Cina, aperta un’inchiesta sulle miniere di carbone

Secondo quanto riferito dall’agenzia Nuova Cina, le autorità  della Mongolia Interna cinese hanno deciso di aprire un’inchiesta sulle miniere di carbone presenti nella regione, in seguito alle esplicite richieste avanzate dai manifestanti mongoli, in rivolta da giorni. Le tensioni e gli scontri con i reparti della polizia sarebbero dilagati dopo l’uccisione di Mergen, un pastore locale che il 10 maggio scorso è stato investito e trascinato via per oltre 150 metri da un camion che trasportava carbone.

Un tribunale della regione starebbe già  preparando il processo contro quattro persone ritenute responsabili di aver ucciso l’uomo mentre protestava per il rumore e l’inquinamento che le attività  legate al carbone hanno portato nella sua terra, dove i cittadini di etnia mongola rischiano di perdere il proprio tradizionale stile di vita.

Il governo di Pechino aveva fatto sapere negli scorsi mesi di voler avviare nuovi progetti per lo sfruttamento del carbone di cui la Mongolia è molto ricca, suscitando così nella popolazione locale molte preoccupazioni, tra cui quella di nuove ondate di immigrazione da parte di cinesi han. Sono circa quattro milioni i mongoli che vivono in Cina, la maggior parte proprio nella Mongolia Interna, di cui rappresentano il 20 percento della popolazione totale.


Related Articles

Cosa esce dai nostri rubinetti

Non solo l’arsenico a Viterbo. Viaggio nell’Italia dove si moltiplicano i casi di inquinamento chimico del bene più prezioso 

L’Antitrust condanna Apple e Samsung per l’obsolescenza programmata

L’antitrust ha condannato le due compagnie a pagare multe milionarie per aver rilasciato aggiornamenti dei software che hanno mandato in tilt gli smartphone più vecchi

Gli Usa «bevono» meno benzina

Lester Brown lo definisce una «nuova tendenza storica», e forse è ottimista. Il dato però è interessante: negli ultimi quattro anni negli Stati uniti le emissioni di anidride carbonica sono scese del 7 per cento. Così fa notare l’ultimo studio del Earth Policy Institute di Washington, l’istituto di ricerca ambientale fondato e diretto da Lester Brown. Per la precisione, spiega, negli anni tra il 2007 e il 2011 sono scese del 10% le emissioni dovute all’uso di carbone, e dell’11% quelle dovute al consumo di benzina.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment