E’ morto il cardinale Martini. Grande biblista letto da credenti e non

Loading

MILANO – E’ morto il cardinale Carlo Maria Martini. Lo comunica l’arcivescovo di Milano, Angelo Scola. Torinese di nascita, grande studioso della Bibbia, i suoi libri sono stati tradotti e letti in tutto il mondo. Hanno potuto così conoscere le riflessioni e meditazioni del cardinale Carlo Maria Martini non solo i circa 5 milioni di fedeli dell’Arcidiocesi di Milano, ma anche credenti e non credenti di ogni continente. Carlo Maria Martini è nato il 15 febbraio 1927. Il 25 settembre 1944 entra nella Compagnia di Gesù e il 13 luglio 1952 viene ordinato sacerdote a Chieri (To). Prima di diventare un vescovo, Martini ha una lunga e brillante carriera di biblista. Nel 1962 gli viene assegnata la cattedra di critica testuale al Pontificio istituto biblico di Roma, di cui diventerà  poi il rettore. È stato l’unico cattolico a essere ammesso nel prestigioso comitato internazionale che lavorava al testo critico del Nuovo Testamento, che si andava predisponendo per le traduzioni bibliche in tutto il mondo e che fu pubblicato nel Greek New Testament. Nel 1978 Martini fu chiamato a reggere la Pontificia Università  Gregoriana. Il 29 dicembre del 1979 riceve Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo di Milano. Uno dei primi luoghi che visita è il carcere di San Vittore (vedi lancio successivo). Dal 1986 al 1993 è anche presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali europee (Ccee). Uomo del dialogo ecumenico e interreligioso, nel 1987 lanciò la Cattedra dei non credenti: cicli di incontri a tema ai quali il cardinale invitava esponenti laici del mondo della cultura e delle istituzioni. “Ciascuno di noi ha in sé un credente e un non credente, che si interrogano a vicenda” disse in occasione della prima Cattedra dedicata alle “Ragioni della fede”. Altri temi toccati furono, per esempio, “Il senso del dolore”, “Il silenzio di Dio”, i sentimenti, “Fedi e violenze”, la giustizia. Nel 2002 il Papa accetta le dimissioni del cardinale Martini, per sopraggiunti limiti di età . Dopo 23 anni di episcopato, lascia la diocesi di Milano e decide di vivere a Gerusalemme, città  nella quale continua i suoi studi biblici. Nel 2008 rientra in Italia e si trasferisce nella casa dei gesuiti Aloisianum di Gallarate per curare il morbo di Parkinson, di cui soffre da alcuni anni. (dp) © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

«Ciao Don», il saluto del suo popolo

Loading

Oggi i funerali a Genova nella chiesa del Carmine con Bagnasco. Orazione di Moni Ovadia ma fuori dal sagrato

GENOVA. A don Gallo non sarebbe dispiaciuto rimanere da vivo, quasi quarantacinque anni fa, nella parrocchia dello storico quartiere del Carmine. Invece fu mandato via dal cardinale Giuseppe Siri, e il racconto del suo allontanamento è già  leggenda: «Conosco il martirologio, le litanie dei santi, ma non ho mai sentito quel santo che continui a invocare con i tuoi parrocchiani, Ho Chi Minh», gli avrebbe detto l’arcivescovo con tutta l’ironia di cui era capace.

Davide Imola, il sindacalista dei free­lance

Loading

Quinto Stato. E’ scomparso il sindacalista della Cgil che più di tutti in questi anni ha innovato la cultura sul lavoro autonomo. Aveva stimolato un dialogo con le sue forme spontanee di autotutela senza nascondere le divergenze

L’abbraccio di Milano a Martini “Grazie per averci reso fratelli”

Loading

La coppia gay, l’immigrato, la suora: in 60mila al Duomo per l’addio   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment