Aids, nuovi casi: diagnosi in calo. Straniero un sieropositivo su tre

Il trend, nel corso degli ultimi 12 anni, nelle aree per le quali il dato e’ disponibile, “mostra una lieve diminuzione dell’incidenza delle nuove diagnosi di infezione da Hiv, da attribuire principalmente alla diminuzione di incidenza tra consumatori di sostanze per via iniettiva, mentre l’incidenza e’ rimasta costante sia per gli eterosessuali che per gli Msm (maschi che fanno sesso con maschi). La maggioranza delle nuove infezioni e’ attribuibile a contatti sessuali non protetti, che tuttavia non vengono sufficientemente percepiti come a rischio, in particolare dalle persone di eta’ matura, e che costituiscono l’80,7% di tutte le segnalazioni (eterosessuali 49,8%, Msm 30,9%). Analogamente ad altre nazioni europee, si stima che un sieropositivo su quattro non sappia di essere infetto”.

L’IDENTIKIT DEL PAZIENTE: “Le persone che hanno scoperto di essere Hiv positive nel 2010 hanno un’eta’ mediana di 39 anni per i maschi e di 35 anni per le femmine, hanno contratto l’infezione prevalentemente attraverso contatti eterosessuali, e sono piu’ spesso stranieri. Inoltre, oltre un terzo delle persone con una nuova diagnosi di Hiv viene diagnosticato in fase avanzata di malattia, e presenta una rilevante compromissione del sistema immunitario (numero di linfociti Cd4 inferiore a 200 cell/L). Le stime effettuate usando il metodo proposto dall’Unaids indicano che il numero delle persone viventi con infezione da Hiv (compresi i casi con Aids e le persone che ignorano di essere infette) e’ aumentato passando da 135.000 casi nel 2000 a 157.000 casi nel 2010, principalmente per effetto della maggiore sopravvivenza legata alle terapie antiretrovirali che comportano un aumento progressivo del numero delle persone viventi Hiv positive. I cambiamenti relativi che si osservano nel 2010 rispetto al 2000 sono: l’aumento delle infezioni acquisite attraverso contatti sessuali, la diminuzione delle persone che si sono infettate attraverso il consumo di sostanze per via iniettiva, l’aumento di casi in persone straniere, la diminuzione della quota di infezioni in donne e l’aumento di casi in persone con oltre 50 anni di eta’”.

LA SORVEGLIANZA DELL’AIDS: “La sorveglianza delle diagnosi di Aids conclamato ha una copertura nazionale. Dall’inizio dell’epidemia nel 1982 ad oggi sono stati segnalati circa 64.000 casi di Aids, di cui quasi 40.000 deceduti. I nuovi casi di Aids e il numero di decessi per anno continuano a diminuire, principalmente per effetto delle terapie antiretrovirali combinate (introdotte nel nostro Paese nel 1996). È diminuita nel tempo la proporzione di persone che alla diagnosi di Aids vengono diagnosticate con una candidosi polmonare o esofagea, mentre aumenta la quota di pazienti che presentano linfomi.

Come precedentemente detto, molte persone Hiv positive scoprono di essere infette dopo vari anni e pertanto non possono usufruire dei benefici delle terapie antiretrovirali prima della diagnosi di Aids: dal 1996 ad oggi ben due terzi delle persone diagnosticate con Aids non ha effettuato alcuna terapia antiretrovirale prima di tale diagnosi. I dati sulla sorveglianza dell’infezione da Hiv e dell’Aids sono disponibili sul sito dell’Iss, alla pagina internet del Centro Operativo Aids”. (DIRE)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il Consiglio d’Europa bacchetta l’Italia: «Sulla tortura legge inadatta»

Diritti umani. Il commissario Muižnieks al Parlamento: «Testo difforme dalle convenzioni Onu». Il ddl che torna alla Camera il 26 giugno «non rispetta la sentenza Cedu»

Turismo di massa e pensionati. Un’epoca alla fine

Il naufragio è una figura retorica solida. Se ci passate il termine, addirittura inaffondabile. Non c’è disastro che non possa esser descritto ricorrendo alla metafora dell’affondamento.

Welfare, Ranci: “Basta disuguaglianze. Il sistema va riequilibrato”

  

Chiusa sabato la tre giorni milanese organizzata da Espanet. Pensioni, misure di contrasto alla disoccupazione, tagli. Il sociologo: “No alle politiche al ribasso. Ci sono soldi che lo Stato perde senza che nessuno dica nulla”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment