L’opposizione va all’attacco: fuori la verità  sulle richieste Bce

Loading

E temono che nasconda chissà  quali richieste di impegni, volutamente sottaciuti da Palazzo Chigi. «Vogliamo la verità » tuona Pier Luigi Bersani sostenendo che «è incredibile e inaccettabile che l’opposizione non abbia avuto fin qui comunicazione alcuna sui vincoli ai quali la comunità  europea e internazionale ci sta sottoponendo» . Bersani si domanda con preoccupazione: «Che cosa davvero ci stanno chiedendo la Bce e le istituzioni internazionali? Un governo impotente, totalmente screditato e ormai commissariato dica almeno qual è la situazione reale» . Dubbi analoghi solleva, con accenti simili, la segreteria della Cgil che accusa l’esecutivo di non dire come stanno veramente le cose.
«L’insistente notizia — si legge in una nota — che vi sarebbe una comunicazione formale della Bce che indica al governo le misure da prendere dà  corpo alla preoccupazione che si stia vivendo in un Paese commissariato e privo di autonomia» . Per il sindacato si tratta di una questione di «correttezza democratica» . Il governo, è l’ingiunzione della Cgil, deve «rendere nota senza omissioni la comunicazione o la lettera della Bce: così ciascuno potrà  in trasparenza valutare a che punto di crisi è giunto il Paese senza il velo delle continue omissioni e menzogne dell’esecutivo» .
Il leader dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro, si spinge oltre, chiedendo le dimissioni del premier Berlusconi e, come conseguenza di questo atto, il ricorso alle elezioni anticipate. «L’Italia — scrive sul suo blog — è oggi sotto tutela della Ue e un governo sotto tutela non è libero, non è democratico e non è in grado di restituire quella fiducia di cui lo nostra economia ha bisogno per non affondare» .
Da queste considerazioni l’ex pm fa discendere che «politicamente Berlusconi è un incapace perché non conosce più niente della realtà  del suo Paese e rappresenta un ostacolo sulla via della risoluzione della crisi. Per rendere per la prima volta un servizio patriottico dovrebbe andarsene» .
 A replicare a queste obiezioni, dal campo della maggioranza si leva la voce del deputato leghista Gianni Fava, molto critica nei confronti del Pd, accusato di tifare «per gruppi finanziari, poteri forti e salotti che prendono parte al grande gioco della speculazione internazionale» . «È desolante vedere che il partito di opposizione numericamente più consistente— fa notare Fava — sia dal punto di vista politico quello più inconsistente e si limiti a perseguire la tattica del tanto peggio tanto meglio noncurante di mettere a repentaglio la il destino del nostro Paese, delle famiglie e delle imprese sull’altare di un proprio ed esclusivo tornaconto partitico» .
 Insomma, a Fava sembra che «la disponibilità  del Pd a condividere soluzioni comuni appaia finta e del tutto virtuale, ad uso e consumo solo dei media, avendo invece un atteggiamento se possibile peggiore di quello dell’Idv» .


Related Articles

Parte la guerra delle due «rose» Veti e richieste per il Quirinale

Loading

La lista del Pd: Marini, Amato, Grasso e De Rita. Il Cavaliere: no, Pera

La stabilità obbligata tra le frustrazioni dei partiti maggiori

Loading

Seppure con affanno, il governo di Enrico Letta sembra destinato a sopravvivere all’urto della decisione della Corte di cassazione su Silvio Berlusconi. Il suo incontro di ieri sera con Giorgio Napolitano al Quirinale, però, racconta quanto sia acuta l’attenzione del capo dello Stato.

«Pareggio di bilancio al 2016 credo che l’ Europa dirà di sì»

Loading

Padoan: i dubbi del Senato sulle coperture? Non sono solidi. «Dirò all’Europa che cesseranno i nostri squilibri dovuti all’eccessivo debito pubblico maturato dagli anni ‘80»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment