Le migliori lauree d’Italia

Loading

    La migliore facoltà  di medicina in Italia? È di sicuro a Perugia. E certamente anche a Milano. E poi a Verona, a Pavia, ce n’è una a Firenze, un’altra a Siena, e perché no una a Brescia… A sentire l’opinione degli universitari iscritti, l’Italia è piena di “migliori facoltà  di medicina”. Ognuno rivendica la superiorità  dell’ateneo che ha scelto, o dovuto scegliere. Gli studenti e anche i professori. Ma la migliore facoltà  di medicina in Italia è solo una: quella dell’università  di Padova. Non per simpatia, per merito. I suoi docenti sono di altissimo livello, così come le aule, i computer in dotazione, la biblioteca e tutte le altre strutture (didattica, voto 109). La percentuale degli studenti che portano a termine il ciclo di studi nei tempi stabiliti è tra le prime in Italia (produttività , 100).
Ha ottimi rapporti con università  estere (relazioni internazionali, 96). Produce progetti di ricerca innovativi e di qualità , riconosciuti universalmente nel settore medico (ricerca 110). Meriti che gli valgono, nella classifica del Censis delle “vere” migliori facoltà  italiane, una valutazione complessiva di 103,8 punti su un massimo di 110 (e un minimo di 66). L’eccellenza italiana doc. E tra i grandi atenei Bologna “la dotta” si conferma al primo posto, come nel 2010.
Una valutazione che è stata fatta, ateneo per ateneo, facoltà  per facoltà , sulla base di quattro parametri oggettivi, costruiti con dati reali e indicatori forniti dalle stesse università . Ne è venuta fuori una guida utile per il neodiplomato che non vuole basarsi solo sulle chiacchiere per scegliere, e utilissima al genitore che deve fare i conti con eventuali spostamenti fuori sede.
E così si scopre che bisogna andare a Bologna per avere il top della facoltà  di Psicologia, che prende il voto pieno, 110, per la didattica e la produttività . Per diventare medici e avere il posto assicurato o quasi (lavora il 97,2 per cento di chi si laurea nel settore sanitario, secondo i dati del consorzio universitario AlmaLaurea) bisogna trasferirsi a Padova: non c’è solo la miglior facoltà  di Medicina e Chirurgia (103,8 punti contro i 98,2 di Perugia e Milano Bicocca), ma anche quella di Veterinaria. A Ferrara invece si trova il gotha di Architettura (con un punteggio di 105,4 ha scavalcato in questa materia l’università  di Sassari, fino all’anno scorso in cima alla classifica). Per il corso di laurea in Economia, la tappa obbligata per chi vuole il massimo è ancora l’università  di Padova, mentre è in calo quella di Trento, passata dal secondo al quinto posto nella graduatoria. Per Farmacia, Trieste ha scalzato Bologna, finita al quarto posto. Giurisprudenza, una delle facoltà  con più iscritti in Italia, ha la sua espressione massima nell’ateneo di Siena, ma da segnalare il gran passo in avanti fatto da quello di Udine, dal diciasettesimo al sesto posto in un anno. Il salto di qualità  dell’ateneo friulano non si registra soltanto nelle materie giuridiche. Udine primeggia nella classifica di Lettere e Filosofia (nel 2010 era settima), Lingue e Letterature straniere, Scienze della Formazione. Roma vince la “gara” tra facoltà  di Scienze Motorie, Milano è la capitale morale di Ingegneria, con il Politecnico che ottiene un punteggio di 101,6, seguito poco più indietro da quello di Torino.
Non sempre, però, le migliori facoltà  si trovano negli atenei più grandi. Il Censis li ha valutati sui parametri dei servizi offerti, delle borse di studio, delle strutture, della rete Internet e dei rapporti internazionali. Se è vero che Bologna (90,7 di punteggio) è in testa nella sezione “big”, quelli con più di 40 mila iscritti (Milano è sesta, la Sapienza di Roma settima), l’eccellenza si trova negli atenei medi come quello di Trento, che ha raccolto un punteggio medio di 101,4 grazie soprattutto al numero e alla consistenza delle borse di studio offerte agli iscritti e alla qualità  ottima del collegamento a Internet di aule e laboratori.


Related Articles

ECONOMIA. La classifica Heritage Foundation-Wall Street Journal

Loading

NULL (da “La Repubblica”, giovedì 5 gennaio 2006,pagina 35 – Economia) Nell´aggiornamento della classifica Heritage Foundation-Wall Street Journal il nostro

La società della trasparenza non è sinonimo di libertà

Loading

WikiLeaks ha avuto grandi e indubbi meriti nello svelare i segreti dei potenti. L’ingenuità, però, sta nell’ignorare i rapporti di forza insiti nelle società

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment