Grecia, scontri nel centro di Atene. La destra si sfila dalle trattative

Loading

Nella serata di ieri, l’Eurogruppo ha bocciato il piano presentato dalla Grecia chiedendo un ulteriore taglio da 325 milioni di euro da approvare entro domenica. Nel frattempo anche l’accordo tra i partiti e l’esecutivo di Papademos traballa: il partito di destra Laos, guidato da Georgios Karatzaferis ha abbandonato il tavolo delle trattative e ha annunciato che non voterà  l’accordo di austerità  imposto dalla troika.

Rimane solo una provocazione ma la proposta del sindacato di polizia fa capire bene quale sia il clima nel paese: l’organizzazione sindacale dei poliziotti ha infatti richiesto un mandato di arresto per i membri della troika che stanno trattando con le autorità  di Atene. La richiesta di arresto, contenuta in una lettera pubblicata dai media greci, è nei confronti dei rappresentanti della Bce, del Fondo monetario internazionale e dell’Unione europea. “State mettendo in pericolo la democrazia della Grecia e la sopravvivenza del suo popolo”, è scritto nella richiesta, inoltrata anche al Procuratore generale greco. Inoltre, sono stati distribuiti migliaia di volantini con la scritta “Ricercato”, che offrono 1 euro di taglia a chiunque arresti i membri della troika.

Da Berlino, intanto, Angela Merkel avverte che “il fallimento della Grecia è un rischio che non si vuole affrontare e che non si potrebbe controllare”.


Related Articles

Il governo delle beffe: «Quota 100» peggiora e diventa «Quota 41»

Loading

Caos Pensioni. L’annuncio di Salvini – «è il mio obiettivo finale» – costringerà chi non avrà i requisiti nel 2021 ad attendere al lavoro ancora almeno 3 anni. Intanto si dimezza la «platea» per il 2019

Altro che «essenziali»: in 12 milioni costretti al lavoro. I sindacati: ora sciopero

Loading

Sotto il pressing di Confindustria il governo lascia aperti 80 settori. Oggi nuovo incontro governo-Cgil, Cisl, Uil. Che chiedono di ridurli

Operaio muore schiacciato all’aeroporto di Fiumicino

Loading

ROMA — Tragica morte bianca, ieri sera, all’aeroporto Fiumicino di Roma. Un operaio di quarant’anni, dipendente della società  di servizio a terra Aviapartner, ha perso la vita durante le operazioni di scarico bagagli di un Jet della Tap Air Portugal, arrivato a Roma da Lisbona.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment