L’unione EUROPRIDE

ROMA – Piazza Vittorio, cuore pulsante di una Roma multietnica «già  abituata alle differenze». È questa la sede scelta per EuroPride Park 2011. Insieme a immigrati di ogni provenienza e residenti romani che vivono quotidianamente la piazza più animata del quartiere Esquilino, sono tantissime le persone «contrarie a ogni tipo di discriminazione – come sottolinea Rossana Praitano presidente del Comitato EuroPride 2011 e del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, assegnatario ufficiale dell’evento – che stanno partecipando (dall’1 al 12 giugno) ai dodici giorni di discussioni, dibattiti, esposizioni e spettacoli dedicati al mondo lgbtqi (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersessual, ndr)».
Gli eventi dell’EuroPride, che oltre a Piazza Vittorio toccano molti punti nevralgici della cultura della Capitale come il Teatro Eliseo o l’Auditorium, culmineranno con il grande corteo di sabato pomeriggio, giorno in cui decine di migliaia di persone sfileranno da piazza dei Cinquecento (ore 15) al Circo Massimo, dove si terrà  la performance di Lady Gaga, attesa star internazionale. «Essere orgogliosi di quello che siamo» sintetizza il documento politico di presentazione dell’EuroPride romano. Un Pride con il quale prende visibilità  un’immensa galassia di associazioni lgbtqi. Un «orgoglio» non scontato in un’Italia fanalino di coda dell’Europa in tema di diritti.
E non è un caso che sia stata proprio Roma, città  «del Vaticano», a ricevere il testimone di Varsavia che ha ospitato l’EuroPride nel 2010. La bocciatura in Commissione Giustizia «di una pur banale» legge contro la violenza omofoba non è che l’apice di un paese che «a differenza di tutti i fondatori dell’Unione Europea, non riconosce alcun diritto agli omosessuali, mostrandosi invece più in linea con i paesi dell’est europeo, come la Polonia, ostacolati da una forte influenza religiosa» spiega Andrea Maccarrone del direttivo dell’European Pride Organiser Association, organizzazione che raccoglie numerose associazioni lgbtqi europee, incaricata di eleggere le città  dell’EuroPride.
Rivendicazione di diritti
Del resto Roma è anche il luogo fisico «dove si mette a dura prova la laicità  di uno stato» afferma Paolo Patanè presidente di Arcigay, «garanzia di un diritto di uguaglianza che nel nostro paese rimane incompiuto». Matrimonio civile per gli omosessuali, riconoscimento delle coppie di fatto «per tutti», libertà  di orientamento sessuale senza ripercussioni su lavoro, scuola e vita affettiva. L’EuroPride oltre a costituire un importante momento di incontro per la comunità  lgbtqi internazionale è rivendicazione di diritti.
C’è chi si sente «genitore a metà » racconta Marina dell’associazione Famiglie Arcobaleno che, a rappresentanza delle tantissime coppie omosessuali in Italia con bambini, spiega come «solo i genitori biologici possono essere riconosciuti padre o madre». C’è chi invece dopo la scoperta dell’omosessualità  del proprio figlio si sente «genitore due volte» per aver dovuto abbandonare quegli stereotipi, codice genetico della società  italiana, «con i quali avevamo cresciuto i nostri figli» testimonia Ettore Ciano presidente dell’Agedo Roma, Associazione genitori di omosessuali.
«La parte più debole dell’universo lgbtqi» è invece la componente trans che rappresenta «l’orientamento sessuale più visibile e di conseguenza più soggetta a subire violenze, sia fisiche che psicologiche» spiega Porpora Marcasciano del Movimento Identità  Transessuale. È ancora lungo l’elenco di realtà  lgbtqi che hanno aderito all’EuroPride 2011, così vario da essere sintetizzabile solo dai colori sgargianti dell’arcobaleno simbolo di questo universo. Ci sono realtà  territoriali, come Stonewall Siracusa o il Milk di Milano, ci sono associazioni queer, collettivi di studenti lgbtqi, fino ad arrivare all’associazione Polis Aperta costituita dai lavoratori delle forze di polizia stanchi di subire ripercussioni per il proprio orientamento sessuale, e ai cattolici di Nuova Proposta. Tra queste realtà  anche la Rete Lenford, l’associazione di avvocati che informa e difende «tutti coloro che hanno problemi legati all’omogenitorialità , al riconoscimento di coppia o all’affermazione di identità » spiega Antonio Rotella.
Non manca, ovviamente, l’ala “movimentista”: il coordinamento Orgogliosamente e quello Facciamo Breccia secondo cui «nella fortezza Europa la lotta contro il sessismo si porta avanti congiuntamente ai diritti di cittadinanza» spiega Elena Biagini. Ed è proprio sulla scia del riconoscimento di diritti per tutti che le adesioni all’EuroPride, dove tra i volantini del locale Coming Out si possono trovare anche quelli dei “4 sì” per il referendum, non si limitano all’universo lgbtqi. «Human rights are my pride» scrive Amnesty International. «Europa 2020: crescita inclusiva e diritto all’uguaglianza» è il titolo della conferenza organizzata presso la sede della Cgil a Corso Italia 25 (10 giugno ore 9,30) promossa all’interno dell’EuroPride a cui parteciperanno sindacati da tutta Europa. Oltre a loro associazioni studentesche, culturali, ambientaliste e una lunga serie di partiti del centrosinistra e di politici che sostengono e animano il fitto calendario di eventi dell’EuroPride.
Nonostante le adesioni e il patrocinio di Comune e Provincia di Roma e della Regione Lazio, con tanto di auguri ufficiali da parte del Sindaco Alemanno e della Presidente Polverini, il grande assente del Pride dei diritti rimangono i governi, «freno istituzionale all’affermazione della nostra dignità » è il sentimento diffuso.
Ora tutte le attenzioni sono puntate sulla parata di sabato quando insieme a delegazioni di realtà  lgbtqi da tutto il mondo salirà  sul mega palco del Circo Massimo Lady Gaga, «da tempo famosissima paladina dei nostri diritti». Per l’evento sono attese oltre 500mila persone e il rischio per i pomodori simbolo dell'”orgoglio etero” che Fiamma Tricolore vorrebbe lanciare contro l’artista americana è quello di aggiungere solo un altro colore a un fiume di gente che contro «una pericolosa omofobia purtroppo diffusa nel nostro Paese» risponde: «Orgogliosi di essere quello che siamo».


Related Articles

Discriminazione su tv e internet, Unar: “In crescita le istruttorie nel 2012”

Nel 2011 su 1000 casi il 22,4% ha riguardato il settore dei media e di queste l’84% fenomeni di xenofobia o razzismo su internet. Appello al governo perché ratifichi il protocollo opzionale del Consiglio d’Europa sul Cybercrime

Lampedusa, naufraga barcone dopo incendio 62 vittime, fra loro donna incinta e 2 bambini

Lampedusa, naufraga barcone dopo incendio 62 vittime, fra loro donna incinta e 2 bambini "Ma mancano all'appello 250 persone"(ansa)

“Ma mancano all’appello 250 persone”

Nei pressi dell’isola dei Conigli, a bordo cinquecento persone. Un nuovo disastro a pochi giorni dalla tragedia di Ragusa.  Tantissime persone ancora in mare, la disperazione dei soccorritori. Arrestato uno scafista. Prima della tragedia un altro sbarco di 463 extracomunitari

«Sieropositivi discriminati in Marina»

La denuncia delle associazioni: «Il ministro intervenga»

interrogazioni parlamentari del pd

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment