Patrimoniale prima di tutto e tagliamo subito dopo i Tornado

Loading

Tremonti in luglio parlava di 50 miliardi da suddividere su tre anni, lasciando «furbescamente» agli ultimi due il peso di gran lunga maggiore.
La controfinanziaria, come è stata chiamata per tanti anni, la contro manovra come la chiamiamo adesso ha invece una distribuzione dei tempi e dei pesi del tutto diversa. Il primo anno, 2012, riceve più della metà  del peso. In questo – solo in questo – la contro manovra potrebbe ricevere il plauso della Bce e dei suoi capi presenti e futuri, Trichet e Draghi.
Il manifesto ha pubblicato una pagina dossier dedicata al tema («E’ tempo di sbilanci», 1 luglio 2011) e riporta così un passo del testo che racconta le misure previste: «In questa crisi i ricchi non stanno pagando alcun prezzo…Il prezzo della crisi ricade sulle fasce più povere della popolazione. Proponiamo perciò una tassa patrimoniale…» La tassa patrimoniale prevista arriva allo 0, 5% per i patrimoni superiori ai 3 milioni di euro. Le entrate sarebbero di 10,5 miliardi, tutti nel 2012.
Intorno a questa misura una tantum altre permanenti e capaci di rendere un po’ più progressiva o meno iniqua la distribuzione dei carichi fiscali nel paese; ritocchi sopportabili per i redditi maggiori e però tali da migliorare la fiducia della grande maggioranza della popolazione nelle istituzioni comuni. E chi si fida sarà  meno tentato dall’idea di salvarsi individualmente, «come fanno tutti».
Di fronte all’aumento del prelievo, per i redditi maggiori e per le rendite finanziarie che dovrebbero quasi raddoppiare, raggiungendo il livello europeo del 23%, dal 12,5% attuale, vi sarebbe un largo spazio ai tagli: spese militari, Tornado, Ponte sullo stretto e altre grandi opere; e così via.
Tremonti ha lasciato alla parte finale del triennio il carico maggiore, impegnando anche la legislatura che non gli compete, dopo le elezioni che si prevede e si spera, perderà . E lo ha fatto «furbescamente», come ha scritto nel suo testo Giulio Marcon, ispiratore della contro manovra. Lasciamogli la parola: «La reintroduzione dei ticket, l’inserimento dei costi standard nella sanità , la riduzione dei trasferimenti agli enti locali, il blocco degli stipendi nella pubblica amministrazione, l’intervento sulle pensioni stanno lì a dimostrare quanto ancora una volta il prezzo della crisi è pagato dalle fasce sociali più deboli…».
Invece di questo tipo di tagli che colpiscono la parte della popolazione più esposta alla crisi, vi sarebbe un altro genere di tagli e di misure in positivo e Marcon ne ricorda alcuni: «E’ necessario ridurre del 20% la spesa militare e cancellare il programma di 131 cacciabombardieri F35 (che ci costano più di 16 miliardi di euro. Questi sono passi obbligati in tempo di crisi: in Germania e in Gran Bretagna sono state ridotte le spese militari, in Italia, ancora no. E servono misure per rilanciare l’economia attraverso un programma di “piccole opere” (cancellando Ponte sullo Stretto e Tav), di sostegno alla green economy (energie rinnovabili, mobilità  sostenibile, agricoltura biologica, ecc.) di incentivo e difesa dei redditi, unica garanzia perché possa riattivarsi una domanda interna. In questo senso la lotta al precariato, il sostegno alle pensioni più basse, il recupero del fiscal drag e il reddito di cittadinanza sono misure assolutamente necessarie in questa fase».
Mentre la manovra di Tremonti è spazzata via dalla Bce, come tempistica e contenuti , la contro manovra Sbil regge. Se ne accorgeranno alla Bce? l’alternativa c’è
È tanto difficile mettere insieme qualcosa che non colpisca sempre i più deboli, ma distribuisca lavoro e benessere a tutti con un po’
di giustizia in più?

******************
DATI OCSE
In giugno rallenta la crescita nell’area, l’Italia è maglia nera

 Nuovi segnali di rallentamento della ripresa economica tra i Paesi avanzati, secondo i dati di giugno Ocse del superindice previsionale, sceso a 102,2 punti dai 102,5 del mese precedente. Spicca in negativo l’Italia, che ha subito il calo mensile più consistente: meno 0,7 punti sulla penisola, a fronte dei meno 0,3 punti dell’area Ocse, mentre nel confronto su base annua il Composite leading indicators (Cli) è a più 0,6 punti per l’area Ocse, e a meno 3,1 punti per l’Italia. Germania e Francia hanno entrambe registrato cali di 0,6 punti su base mensile, mentre nel confronto annuo perdono rispettivamente 1,3 e 1,8 punti. Più contenuta la flessione per gli Stati Uniti, che perdono 0,1 punti mensili ma su base annua restano positivi per 2,8 punti. Per il Giappone il superindice è calato di 0,2 punti a giugno e di 1,3 punti su anno. Ancora una volta la tendenza all’inebolimento della ripresa non ha risparmiato i paesi emergenti, che pur non facendo parte dell’area Ocse, vengono monitorati in considerazione del peso che hanno raggiunto nell’economia mondiale. Il calo mensile più forte è stato registrato dal Brasile: meno 1,1 punti a giugno e meno 4,7 punti su anno. Per la Cina il superindice ha segnato un calo mensile di 0,3 punti, e una flessione annua di 1,4 punti, per l’India è calato di 0,9 punti su mese e di 5,6 punti su anno, per la Russia è calato di 0,3 punti su mese mentre nel confronto annuo resta positivo per 2,7 punti.


Related Articles

Al governo servono subito 6 miliardi

Loading

Saccomanni studia i primi interventi urgenti sullo stop a Imu e Iva

Fondo Veba, un buco di 3 miliardi può accelerare il negoziato con Fiat

Loading

Il trust americano avrebbe bisogno di vendere le azioni Chrysler al prezzo più alto per poter ridurre le perdite

La sfida di Atene all’affondo monetario

Loading

Noi e la Gre­cia. L’Ue con le spalle al muro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment