’ambulanza».

Tornano lungo la Senna centinaia di tende da campeggio per i senza dim

Loading

Le hanno montate due associazioni (Medecins du monde e Les enfants de Don Quichotte), per sensibilizzare sulla condizione degli homeless:

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment