Portogallo. Un anno da vivere austeramente

Loading


Pochi mesi fa, quando Pedro Passos Coelho [leader dell’opposizione conservatrice] ha chiesto a Bruxelles di concedere al Portogallo un altro anno per ridurre il proprio deficit, si è sentito dare dell’irresponsabile. Ieri il Portogallo è riuscito a ottenere proprio quello che aveva chiesto. Grazie a Dio. Che cosa faremo adesso per evitare che quest’anno in più diventi “soltanto-un-altro-anno”?

Conosceremo il programma di austerity di Fmi, Bce e Ue soltanto oggi. Sarà  più rigido del Pec IV (il quarto programma per la stabilità  e la crescita), ma non come il “Pec V” che era stato ventilato. Adesso assistiamo al dibattito sulla vittoria politica e al gioco del “è colpa loro” che si trasforma in “il merito è nostro”. I giocatori in campo non sono cambiati: Il Partito socialista (Ps), il Partito socialdemocratico (Psd) e il Partito popolare (Pp). Poi ce ne sono tre che meritano il nostro plauso per la tolleranza di cui hanno dato prova ieri: Fmi, Ue e Bce. Un pizzico di gratitudine sarebbe meglio dell’orgoglio.

L’intervento esterno in Grecia è stato autoritario e improvvisato. In Portogallo è stato soltanto autoritario. La troika ci ha concesso un altro anno per ridurre il deficit di bilancio. Non lo ha fatto per gentilezza, ma perché crede che così il piano abbia più possibilità  di riuscire.

In ogni caso la contentezza sfoggiata ieri dal primo ministro José Socrates è stata eccessiva. L’austerity che abbiamo già  sperimentato e i nuovi provvedimenti che si prospettano all’orizzonte rendono più opportuna la vergogna. Ma le elezioni sono come una festa mascherata, quindi nessuno si offende: i politici sono soltanto maschere.

La buona notizia di ieri sarà  seguita dai dettagli. Ci sono tre tipi di provvedimenti: il consolidamento fiscale del deficit e del debito, le politiche economiche per sostenere la crescita e quelli mirati alla sostenibilità  del sistema finanziario.

I pensionati vedranno contrarsi le loro pensioni di oltre 1.500 euro. Un milione e 400mila famiglie appartenenti alla classe media pagheranno più imposte sul reddito (Irs) tramite i tetti alle sovvenzioni sanitarie e scolastiche. Lo stato privatizzerà  tutto il possibile a prezzi di saldo. I sussidi di disoccupazione saranno ridotti e gli esuberi costeranno meno alle imprese. Saranno tagliati anche gli aiuti a chi compra casa. Le banche saranno costrette a erogare meno prestiti. Le aziende del trasporto pubblico subiranno contrazioni. È allo studio un aumento dell’Iva per compensare la riduzione dei versamenti dell’assistenza sociale delle aziende.

Cambiare vita

A che servirà  tutto ciò? A rimettere il paese a faccia in su. La troika non si è comportata come un semplice agente di recupero debiti. È intervenuta con un piano strategico in grado di rendere l’economia più equa e più competitiva. I portoghesi, che sono conservatori, lo desteranno. Ma a comandare  adesso ci sono i liberali (la troika). Non sono portoghesi e nono sono stati eletti da portoghesi, eppure comandano loro.

Le banche subiranno un contraccolpo, ma il loro accesso alla liquidità  sarà  garantito. Tale liquidità  sarà  infusa nell’economia, ad alcune condizioni. Le leggi del lavoro saranno allentate, la mobilità  sociale crescerà , gli aumenti di stipendio dipenderanno dalla produttività  invece che dall’inflazione e impareremo a vivere in base all’economia nominale, senza stimoli. Le imprese dei settori protetti perderanno i loro privilegi e ci sarà  maggiore concorrenza. Il sistema giudiziario portoghese – così si auspica – sarà  riformato.

Abbiamo un altro anno per fare tutto ciò. È una gran bella notizia, ma non sarà  una festa. Sarà  dura. Dovremo cambiar vita. Ma meglio cambiare la nostra vita che la nostra valuta, la nostra sovranità  o il nostro paese. Buon anno nuovo. (traduzione di Anna Bissanti)


Related Articles

Suicida Oksana Shachko, tra le fondatrici delle Femen

Loading

Femen. Oksana, 31 anni, era stata nel 2008 assieme a Anna Hutsol e Inna Shevchenko una delle fondatrici nel 2008 a Kiev del movimento Femen

Hong Kong: due giorni di proteste, 49 arresti

Loading

Occupy Hong Kong. A Pechino il chief executive dell’ex colonia ricevuto dalla leadership del Pcc

Altro che sovranisti! Il governo Conte sull’Iran si inchina a Trump in cambio della beffa libica

Loading

Il nostro governo (o una parte di esso), piuttosto isolato in Europa, preferisce inchinarsi a Trump ottenendo in cambio la beffa della «cabina di regia» in Libia che alla fine si riduce ad una sorta di lettera di licenziamento per Sarraj

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment