La battaglia degli yaqui di Sonora

Loading

Oggi questa agguerrita nazionalità¡ indà­gena di 50 mila persone, stabilita nel sud dello stato messicano di Sonora, possiede legalmente 485 mila ettari di terra, 25 mila dei quali coltivabili. Il dettaglio però è la disponibilità¡ dell’acqua, sempre piຠscarsa in queste contrade desertiche.
Nonostante un decreto presidenziale del 1940 abbia garantito agli yaqui il diritto alla propria terra e acqua, solo nel 2007 il governo federale messicano ha infine deciso di legittimare definitivamente questi diritti. Questo significa lo stato ha concesso loro definitivamente il diritto all’usufrutto dell’acqua ai margini del fiume Yaqui. Ma il nuovo governatore statale, sempre piຠsotto pressione per l’endemica mancanza d’acqua in queste regioni, ha deciso di costruire un acquedotto che succhierà¡ l’acqua del Rio Yaqui e delle attigue dighe La Angostura e El Oviachic. Il governatore in questo ha l’appoggio incodizionato degli agricoltori e proprietari terrieri della zona, che da anni cercano di sottrarre l’acqua alle popolazioni indigene. Impoveriti all’estremo, alcuni yaqui hanno da tempo affittato le terre e venduto i permessi per irrigare a questi impresari. La povertà¡ endemica e le ricorrenti siccità  stanno spingendo gli yaqui al limite della sopravvvivenza, e all’espulsione dalla terra.
L’ultimo atto di questa espulsione è iniziato una decina di giorni fa. Il detonatore è stata una dichiarazione del governatore Guillermo Padres Elias, ampiamente mediatizzata: «Niente e nessuno bloccheranno la costruzione dell’acquedotto Indipendencia, vitale per i nostri produttori». I rappresentanti della nazione indà­gena hanno così deciso di ricorrere nuovamente ai tribunali e alle battaglie legali.
Curiosamente, e nonostante le pressioni ufficiali, la giudice dell’ottavo distretto ha dato ragione alla tribu Yaqui e ha dato due giorni al governo statale per bloccare la costruzione del contestato acquedotto. Confoprtati e incoraggiati dalla decisione, gli Yaqui hanno consolidato alleanze con ambientalisti locali e gruppi organizzati della società  civile sonorense. Hanno bloccato la principale strada di accesso allo stato di Sonora, cominciato picchetti e sit-in di fronte agli uffici governativi locali.
In risposta, le autorità  statali e federali stanno conducendo una campagna capillare e professionalmente orchestrata per accusare gli indigeni di irresponsabilità¡ («gli interessi di pochi indigeni di fronte alle necessità  vitali di tutto uno stato») e di essere manipolati e appoggiati da «oscure forze esterne e da delinquenti». La popolazione yaqui di Vicam e Potam sta tentando di reagire. Attraverso mezzi elettronici, reti sociali, radio locali e con semplici volantini.
L’ultimo comunicato stampa diffuso dal Comitato di lotta della tribu yaqui sta cercando di rompere questo isolamento mediatico annunciando che «ci stiamo costituendo in una forza pacifica civile per fermare e smantellare questo acquedotto attraverso la denuncia, la resistenza e la disobbedienza civile pacifica. Abbiamo resistito per 500 anni e adesso la carta magna e il patto con il governo federale e la nostra tribu è minacciato. Rendiamo pubblico che in caso di atti di violenza contro le nostre autorità  tradizionali o contro i membri della nostra nazione originaria il governo sarà  responsabile dell’accaduto. La ragione e le leggi appoggiano le nostre azioni in difesa delle acque e delle terre ancestrali della nostra nazione».


Related Articles

Piano casa per la riforma di Imu, Tares e affitti

Loading

L’ipotesi di rinviare la rata anche per le imprese. Spunta la tassa sulla sigaretta elettronica

Sergio Cofferati: «Marchionne coraggioso, ma con un modello industriale sbagliato»

Loading

Intervista . L’ex segretario Cgil: Marchionne era un grande manager ma ha ridimensionato gli spazi negoziali e alcuni diritti.

Dimenticati dallo Stato negli anni della crisi hanno perso più di tutti

Loading

Dal 2007 reddito diminuito del 6%    I dati spiegano che i giovani e le famiglie con figli sono le vere vittime della recessione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment