TUNISIA. Adolescente ucciso dai poliziotti, riesplode Sidi Bouzid

Loading

E improvvisamente è sembrato di ritornare alle origini della «rivoluzione dei gelsomini», scoppiata proprio a Sidi Bouzid, il 17 dicembre dello scorso anno, quando Mohamed Bouazizi (un venditore ambulante) si era dato fuoco per protesta, dando il via alla rivolta che avrebbe portato alla caduta di Ben Ali.
Da qualche giorno la violenza è tornata a percorrere le strade della Tunisia, un segnale che lo scontro tra rivoluzione e controrivoluzione è duro, perché i delusi della rivoluzione non sono disposti ad accettare una loro emarginazione. La rivolta era partita da Sidi Bouzid ma proprio qui, nel centro-sud della Tunisia, non si è visto nessun risultato della rivoluzione. A maggio avevamo incontrato diversi giovani che ci avevano preannunciato che non si sarebbero arresi. Cosa farete? avevamo chiesto. «O una nuova rivoluzione o c’imbarchiamo per Lampedusa». Molti hanno tentato la traversata ma c’è anche chi ha scelto una nuova rivoluzione, o almeno la rivolta. Non solo a Sidi Bouzid. Anche a Tunisi e in altre città  è partita «Kasbah 3», dal nome del palazzo di governo. Non tutto è così chiaro, c’è anche chi vuole imprimere un altro segno alla rivolta finora pacifica. Negli scontri del fine settimana ci sono stati gruppi che a Menzel Bourghiba, a 65 chilometri dalla capitale, hanno preso d’assalto le caserme, impossessandosi di armi e munizioni.
A indagare sulla morte di Thabet Belkacem sarà  la giustizia militare e non quella civile, segno che la situazione è tutt’altro che normalizzata. Se la protesta è comprensibile di fronte alle difficoltà  della rivoluzione nel raggiungere gli obiettivi prefissati, sembra che in questa fase, soprattutto in vista delle elezioni della costituente del 23 ottobre, si stiano attivando anche altri protagonisti: islamisti (alcuni accusano Ennahda di volersi appropriare della piazza) ed ex militanti del Rcd (il disciolto partito di Ben Ali).
Accuse precise sono state rivolte ieri – in un improvvisato discorso televisivo alla nazione – dal premier Beji Caid Essebsi a quei «partiti politici» e «movimenti marginali» che hanno la consapevolezza di non poter affrontare le elezioni e le vogliono cancellare. Forze integraliste sarebbero all’origine di un tentativo di destabilizzazione del paese: il premier ha esplicitamente fatto riferimento a «movimenti estremisti religiosi», aggiungendo che però non sono i soli: «Noi non vogliamo né estremismo di destra né di sinistra». Essebsi ha quindi chiesto a tutti i partiti di schierarsi contro le forze integraliste, assicurando che le elezioni si svolgeranno il prossimo autunno, come previsto. «Quelli che hanno rubato le armi vogliono rovesciare il regime» ma «il popolo tunisino ha fatto una rivoluzione e nessuno potrà  appropriarsi di questa rivoluzione», ha concluso.
A Sidi Bouzid ieri era tornata la calma ma la città  – continuamente sorvolata da un elicottero – è ancora sotto shock e regna un clima di paura: molti negozi sono rimasti chiusi.


Related Articles

Iran, Obama tende la mano a Netanyahu

Loading

Telefonata dopo lo show sulla Bomba. La Del Ponte commissaria Onu per i crimini in Siria  

Ceta. Primo passo per la ratifica al parlamento europeo

Loading

Bruxelles. Il trattato di libero scambio Ue-Canada, ottenuto il via libera della commissione Commercio internazionale, dovrà essere approvato a Strasburgo in seduta plenaria a metà febbraio

E Parigi teme l’astensione

Loading

PARIGI – Mancano dodici giorni al primo turno delle presidenziali e sull’elezione plana una minaccia: un’astensione record, come nel 2002 quando il socialista Jospin non riuscì ad arrivare al ballottaggio, superato da Jean-Marie Le Pen. Le presidenziali sono, storicamente, le elezioni dove l’astensione è minore, ma questa volta potrebbe esserci una brutta sorpresa sulla scia del trend di tutti gli altri voti, dove l’astensione è in crescita da trent’anni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment