Borse in volo dopo la grande paura Milano +4,1%, brilla Wall Street

MILANO – Sembra la classica seduta di rimbalzo tecnico per le Borse europee. Non lo è, perché la volatilità  – pure in calo – resta su livelli inediti dal fallimento di Lehman. Tuttavia mancano le cattive notizie, a fronte di tre novità  incoraggianti: l’incontro di martedì tra Sarkozy e Merkel sulla crisi nell’Eurozona; il divieto a vendere allo scoperto atteso oggi dalla Consob e confermato dalla Esma anche per Belgio, Francia e Spagna; il calo inaspettato dei sussidi di disoccupazione Usa. In serata Obama dal Michigan ha dato una spinta anche a Wall Street: «Repubblicani e democratici devono guardare oltre il voto, oltre il calcolo elettorale, e trovare un terreno comune per accelerare la ripresa della crescita e dell’occupazione».
Così il pestaggio quotidiano dei mercati al mondo lascia indenni le Borse, che in parte recuperano. Anche il differenziale tra Btp e Bund tedesco resta sotto controllo: apre a 288 punti base, chiude a 272, per un rendimento poco sopra il 5%, sempre grazie alla Bce che compra i governativi italiani. Il Ftse Mib a Piazza Affari chiude tra i migliori: +4,1%. Seguono con un +3,56% Madrid, +3,11% Londra, +2,89% Parigi, +3,28% Francoforte e +5% Zurigo, dove le autorità  stanno avendo ragione del franco svizzero che schiaccia l’economia ma ieri è tornato a 1,07 sull’euro. Tra le valute si segnala il record dello yuan sul dollaro oltre 6,4, per la prima volta da quando (1993) la Cina ha unificato tassi di cambio e mercati valutari. E anche l’oro ha bucato l’ennesimo record, a 1.814 dollari l’oncia in Asia.
A New York gli indici hanno preso abbrivio (+3,9% Dow Jones e +4,69 Nasdaq nel finale) per il dato sul lavoro: in settimana hanno chiesto il sussidio 395mila persone, minimo da aprile e 7mila meno delle stime. Solo a metà  seduta le Borse europee hanno avuto paura. Quando il dato sulla bilancia commerciale Usa (a giugno 53 miliardi di dollari, +4,4% e massimo da tre anni, si attendeva un calo a 48 miliardi) ha girato al rosso i derivati di Wall Street. E in Europa s’è sparsa voce che Bnp Paribas avrebbe appostato altri 500 milioni per perdite su bond greci.
Ma la sindrome francese, già  vista mercoledì con cali vicini al 20% delle banche locali, è stata stoppata da Banca di Francia e dall’Amf, che controlla il mercato». L’Amf a ore potrebbe vietare le vendite allo scoperto, che alimentano le spirali ribassiste della Bourse. Identica misura l’avrebbe in canna prima dell’avvio odierno dei mercati la Consob, che si coordina con l’Esma europea. Già  in Grecia le vendite senza possesso dei titoli sono vietate. Resta chiara l’impressione che nessuna “requie” darà  la speculazione finché non appariranno all’orizzonte riforme stabili per mettere in sicurezza i conti dei Paesi a rischio. Lo ha ribadito, ieri, la stessa Bce: «Il direttivo accoglie con favore gli annunci di Italia e Spagna su nuove misure e riforme nelle politiche fiscali e strutturali. È essenziale una loro attuazione decisa e celere per migliorare significativamente competitività  e flessibilità , e ridurre rapidamente i disavanzi».


Related Articles

«C’è l’intesa per salvare Cipro» Sì al taglio sui maxi depositi

Maratona notturna, poi l’Eurogruppo. Apertura della Germania Dai bancomat non più di 100 euro al giorno. Il ruolo di Draghi

Magneti Marelli, assemblee fuori dalla fabbrica

O la firma o la vita. Siccome la Fiom non ha voltuto firmare, deve morire. Il caso della Magneti Marelli di Bologna, la ex-Weber, un’icona nella storia operaia tra le due Torri, è talmente paradossale da sembrare inventato.

Iva e ticket, le tasse possibili della manovra

Lupi annuncia il taglio dello sconto sulle ristrutturazioni edilizie. Nel mirino agevolazioni e successioni. Il nodo delle coperture e l’impegno del governo con l’Europa di non aumentare la pressione fiscale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment