Altri due morti in carcere: 183 in un anno

Loading

Nel penitenziario di Trani un detenuto è morto per cause da accertare. Secondo i familiari le sue condizioni non erano compatibili con la pena: soffriva per le conseguenze di un’encefalite. Si chiamava Gregorio Durante. Era di Nardò, provincia di Lecce, aveva 34 anni. I parenti sostengono che fosse stato messo in punizione — tre giorni in isolamento diurno — per aver simulato una malattia. «Me lo hanno ucciso», piange la madre Ornella. «Me lo hanno fatto morire in galera solo come un cane. Quando siamo andati a trovarlo per Natale era in sedia a rotelle, gli occhi chiusi e i polsi segnati dalle corde». In quell’istituto ci sono 439 reclusi per 233 posti letto regolamentari. Il 2011 si è chiuso con 66 suicidi e 183 morti, secondo i dati dell’associazione Ristretti Orizzonti. Proprio nel discorso di fine anno il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva definito «l’emergenza della situazione disumana» delle carceri «uno dei limiti del nostro vivere civile». Il principale sindacato delle forze di polizia penitenziaria, il Sappe, chiede «che la politica trovi con urgenza soluzioni». L’Osapp accusa: «Siamo sempre più soli». Marco Pannella rivela che il presidente del Senato, Renato Schifani, gli ha espresso apprezzamento per l’impegno dei Radicali sulle condizioni degli istituti di pena (68.144 detenuti per 45.654 posti effettivi). Dopodomani la Commissione Giustizia del Senato comincerà  l’esame del pacchetto emergenza carceri proposto dal ministro Paola Severino. Entro un anno 3.300 reclusi potrebbero uscire.


Related Articles

Nocs, ecco le foto degli abusi in caserma

Loading

E un altro agente denuncia: “Chi veniva al corso poi finiva sotto shock”.    Gli atti di nonnismo nel quartier generale delle teste di cuoio venivano ripresi di nascosto

Il governo e i disabili

Loading

Le proteste di questi giorni e la storia dei fondi stanziati – e poi tagliati – per i malati di SLA, spiegata dall’inizio

Separazioni in aumento: 88 mila nel 2010

Loading

 Roma – Nel 2010 le separazioni sono state 88.191 e i divorzi 54.160; rispetto all’anno precedente le separazioni hanno registrato un incremento del 2,6% mentre i divorzi un decremento pari a 0,5%. Lo rileva il report dell’Istat diffuso oggi. I tassi di separazione e di divorzio totale mostrano per entrambi i fenomeni una continua crescita: se nel 1995 per ogni 1.000 matrimoni erano 158 le separazioni e 80 i divorzi, nel 2010 si arriva a 307 separazioni e 182 divorzi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment