Lo Stato non c’è, le tasse sì e ogni anno sono più alte

Loading

GERUSALEMME – I palestinesi sono sotto occupazione, non hanno uno Stato e ora devono fare i conti anche con le politiche fiscali dei due governi che controllano Cisgiordania e Gaza. A Ramallah e in altre città  della Cisgiordania regna il malumore tra la gente e i commercianti contro il premier Salam Fayyad che intende sanare, a spese del contribuente, il deficit dell’Anp aggravato nel 2011 da una riduzione del 25% delle donazioni internazionali (frutto della crisi mondiale). A Gaza ci si lamenta per imposte e balzelli di ogni genere introdotti da Hamas nell’ultimo anno, che colpiscono una popolazione in gran parte povera e senza lavoro che da anni deve fare i conti con il blocco israeliano. Furiosi i proprietari e i lavoratori dei tunnel tra Gaza ed Egitto. Il premier Ismail Haniyeh, applica «dazi doganali» sull’import-export sotterraneo, incassando una quota dei profitti generati dal contrabbando. 
In Cisgiordania l’imposta sul reddito è salita al 30%, il doppio rispetto ad un anno fa. Fayyad lo spiega con l’urgenza di coprire il deficit di bilancio (1,1 miliardi di dollari) e con la promessa ai paesi donatori di rinunciare agli aiuti internazionali nel 2013. Promessa ambiziosa perché gran parte della popolazione della Cisgiordania è a basso reddito. I più colpiti si sentono commercianti e imprenditori che dopo aver beneficiato, attraverso la crescita dei consumi, dell’ingente flusso di fondi internazionali, adesso sono chiamati a dare un contributo significativo alle casse dell’Anp. Fayyad ha aumentato l’Irpef, introdotto nuove tasse su terreni e immobili e previsto tagli alle spese, incluse sanità  e istruzione. Così il premier crede di poter coprire il budget annunciato per il prossimo marzo di 3,5 miliardi di dollari e restituire alle banche locali i prestiti ricevuti per 1,1 miliardi di dollari e debiti con imprese private per 400 milioni.
A Gaza invece si fanno i conti con nuove tasse, in ogni settore, che colpiscono anche i cittadini stranieri che da qualche mese sono tenuti a pagare un «visto d’ingresso» del costo di 45 shekel (circa 10 euro) ogni volta che entrano nella Striscia. Ma il polmone delle entrate fiscali sono i tunnel sotterranei da dove entra a Gaza un po’ di tutto, dalle medicine alle motociclette, dal carburante ai materiali da costruzione. Il governo di Hamas impone una tassa di 2 euro per una tonnellata di ghiaia, 4 euro per una tonnellata di cemento e 11 euro per una tonnellata di metallo. Più pesanti le tasse per chi attraverso i tunnel «importa» automobili (che arrivano smontate e vengono riassemblate a Gaza): da 1000 a 6000 dollari, in base alla cilindrata. Le nuove tasse hanno provocato un immediato aumento dei prezzi dei prodotti di prima necessità  e di largo consumo tra i poveri.


Related Articles

Per Mariano Rajoy solo mezzo sollievo

Loading

ELEZIONI – Il Partido popular (Pp) mantiene il feudo in Galizia, ma Perde consensi nei Paesi baschi
Nonostante la crisi spagnola, il Pp ottiene la maggioranza assoluta nel Parlamento di Santiago di Campostela. Ma l’affermazione di nazionalisti e indipendentisti baschi annuncia tempi difficili per lo Stato spagnolo Mariano Rajoy può tirare un (mezzo) sospiro di sollievo.

L’appello della Nobel Karman “Il mondo punisca il regime”

Loading

L’attivista yemenita ha parlato a Monaco di Baviera alla Conferenza di difesa  Invito in nome dei ribelli pacifici ad espellere gli ambasciatori siriani dai vostri Paesi 

L’orgoglio greco nella notte del no

Loading

La festa spontanea a piazza Syntagma, subito dopo i primi risultati. Migliaia di bandiere greche, per strada un’intera generazione di giovani travolta dalla crisi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment