CONTINUONS LE COMBAT

Loading

La vita non era più vita. Anche la situazione generale non incoraggiava. Con razionalità  addirittura estremistica Lucio prese la decisione (e quando decideva non cambiava idea) e attuò quel che aveva stabilito. Il suicidio è una fondamentale libertà  della persona. Chi è padrone della propria vita, come ogni umano lo è, può legittimamente e moralmente decidere di mettere la parola fine.
Lucio è stato anima e mente della nostra vita. Insieme abbiamo cominciato con la rivista e poi con il quotidiano. Ci fu una breve separazione ai tempi del Pdup, ma i legami sono rimasti forti, anche quando c’era polemica.
L’interrogativo è: che cosa ci lascia, a che cosa ci incita Lucio con il suo suicidio. Provo a rispondere. Innanzitutto a criticare e combattere la società  presente. La sua cultura, la sua politica e gli scritti ci danno stimoli e conoscenza. Il sarto di Ulm, che tentò anzitempo di volare si sfracellò, ma poi gli uomini cominciarono a volare. Questo il messaggio e il suo suicidio, ancorché dovuto ai sentimenti, è un atto di rifiuto, di combattimento. Tutto il contrario della passiva rassegnazione.
Questo nostro giornale, «quotidiano comunista», è oggi nella più grave delle sue tante crisi e dal gesto e dall’opera di Lucio trae motivazioni e forza nel rifiutare lo stato presente delle cose. Le analisi di Lucio, la lettura della storia sono alimento essenziale e per questo ci impegniamo a pubblicarne gli scritti inediti, tanti e importanti. Utilizzeremo meglio che nel recente passato gli insegnamenti, per rinnovarci e combattere più efficacemente. Per affrontare l’attuale, e storica, crisi della sinistra, per ridare alle donne e agli uomini la speranza di un cambiamento, di una uscita dall’attuale stato di mortificazione degli esseri umani.
Il suicidio di Lucio non è stato un fatto personale, di chiusura in se stesso. Lucio ne aveva ripetutamente parlato con noi e anche alla fine del percorso è stato accompagnato da Rossana Rossanda.
Domani è un altro giorno, come si diceva nel ’68, continuons le combat.


Related Articles

ADDIO GABO

Loading

Scompare Gabriel García Márquez, il grande scrittore latino-americano che ci regalò la magia di «Cent’anni di solitudine»

Aldo Braibanti, scrivere come mestiere di vita

Loading

Ricordo. La morte, a 92 anni, di Aldo Braibanti, un intellettuale che è stato una «presenza» costante nella cultura italiana, del dopoguerra, eppure il suo lavoro è pressoché sconosciuto.

Addio Havel, eroe post-comunista della Rivoluzione di velluto

Loading

Scrittore e politico, è morto a 75 anni. Fu il leader di piazza Venceslao

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment