CROAZIA. Estradato ex-premier Sanader Una mina per il governo

Loading

Sanader, per ragioni di sicurezza, è detenuto in una cella singola nella prigione di Zagabria. Secondo la tv, lunedì sera gli altri detenuti avrebbero accolto l’ex primo ministro con cori ostili, quali «Ivo, sei un ladro!». Sanader è per ora indagato solo in un caso di corruzione, ma la stampa negli ultimi mesi ha parlato di altri scandali che potrebbero interessare la magistratura. Secondo gli inquirenti l’ex premier avrebbe ordinato personalmente ad alcuni manager di aziende pubbliche di commissionare servizi di pubbliche relazioni a una società  di sua fiducia, tramite bandi di concorso fittizi. I servizi venivano poi prepagati e i soldi trasferiti sui fondi neri del suo partito, la Comunità  democratica croata (Hdz, centro-destra).
I suoi legali hanno annunciato che Sanader «intende difendersi in modo attivo». Questa formulazione, secondo i giornali, ha suscitato scompiglio e timore tra le file dell’Hdz e del governo. Molti temono che Sanader vorrà  vendicarsi con i suoi ex più stretti collaboratori che gli hanno voltato le spalle, a cominciare dall’attuale premier Jadranka Kosor, alla quale nel luglio del 2009 ha lasciato le redini del partito e del governo. Kosor era la vice-premier di Sanader. Molti sostengono che per quanto sia stata lei a lanciare la campagna anti-corruzione che ha coinvolto Sanader e altri tre ex ministri, oltre a decine di altri alti funzionari politici ed economici, la sua credibilità  resta dubbia.
Il rientro di Sanader avviene in un momento molto delicato per il governo, a pochi giorni dall’annuncio della data delle elezioni politiche, il 4 dicembre prossimo. Il processo contro di lui sarà  uno dei temi scottanti della campagna elettorale. Kosor ha dichiarato che il caso Sanader non è una questione politica, «ma unicamente materia giudiziaria» e che lei e il suo partito sono i primi nella lotta alla corruzione. L’opposizione ribatte che i dirigenti Hdz che oggi demonizzano Sanader, due anni fa erano suoi fedelissimi collaboratori.


Related Articles

L’Europa grande assente

Loading

C’è un sentire diffuso che la campagna elettorale sia stata deludente e inadeguata. Se non cambia qualcosa, gli anni a venire vedranno un drammatico impoverimento del paese. Non c’è ragione per cui il calo del prodotto nazionale non prosegua per molto tempo. Già  ora ci vorranno anni per recuperare i livelli di benessere del 2007, e di problemi di giustizia sociale e di modernizzazione ne avevamo già  allora da vendere. Ora si è andati indietro. Che lo snodo principale fosse quello europeo, gli economisti più avveduti si sono sperticati a dirlo.

La Gre­cia verso un «compromesso onorevole»

Loading

Qual­cosa deve essere suc­cesso negli ultimi giorni se per­fino molti media euro­pei a que­sto adusi, hanno smesso di insul­tare i greci e il governo che si sono scelti

Un presidente «americano» per l’Afghanistan che verrà 

Loading

Il Washington Post ospita pezzo di un consulente dei servizi senza avvertire i lettori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment