Sale l’addizionale regionale. Scudo fiscale, prelievo dell’1,5%

Loading

Si tratta di circa 1.500.000 di contribuenti Irpef (pari a meno del 4% del totale dei 41 milioni) che dichiarano un reddito medio-alto e che avrebbero altrimenti subìto un ulteriore incremento delle già  elevate imposte pagate. Rimane in vigore il contributo di solidarietà  del 3% sui redditi superiori a 300.000 euro introdotto con la Manovra dello scorso agosto.
Aumento dell’addizionale regionale
La manovra dispone invece l’aumento dell’aliquota base dell’addizionale regionale che passa dallo 0,90% al 1,23%. L’addizionale regionale Irpef è composta da una quota fissa di base disposta su base nazionale, che era pari allo 0,90% e che oggi viene aumentata al 1,23%, e da una quota disposta dalle singole regioni fino ad un massimo dello 0,50% che poteva portare finora l’aliquota complessiva al 1,40% (aumentata allo 1,70% se la regione presenta un disavanzo di gestione del servizio sanitario).
Aumento differito dell’Iva
Sul fronte degli inasprimenti fiscali, la manovra Monti prevede l’aumento di due punti percentuali dell’Iva, ma soltanto in futuro. In base alle bozze del provvedimento, l’aumento dell’Iva si dovrebbe applicare a partire dal secondo semestre 2012 e riguarderà  sia l’aliquota ordinaria dal 21% al 23%, sia quella ridotta che crescerà  dal 10% al 12%. L’aumento dell’Iva è a garanzia dei risparmi previsti nella manovra estiva per il taglio delle agevolazioni fiscali e quindi si dovrebbe applicare solo se tali risparmi non dovessero realizzarsi.
Una tantum sugli importi dello scudo fiscale
Per i soggetti che si sono avvalsi dello «scudo fiscale» per il rimpatrio o la regolarizzazione dei capitali detenuti all’estero viene introdotto un «contributo» aggiuntivo dell’1,5% sugli importi «scudati». Il contributo così introdotto si aggiunge a quanto già  pagato a suo tempo per lo scudo fiscale realizzato tra il 2009 ed il 2010 e che prevedeva un’aliquota del 5% entro il 15 dicembre 2009, poi aumentata al 6% e al 7% per i rimpatri o le regolarizzazioni effettuati entro febbraio o aprile 2010.
Sgravi per il costo del lavoro
L’Irap pagata sul costo del lavoro diventa integralmente deducibile ai fini delle imposte sui redditi delle società  e delle imprese. Sin dalla sua istituzione l’Irap era indeducibile ai fini delle imposte sui redditi. Da qualche anno è stata introdotta la deducibilità  dall’Ires del 10% dell’Irap pagata per i soggetti che avevano lavoratori dipendenti o interessi passivi. L’intervento approvato intende ridurre la penalizzazione per le imprese che hanno un costo significativo per il personale dipendente e che pagano l’Irap anche su vari costi indeducibili, tra cui appunto il costo del personale.
Se una società  ha ad esempio 400.000 euro di costo del personale dipendente indeducibile ai fini dell’imposta regionale e quindi paga 15.600 euro di Irap su tale costo del personale (aliquota del 3,9%), l’importo di 15.600 euro sarà  deducibile dall’imposta sui redditi con un beneficio di 4.290 euro di minore Ires (aliquota del 27,5%). Allo scopo di fornire un «Aiuto alla Crescita Economica» (definito con l’acronimo «ACE») e di favorire la capitalizzazione delle imprese, viene introdotta a partire dal 2011 un’agevolazione alle società  ed imprese che aumentano il capitale proprio, mediante nuovi apporti di capitale o utili accantonati a riserva, rispetto al patrimonio esistente al 31 dicembre 2010. L’agevolazione consiste nella deduzione dalle imposte sui redditi di un «rendimento nozionale» figurativo per gli importi che incrementano il capitale proprio. L’aliquota del rendimento figurativo sarà  fissata entro il 31 gennaio di ogni anno.
Aumento delle accise
Previsti alcuni aumenti per le accise sulla benzina, benzina con piombo e gasolio usato come carburante. Alcuni aumenti avranno effetto a partire dal 1° gennaio 2012 e altri dal 1° gennaio 2013.


Related Articles

“Il problema dell’Italia è il Sud. Nord regione più ricca d’Europa”

Loading

Tremonti: va ridotto il divario. Le spiagge? Chissenefrega. “Nel Mezzogiorno i fondi europei non spesi ammontano a 6 miliardi di euro”. Il ministro: pesa un’economia illegale che ha ancora una quota rilevante nel Paese 

Fonsai, le Coop vanno avanti ma la Consob setaccia i bilanci

Loading

Axa interessata all’Italia. Patto Palladio-Sator aperto a terzi   Slitta l’assemblea di Finsoe volta a decidere l’aumento da 300 milioni da versare in Unipol 

La Troika e le sue conseguenze

Loading

Nuova finanza pubblica. La Grecia è solo un caso, certo il più estremo, degli effetti della austerità. Che ora viene criticata anche all’interno delle istituzioni europee e internazionali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment