Malmstrà¶m: «L’Ue non abbandoni gli stati che affrontano l’emergenza»

Loading

 MILANO – «L’Unione europea non deve lasciare che gli Stati maggiormente esposti ai flussi migratori dal Nordafrica gestiscano da soli l’emergenza: lo sottolinea la commissaria agli Affari interni, Cecilia Malmstrà¶m, presentando il documento elaborato dall’esecutivo di Bruxelles su una politica comune per l’immigrazione. «Non dobbiamo lasciare che sia solo compito degli Stati membri che si trovano alle nostre frontiere esterne gestire le situazioni straordinarie di migrazioni», osserva Malmstrà¶m. Alcuni Stati Ue – si legge nel documento approvato dalla Commissione – «sono più direttamente esposti ad arrivi massicci di migranti rispetto ad altri, ma questa situazione non può essere gestita solo a livello nazionale. Richiede la mobilitazione di tutti gli Stati membri a livello Ue». E se la Commissione «non può imporre la solidarietà », tuttavia «è necessario una migliore ripartizione delle responsabilità  e un aumento della solidarietà  a livello di Unione europea». 
FUGGITIVI – Sono 650 mila, secondo le ultime stime dell’Unione europea, le persone che hanno lasciato la Libia per fuggire guerra e violenze. Il dato è stato reso noto in occasione della presentazione del documento della Commissione sulla politica comune per l’immigrazione. Tutti i fuggitivi si sono rifugiati nei paesi vicini, soprattutto Tunisia ed Egitto, e molti sono già  stati aiutati a tornare nei paesi di origine. Quanto ai migranti che hanno scelto l’Europa, sono oltre 25 mila, soprattutto provenienti dalla Tunisia, e sono sbarcati soprattutto sulle coste italiane, a Lampedusa sostanzialmente, e a Malta.


Related Articles

Afghanistan, Nato colpisce per errore ospedale di ‘Medici senza frontiere’: 3 sanitari morti

Loading

E’ accaduto a Kunduz: risultano anche 30 dispersi. Caccia-bombardieri Usa stanno conducendo raid aerei a sostegno delle truppe di Kabul per completare la riconquista della città strappandola ai talebani

Condanna europea per il carcere duro a Provenzano in fin di vita

Loading

La Corte europea dei diritti umani ha condannato ieri l’Italia per aver lasciato morire Bernardo Provenzano, il capo di Cosa nostra in un regime di carcere duro anche se era ridotto ormai a un vegetale,

Italia, cresce l’occupazione degli stranieri

Loading

Nel triennio tra il 2007 e il 2010 la presenza di manodopera straniera nel mercato del lavoro italiano  è diventata sempre più evidente: da 1,5 milioni di occupati si è passati a poco più di due milioni. Il peso della componente straniera dal 6,5 percento ha raggiunto il 9,1 percento del totale dei lavoratori in Italia. Mentre dunque gli italiani sono calati del 4,3 percento, gli stranieri sono invece aumentati del 38,5 percento, a dispetto della crisi. Sono i dati che risultano da uno studio realizzato dalla Fondazione Leone Moressa, che ha preso in analisi le prime 25 categorie professionali occupate dagli stranieri.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment