Italia in crisi, il Tesoro corre ai ripari e convoca il Comitato per la stabilità 

Loading

MILANO – «Le banche italiane sono le principali vittime di ciò che sta accadendo sui mercati: hanno ricapitalizzato più delle altre, sono poco esposte sui paesi periferici, hanno bassa leva e bassa redditività . Ma sono le più colpite dalle vendite». Non è facile trovare spiegazioni plausibili tra gli analisti e gli operatori londinesi su ciò che sta succedendo sui mercati finanziari. E proprio per questo, probabilmente questo pomeriggio, si riunirà  il Comitato per la stabilità  finanziaria, coordinato dal ministero dell’Economia alla presenza di Banca d’Italia, Consob e Isvap. La situazione è grave, secondo gli esperti del Tesoro, ma comune a tutta Europa se è vero che le vendite di questi giorni hanno colpito anche i Bonos spagnoli e gli Oat francesi. Vendite prontamente assorbite dal sistema bancario. Forse Tremonti & C. vorrà  dare un segnale alla Bce, chiamata a dare liquidità  ai mercati piuttosto che seguire il pericolo dell’inflazione come faceva la Bundesbank.
Ma i mercati sono nervosissimi. È bastato un dato negativo sull’indice manifatturiero Usa per far tornare d’un colpo l’incubo della recessione. Gli hedge fund si sono accaniti sul Btp italiano e sui titoli delle banche, come al solito in questo periodo. Sul mercato solo venditori, di compratori neanche l’ombra. «Bisogna tener presente che in questi giorni sul mercato del Btp i volumi sono molto bassi e basta poco per spostare anche di molto i prezzi», dice il banchiere di una banca d’affari. E così è stato intorno alle 15,45 quando il differenziale di tasso tra Btp e Bund è tornato ad ampliarsi arrivando a toccare, prima della chiusura, i 355 punti, livello record dall’ingresso dell’Italia nell’euro. «Il vero spread è almeno 100 punti più basso, se solo si guardasse ai fondamentali dell’Italia – prosegue il banchiere – il resto è “short”, vendite allo scoperto in un mercato poco liquido».
Tuttavia è un dato di fatto che il mercato in questi giorni convulsi bada poco ai fondamentali e semmai guarda alla crisi di credibilità  di cui sta soffrendo l’Italia. La situazione è peggiorata quando sui giornali italiani è apparsa l’inchiesta su Marco Milanese, l’ex braccio destro del ministro Tremonti, che ha finito per indebolire l’unico esponente del governo che godeva di un certo credito all’estero. E c’è chi comincia a pensare che la speculazione sia in realtà  salutare se riesce a forzare la politica a fare ciò che bisognerebbe fare. Già , ma che cosa? Anche nel mondo finanza non ci sono idee chiare: chi propende per un governo Monti ma solo se avesse “le spalle larghe”, chi indica la strada delle elezioni sul modello Spagna-Zapatero. Ma nessuno sa dire se ciò può bastare a invertire la tendenza in atto. In questo momento fanno premio i valori assoluti, piuttosto che le percentuali. E l’Italia, come è noto, ha il terzo debito più grande del mondo, dopo America e Giappone.
Qualcuno arriva a dire che l’unico in grado di raddrizzare la baracca sarebbe Mario Draghi, ma purtroppo se ne va a guidare la Bce. Fatto sta che in assenza di una svolta si vive in trincea. Le banche sono obbligate, con le buone o spinte dal Tesoro, a sottoscrivere il debito italiano in scadenza. Per conto proprio o degli italiani che ora sono in vacanza ma che hanno sempre confermato la propria fiducia nello Stato italiano. Le stesse banche dopo le ricapitalizzazioni potrebbero andare a coprire quasi interamente la quota di titoli di Stato oggi ancora in mano a istituzioni straniere. Le banche francesi, poi, non possono disimpegnarsi dall’Italia in quanto è il loro secondo Paese di riferimento per attività . Ma l’agguato può essere dietro l’angolo. Basta un dato negativo e d’un colpo gli hedge fund potrebbero portare lo spread alle stelle, mettendo il governo italiano con le spalle al muro. Intanto, i valori di Borsa sono scesi a livelli minimi e aprono varchi prima impensabili per chi volesse introdursi sul pur solido sistema italiano. Con un anno di cash flow il colosso anglo-cinese Hsbc potrebbe papparsi l’Unicredit, la più internazionale delle banche italiane. Le Generali, storico cane da guardia del sistema, vale ormai meno di 20 miliardi di euro. Domani cominceranno a uscire i dati semestrali delle banche da cui potrebbero emergere segnali di rallentamento. Mentre per le assicurazioni la contabilizzazione delle perdite su Bot e Btp potrebbe andare a intaccare i coefficienti di solvibilità . Dunque se già  oggi i mercati non daranno un segnale positivo sul Btp, dopo il voto Usa sul tetto al debito, la situazione diventerà  ancora più critica.


Related Articles

Legge di stabilità, i deboli restano scoperti

Loading

Esodati, pensioni, pubblico impiego: tutti capitoli per il momento senza risposta. Il ministro Padoan annuncia una «nuova salvaguardia», ma vanno trovate le risorse

Generazione Neet

Loading

Bologna University students at Piazza Santo Stefano.   Bologna University students at Piazza Santo Stefano. Micrus

In Europa ci sono 14 milioni di giovani che non studiano e non lavorano. Con la crisi il fenomeno cresce di anno in anno, assumendo i contorni di una vera emergenza sociale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment