Generali vuole cedere asset Usa per 1 miliardo

Loading

MILANO â€” Generali valuta l’uscita dagli States e sta studiando la cessione della controllata Usa attiva nel settore della riassicurazione, Generali Usa Life Reassurance. Secondo l’agenzia Bloomberg â€” che cita fonti vicine al dossier — la compagnia triestina ha già  dato mandato a Citigroup di gestire la vendita e anzi la documentazione sarebbe in fase di predisposizione, per essere poi inviata (si parla di settembre) ai potenziali acquirenti e metterli in condizioni di analizzare il gruppo e presentare eventuali offerte. La cessione potrebbe fruttare a Generali una cifra compresa tra gli 800 milioni e il miliardo di dollari.
In realtà  Trieste non ha commentato l’indiscrezione rilanciata dall’agenzia americana, ma l’ipotesi della cessione è tutt’altro che peregrina e comunque il mercato l’ha considerata plausibile: ieri Generali in Borsa è salita del 4,8%, ai massimi dallo scorso aprile. E non è nemmeno la prima volta che circolano
rumors sulla possibile vendita delle attività  di riassicurazione negli Usa né, a dire il vero, di altri asset. In primis la Bsi, la Banca della Svizzera italiana (in carico al gruppo per 2,3 miliardi di euro), dopo che nel marzo scorso la compagnia ha incassato 835 milioni di euro dalla vendita del 69,1% dell’assicurazione israeliana Migdal.
Il tema insomma è decisamente di attualità . Tanto che già  in occasione della presentazione dei risultati semestrali, il 2 agosto, c’erano state molte domande in merito a possibili cessioni. Cui i vertici di Generali hanno risposto sottolineando che si stava portando avanti una «profonda revisione della strategia di gruppo » e che eventuali decisioni in merito alla vendita di singoli asset sarebbe stata fatta solo «all’interno di questa revisione». Il neo amministratore delegato del Leone di Trieste, alla sua prima uscita lo scorso 2 agosto (appena insediatosi alla guida della compagnia), aveva dunque rimandato qualsiasi indicazione in tal senso al piano che verrà  elaborato (a Trieste sono già  al lavoro una serie di consulenti) e che avrà  una prima indicazione sulla «tabella di marcia» in occasione della presentazione dei risultati dei nove mesi, il prossimo 9 novembre. Lì ci sarà  anche «un’agenda di esecuzione del piano», ha spiegato Mario Greco.
Dunque, se e cosa vendere sarà  deciso nell’ambito della riflessione complessiva sulla strategia di gruppo; tuttavia, i manager che in questa fase hanno parlato con Mario Greco sottolineano che il nuovo amministratore delegato è molto focalizzato sul miglioramento della redditività  del gruppo e che intende concentrarsi
sul core business. Dunque, l’assicurazione e grande attenzione per i mercati con ampi spazi di crescita, mercati nuovi che presentino forti tassi di sviluppo. Per questo il mercato scommette sulla cessione di Bsi e ritiene plausibile un’uscita dal settore della riassicurazione negli Usa. Sempre che si presentino
gli acquirenti giusti.


Related Articles

Cresce solo il lavoro precario: più occupati gli over 50 e a termine

Loading

Istat. Modesto aumento dell’occupazione a aprile 2017 e suona la grancassa del Pd e di Renzi in vista delle prossime elezioni. Ma i dati vanno decrittati

Papandreou vince ma apre la strada a un nuovo governo

Loading

ATENE — Il governo greco è riuscito, questa notte, a vincere il voto di fiducia che rischiava di farlo cadere e gettare il Paese nel caos: 153 voti su 300. La situazione politica, però, rimane estremamente confusa: non solo per lo scontro aperto tra il partito socialista al governo, Pasok, e la maggiore formazione all’opposizione, Nuova Democrazia; anche per le manovre interne ai partiti stessi, Pasok in testa.

Crac Lehman, cinque anni dopo ha vinto Wall Street, capiterà ancora

Loading

NEW YORK. CHE fine ha fatto Richard Fuld? Sta bene, grazie. The Gorilla, così lo chiamavano per la sua aggressività. Dopo essere stato un simbolo dell’arroganza di Wall Street, cinque anni fa il chief executive di Lehman Brothers fu costretto a dichiarare bancarotta. Lunedì 15 settembre 2008 resta «una data segnata dall’infamia», come Roosevelt definì Pearl Harbor. Davvero una Pearl Harbor economica: cinque anni fa si mise in moto la concatenazione di catastrofi che hanno sprofondato l’America e l’Europa nella più grave crisi dopo la Grande Depressione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment