«Sul ceto medio un effetto depressivo Più poveri, perderanno anche servizi»

Loading

ROMA — «Quale effetto avrà  questa manovra sui ceti medi? Userò un’espressione che non è solo di natura psicologica: effetto depressivo».
Daniele Marini, docente di Sociologia del lavoro e dei sistemi organizzativi a Padova e direttore scientifico della Fondazione Nord Est, appare assai pessimista sui riflessi che il decreto da 45,5 miliardi in due anni avrà  su una importantissima fetta di società  italiana, ovvero quel ceto medio non ricco ma nemmeno alle prese con la sopravvivenza quotidiana.
Perché parla di effetto «depressivo», professore? «Per una serie di motivi, tutti collegati tra loro. Prima di tutto si ha la sensazione, a mio avviso giusta, che si tratti di misure tardive. Se da parte dell’esecutivo ci fosse stata, nel recente passato, maggiore consapevolezza della situazione italiana e internazionale, l’itinerario sarebbe stato meno traumatico».
Dunque la scure di Ferragosto ha spaventato gli italiani dal reddito medio. E Marini prevede che il timore accumulato d’estate si ritrovi sui mercati quotidiani alla ripresa di settembre, partendo ovviamente dai consumi: «Parlo di effetto depressivo, in prospettiva, analizzando i dati più recenti. Il primo bilancio dei saldi estivi 2011, cominciati a luglio, non è particolarmente positivo. La classe media ha già  abbassato le proprie quote di spesa. E ora, con i prelievi e i tagli, la tendenza inevitabilmente si acuirà ».
Poi, sostiene il direttore scientifico della Fondazione Nord Est, c’è un errore di fondo nella manovra, lo stesso individuato ieri da Avvenire in un editoriale che ha accusato l’«altra casta», quella degli evasori fiscali, di farla sempre franca: «Concordo con il commento. Sorprende che non si sia andati a toccare i patrimoni. C’è chi denuncia un reddito medio ma poi possiede case, ville, barche. Con un po’ di attenzione e di fantasia, la manovra sarebbe stata più equilibrata e meno concentrata sui soliti dipendenti a reddito fisso accertabile. Purtroppo così gli eterni furbi la faranno franca e a pagare saranno sempre gli stessi. Con una quota aggiuntiva di problemi: gli enti locali dovranno tagliare servizi essenziali, dall’assistenza sanitaria agli asili nido, e saranno costretti a ricorrere ad altre tasse. Quindi gli italiani “medi” non soltanto si impoveriranno e consumeranno di meno, ma vedranno sparire quei servizi che rappresentano un collante sociale fondamentale».
E qui Marini non rinuncia a una dose di polemica: «Non capisco perché la scure non sia caduta sull’universo dell’evasione fiscale, che attualmente naviga a livelli doppi rispetto alla media europea».
Gli effetti «depressivi» sul ceto medio, come aveva annunciato all’inizio il professore, sono davvero diversi ma tutti collegati tra loro. E non sono finiti: «C’è poi un altro capitolo, non tanto di natura economica quanto veramente psicologica. Gli ultimi sacrifici così duri risalgono all’entrata dell’Italia nell’euro. Ma allora c’era un orizzonte da scrutare. Ovvero l’ingresso nella moneta unica europea, l’addio all’instabilità  della lira, un magnifico progetto comunitario. Qui invece non c’è alcun orizzonte da contemplare, si assiste soltanto al bisogno urgentissimo dello Stato di dover rimettere ordine nei propri conti».
Qualche ultima previsione, professore? «L’effetto negativo si avvertirà  più al Sud, da sempre allenato a crisi e ristrettezze, che al Nord, abituato a percepirsi come area ricca. E poi proseguirà  la tendenza del ceto medio a oscillare tra consumi di lusso “riflessivi” (decido di concedermi un oggetto particolare di marca o di classe) e low cost (per la spesa di tutti i giorni vado al discount). Forse così la classe media riuscirà  a navigare ancora…».


Related Articles

Con la riforma 7.000 nuove farmacie e per i cittadini 120 milioni di risparmi

Loading

Il ministro: “Basta rigidità “. Il Pdl frena, il Pd: niente passi indietro   Cambierà  la mappa della distribuzione del farmaco ma ancora da decidere il numero di abitanti per ogni esercizioFederfarma: siamo pronti a migliorare i servizi ma vogliamo vendere anche i medicinali più innovativiBalduzzi rassicura i parafarmacisti che ipotizzano 7.500 nuovi posti L’Aifa dovrà  definire quali prodotti sono vendibili al di fuori dei circuiti tradizionali 

Alexis Tsipras risponde picche a nuovi tagli

Loading

Austerity oltre il 2018. A febbraio nuove trattative con Fmi e Eurogruppo, in ballo l’accesso per Atene al Qe di Draghi

Mutui, mezzo dietrofront del governo

Loading

Parziale retromarcia di Renzi & c. di fronte alle proteste sul Testo unico bancario. Salgono a 18 le rate di mutuo non pagate per pignorare e mettere all’asta le case

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment