Lo strappo di Susanna Camusso

Loading

La Fiom, l’ultima trincea che resiste all’attacco all’autonomia del lavoro e all’indipendenza del sindacato. Ha vinto anche Maurizio Sacconi, il peggior ministro del lavoro della storia d’Italia, che ha imposto nella manovra l’articolo 8 con cui si fa piazza pulita della contrattazione e si introduce addirittura la retroattività  della norma che deroga ai contratti nazionali attraverso l’uso spregiudicato dei contratti aziendali siglati da sindacati di comodo. Un regalo alla Fiat di Marchionne, l’eroe dei due mondi che chiude uno stabilimento dopo l’altro, perde ovunque quote di mercato, viene declassato per i suoi debiti ma continua a volerla fare da padrona, con la conseguenza di vedere il conflitto operaio estendersi dagli stabilimenti del vecchio a quelli del nuovo mondo.
Un vero capolavoro: Cgil, Cisl, Uil e Confindustria di nuovo insieme. A pochi giorni dallo straordinario successo dello sciopero generale indetto dalla Cgil, il sindacato di Susanna Camusso rientra nei ranghi – e per tanti di quelli che il 6 settembre avevano scioperato e riempito le piazze di tutt’Italia sperando nell’inizio di una nuova storia, questa normalizzazione verrà  vissuta come una debacle, e al vuoto di una sponda politica per i più colpiti dalla crisi e dalle manovre classiste si aggiunge la caduta di una sponda sociale. Perché la firma definitiva dell’accordo del 28 giugno non argina l’effetto mortifero per la democrazia dell’articolo 8 di Sacconi, ne è anzi la premessa e lo giustifica. La Cgil, con questa firma che non è legittimata da alcuna consultazione tra i lavoratori, rompe con la sua storia democratica e secondo la minoranza interna, ridotta al silenzio con una pratica che scavalca ogni centralismo democratico e rimanda alla stagione delle purghe staliniane degli anni Trenta, persino con il suo statuto. Non solo agli operai è negato il diritto di voto sui contratti e gli accordi, neanche possono più esprimersi sulle scelte del proprio sindacato.
Hai voglia a prendetela con l’antipolitica di chi dice sono tutti uguali, o a mettere l’insufficienza sui compiti di chi riduce tutto al conflitto contra la casta, se anche la parte “sana” del sindacato, quella non arruolata nelle fila dell’avversario di classe, fa prevalere una indecente interpretazione dell’autonomia del politico che cancella quella del sindacato. Forse Berlusconi sta per cadere, allora tutti insieme per la nuova Italia, insieme alla Confindustria che attacca il governo anche se lo fa da un versante iperliberista chiedendo privatizzazioni, attaccando salari diritti e pensioni di chi già  oggi non ce la fa più a campare. È una logica suicida, quella del Pd e della maggioranza della Cgil: purché siano contro Berlusconi sono nostri alleati. Persino i burocrati di Standard&Poor’s vengono promossi al rango di compagni. Non siamo certo alla fine della storia, ma sicuramente al suo arretramento. La Cgil e la sua segretaria dovranno però fare i conti con la realtà , e forse anche con la loro base sociale. Già  a partire da oggi all’assemblea nazionale dei delegati Fiom, dove è attesa proprio Susanna Camusso.


Related Articles

Relazioni industriali, la strada che si apre

Loading

La norma sulla rappresentanza può essere portata rapidamente dal governo alle Camere Dal comunicato con il quale la Fiat ha accettato il ritorno in fabbrica della Fiom può arrivare un importante contributo alla normalizzazione delle relazioni industriali.

E Bonanni apre sull’articolo 8: «Modifica o via»

Loading

IL 6 LO SCIOPERO CGIL
Mentre la Cgil si prepara allo sciopero del 6 – già  anticipato dalle «notti bianche» della Fiom il 5 sera – dal fronte della Cisl viene un’inedita apertura sull’ormai famigerato articolo 8 della manovra, quello che cancella di fatto l’articolo 18, che permette alla contrattazione aziendale di derogare tutte le leggi e i contratti, e che rende retroattivo l’accordo del 28 giugno (la norma «pro-Fiat» che estende erga omnes i contratti di Pomigliano e Mirafiori).

La “nuova frontiera” del ferro

Loading

La chiamano «Tata road», dal nome del ben noto gruppo industriale indiano. Ed è un’ottima strada, per gli standard dell’India rurale: larga, quasi tutta asfaltata. Collega una zona di miniere di ferro sulle montagne del Jharkhand, stato centro-settentrionale dell’India, alla cittadina industriale di Jamshedpur, così chiamata dal capostipite della famiglia Tata (Jamshed-ji) che nel 1906 ha fondato qui le prime acciaierie del subcontinente indiano.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment