Sciopero, ma sono critico

Loading

E contro il «contratto di Troia», firmato con la Ntv di Montezemolo. È vero che il contratto della mobilità  e i tagli ai fondi statali per il trasporto pubblico sono questioni strategiche ma le organizzazioni sindacali che ci chiamano allo sciopero non sono né credibili né affidabili. 
1) Da tre anni ci fanno scioperare su un contratto di tutti i lavoratori dei trasporti per ridurre la «competizione» sul costo del lavoro ma contemporaneamente le stesse Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt e Ugl hanno firmato con Ntv un contratto capestro che abbatte il costo del lavoro del 40% abbassando tutele, diritti e salari dei nuovi ferrovieri: un vero «contratto di Troia» per il mondo ferroviario. Sono le stesse organizzazioni che dentro le Fs hanno anticipato la loro firma a pesanti accordi peggiorativi mai discussi con i lavoratori (macchinista unico, chiusura del trasporto merci, turni individuali che rendono disumana la nostra flessibilità ) mentre ci chiamavano allo sciopero per il contratto unico della mobilità . 
2) Cisl, Uil e Ugl hanno pure firmato l’accordo del 28 giugno sulle deroghe contrattuali che rende aleatorie le leggi sul lavoro e gli stessi contratti nazionali. 
3) Sulla soppressione dei treni notte e gli 800 licenziamenti, hanno sostenuto e appoggiato la filosofia aziendale dell’alta velocità  (da privatizzare) che è la ragione vera dell’abbandono del servizio universale nord-sud, e hanno colpevolmente tenuto separate le due vertenze. Da ultimo, applaudono finanche alla divisione dei treni in quattro classi che in questo periodo di crisi servirà  solo a sottolineare la differenza tra poveri e ricchi. 
Faccio parte di quella larga schiera di ferrovieri che sentono la necessità  di lottare per difendere, insieme al proprio lavoro, un servizio pubblico sicuro ed efficiente ma che non possono tollerare di vedere la loro volontà  e il sacrificio economico del proprio sciopero ingannevolmente utilizzato per finalità  diverse e controproducenti: il contratto della mobilità  sarà  per noi una Caporetto. Per questa stessa ragione molti miei compagni di lavoro, che pure non sono crumiri perché sempre in prima fila nelle lotte, domani saranno al lavoro; pur attraverso scelte diverse non vogliamo legittimare un contratto a perdere e un fronte sindacale in maggioranza arrogante con i lavoratori e accondiscendente con le aziende. Vorremmo che i lavoratori di tutti i settori, a cominciare da quelli dalla Fiat, potessero partecipare alla determinazione delle «scelte» sindacali per esprimere collettivamente «l’indignazione» che proviamo nel subire quelle politiche ed economiche. È paradossale che la pur pessima legge elettorale, così poco democratica perché consente la cooptazione dei parlamentari ogni cinque anni, risulti in fondo più democratica delle regole di selezione sindacale dove invece la cooptazione sembra immutabile. Abbiamo davanti un grande lavoro di ricostruzione democratica che deve iniziare proprio dai luoghi di lavoro. 
Domani guardateli bene in faccia i ferrovieri che vedrete al lavoro: stanno protestando anche loro.


Related Articles

Addio alle tre aliquote, tagli alle agevolazioni

Loading

Pronta la delega per la riforma fiscale. Il documento al Consiglio dei ministri Via al fondo alimentato con entrate da lotta all’evasione e risparmi sulla spesa

Europa divisa non solo dalla Finanza ma anche (e sempre più) dall’Industria

Loading

L’attenzione è sulla Grecia che ritorna a votare per spiegare al resto dell’Europa che vuole essere rifinanziata una volta di più. Il cambio dell’euro crolla a 1,28 fino a sfiorare il suo minimo dell’anno contro il dollaro. Quando scende la fiducia nella moneta unica, parte la vendita di titoli pubblici italiani e spagnoli e ne scendono le quotazioni di mercato.

Svolta neoprotezionista di Bush contro la Cina ecco i dazi Usa

Loading

Dura replica di Pechino: “Danno inaccettabile” (la Repubblica,domenica, 1 aprile 2007)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment