Sudafrica, i minatori accusati della morte dei loro 44 colleghi

Loading

Il video diffuso su Internet è raccapricciante. Ieri un’altra picconata alla credibilità  del governo è venuta dai giudici: 270 minatori arrestati quel giorno sono stati incriminati per l’assassinio dei loro colleghi. Ciò che più sorprende è la motivazione dell’accusa: «Saranno giudicati — ha sostenuto un portavoce del tribunale citato dalla Bbc — secondo la dottrina giuridica del “bene comune” per aver partecipato alla dimostrazione repressa dalla polizia». Insomma il loro comportamento avrebbe favorito la reazione degli agenti che hanno sparato a raffica. Una giustificazione di questo tipo è stata utilizzata durante il regime razzista, quando la norma del «bene comune» era invocata dalla minoranza bianca contro gli attivisti antirazzisti. Una dottrina giuridica più volte definita superata e «infame». La nuova richiesta della sua applicazione sta spaccando profondamente il Paese e il partito che lo governa dal 1994, l’Anc, l’African National Congress. «Una decisione folle», l’ha definita l’ex leader dei giovani Anc, Julius Malema (espulso dal partito all’inizio dell’anno per contrasti con la dirigenza), che ha chiesto le dimissioni del presidente Jacob Zuma. Nonostante le assicurazioni di Zuma — «tutto sarà  risolto pacificamente» — cresce il malcontento verso la sua linea. I minatori chiedono un forte aumento della paga e migliori condizioni di vita, il presidente sembra non appoggiarli. Nonostante la concessionaria delle miniere di platino, la Lonmin, vanti profitti enormi.


Related Articles

Gaza. Israele accelera l’offensiva con un massacro a Shate

Loading

Decine di civili uccisi nel campo profughi e a Tuffah. Preso di mira un leader di Hamas. Anche la Croce rossa sotto attacco a Mawasi. Cuba appoggia il procedimento per genocidio contro Tel Aviv alla Corte internazionale di Giustizia

Il tribunale permanente dei popoli accusa Aung San Suu Kyi sui Rohingya

Loading

Per la prima volta in questi anni un gruppo autorevole di ricercatori e magistrati della società civile mette sotto accusa senza mezzi termini la politica birmana sulle minoranze

E il Professore ammette i guai del capitalismo

Loading

Alla scuola del partito comunista: vengono i brividi, ma è così. Ha detto: «Il sistema capitalistico come principio di organizzazione delle attività  economiche ha molti punti di vantaggio rispetto al sistema dell’Urss. Ma quando è diventato monopolista si è rilassato. I difetti nel sistema capitalistico sono cresciuti quando ha vinto sul comunismo sovietico Ora la Cina è basata sul mercato vissuto integralmente senza le caratteristiche di democrazia necessarie»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment