Spunta un «Piano Marshall» per il vertice Ue

BRUXELLES — «Piano Marshall» è frase che fa impressione, per quante memorie storiche risveglia: l’America che risuscitò le economie europee distrutte dalla guerra. Ma anche l’Europa in crisi del 2012, sta forse per inventare un «Piano Marshall» per se stessa, teso a stimolare la crescita, basato sulla mobilitazione di tutte le risorse e soprattutto della Bei, la Banca europea degli investimenti: una forza d’urto da 200 miliardi di euro o più ancora, che coinvolga anche i privati. L’ipotesi, messa nero su bianco dal quotidiano spagnolo «El Pais», sarebbe già  in fase avanzata di studio. Con una scaletta ben precisa: dopo le elezioni francesi, al vertice informale sulla crescita di fine maggio-inizio giugno, o al più tardi a quello già  fissato per fine giugno, la Commissione Europea potrebbe presentare ai 27 leader Ue un vero e proprio pacchetto di misure di emergenza. L’idea sarebbe quella di individuare una serie di «leve» politico-finanziarie che liberino capitali e quindi rovescino sullo sviluppo i loro effetti positivi a cascata. Investimenti che coinvolgano anche privati nelle grandi infrastrutture dei trasporti e delle comunicazioni, nell’energia verde, nell’alta tecnologia. Investimenti mirati allo stimolo della domanda interna e calamitati dai «project bond», le obbligazioni comuni europee, e più o meno direttamente dalle risorse della Bei. 
È proprio la Bei al centro di molte speranze, o preoccupazioni. Ha ancora un rating da «tripla A», ma i suoi prestiti si riducono, secondo alcuni governi non riesce più a fronteggiare un’emergenza così dura. Perciò, è stata lanciata l’idea di rafforzarla subito con 10 miliardi, forniti dagli Stati, che le permetterebbero di aumentare fino a 60 miliardi la sua capacità  di prestito per il 2012: e di conseguenza, si calcola ancora, di far da volano per investimenti sui 180 miliardi. Ma nessun governo è felice di riaprire il borsellino. Ecco così un’altra idea: utilizzare circa 12 miliardi, cioè una parte finora non spesa del Fondo salva-Stati Efsf, come garanzia fornita dalla Bei sui grandi progetti che dovrebbero – ancora una volta – attirare risorse pubbliche e private, per esempio quelle dei fondi-pensione europei. L’obiettivo, in questo caso, sarebbe di raccogliere 200 miliardi.
Bruxelles avrebbe già  fatto circolare queste idee fra i governi. Però una cosa sono le proposte verbali o scritte, un’altra i fatti: dopotutto, degli stessi «project-bond» battezzati in vari modi, sono mesi o anni che si parla. E molto, se non tutto, è legato ora a due fattori: le elezioni presidenziali in Francia, con la possibile o probabile vittoria di quel Franà§ois Hollande che ha scommesso tutta la sua campagna elettorale sul concetto di crescita, più che di austerità ; e la posizione della cancelliera tedesca Angela Merkel, che pur ufficialmente fedele al rigore del «suo» fiscal compact, negli ultimi tempi ha addolcito un po’ i toni. La Commissione Europea avrebbe già  provveduto a fare arrivare le proprie riflessioni al candidato Hollande. Chissà , forse l’«euro-piano Marshall» è già  nel forno.


Related Articles

Virginia, marciano i suprematisti bianchi, un morto tra gli antirazzisti

A Charlottesville un’auto si è lanciata contro la folla che partecipava alla manifestazione anti-razzista indetta contro la marcia prevista per oggi dei suprematisti bianchi

FRANCIA Elezioni municipali, il Fronte nazionale di Le Pen in crescita

PARIGI. François Hollande è stato eletto poco meno di un anno e mezzo fa, ma già le prossime scadenze elettorali premono: a marzo le municipali, a fine maggio le europee e, nel 2015, le regionali. La maggioranza al potere guidata dal Ps, ma anche l’Ump, il principale partito di opposizione, sembrano paralizzati di fronte alla minaccia di un forte successo del Fronte nazionale.

La seconda vita di chi ha perso tutto

Nel Giappone in ginocchio un mese dopo lo tsunami Viaggio attraverso sedici luoghi mutati: 500 km che non saranno mai più gli stessi. Centinaia di persone vagano alla ricerca di paesi rurali spopolati da occupare. Dopo l’inferno che abbiamo vissuto, è chiaro che muraglie frangiflutti e cemento antisismico non bastano Nessuno può più imbrogliarci. Sale e lagune hanno distrutto i campi. Per cinque anni non si potrà  piantare e i prodotti saranno invendibili. E la pesca è una bomba pronta ad esplodere

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment