La Bri mette in guardia i Paesi più grandi “Tagliate i debiti o rischio nuova crisi”

Loading

Ad affermarlo è la Banca dei regolamenti internazionali (Bri), che in occasione del suo rapporto annuale chiede pertanto alle economie avanzate di procedere senza indugi alla riduzione del debito pubblico e privato, e mette in guardia anche i Paesi emergenti. Infatti, anche se l’economia mondiale ha continuato a migliorare nell’ultimo anno, «gli squilibri finanziari internazionali stanno facendo la loro ricomparsa», e pertanto «le autorità  commetterebbero un errore» ad abbassare la guardia proprio adesso.


Related Articles

Biggeri: «La Tobin Tax? A questo punto meglio non approvarla»

Loading

ugo biggeriUgo Biggeri, presidente di Banca Etica – Fonte: Google

La norma dovrebbe entrare nelle Legge di Stabilità , ma il testo in via di approvazione stravolge «completamente il senso del provvedimento: colpisce i piccoli investitori e salva gli speculatori dei derivati»

Solo trenta giorni per evitare il default Atene ha le casse vuote

Loading

L’EUROPA ha un mese di tempo per decidere se salvare la Grecia o se abbandonarla al suo destino, costringendo Atene a uscire dall’euro

Licenziamenti economici, corsa a ostacoli per il reintegro

Loading

Una «riforma di portata storica« davvero, se l’attuale Parlamento di «nominati» la farà  passare così com’è. In estrema sintesi: cambia realmente tutto – in molto peggio – per quanto riguarda le tutele dei lavoratori dipendenti, quasi nulla sulla precarietà . Vediamo dunque le partite principali, tenendo conto del testo e non delle parole spese in conferenza stampa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment