Legge elettorale, alt del Pd al mini-premio

ROMA — Sulla legge elettorale Carlo Vizzini, il presidente della commissione Affari costituzionali, riassume lo stato dell’arte con un detto siciliano: «Siamo all’annacamento». Significa: «Massimo movimento con il minimo di spostamento ». Insomma, nulla di fatto ieri in Parlamento, eccetto le dichiarazioni di buona volontà . E un ultimatum — che i partiti si rimpallano l’un l’altro: «Martedì prossimo bisogna cominciare a votare in Senato». In commissione, cercando un testo base. Oppure si va in aula tra un paio di settimane e allora la confusione sarà  grande, perché di testi all’esame ce ne sono ben 46. Questo sulla scena parlamentare.
Ma si muovono soprattutto i leader di Pdl e Pd, Berlusconi e Bersani sui due “nodi” ancora da sbrogliare: premio di maggioranza per garantire la governabilità ; e come si selezionano gli eletti, se attraverso le preferenze o i collegi uninominali. Berlusconi ha fatto sapere che il premio di maggioranza non può superare l’8%. Tassativo. Il segretario democratico — che punta a un premio almeno del 15% — ha ribadito il suo “no”. L’altolà  del Pd è stato fatto sapere anche a Napolitano. «Non faremo ostruzionismo — ha spiegato Bersani, ma non voteremo una modifica in cui il premio di governabilità  scenda al di sotto del 15%». Equivarrebbe a rassegnarsi alla grande coalizione. «Con un premio basso — è il ragionamento di Bersani — è quasi automatico che non si formi nessuna maggioranza, ci sarà  la palude. Noi una legge così non la votiamo». Il Quirinale è informato. Del resto, il Pd bersaniano non gradisce un Monti-bis. E con una riforma elettorale proporzionale senza alcun correttivo, che renda difficile la vittoria netta dell’uno o dell’altro schieramento, il progetto pro Monti e maggioranza allargata, diventerebbe l’unico approdo. Sull’altro punto, quello delle preferenze, identica bocciatura di Bersani: «Non daremo l’ok a una riforma elettorale con le preferenze, il caso Fiorito insegna». Quindi, le distanze restano tutte.
Il premier Monti però è fiducioso: «Ci stanno lavorando e confido che con un presidente della Repubblica come Giorgio Napolitano, sarà  approvata in tempi
non lunghi». Interviene Casini, il leader dell’Udc: «Mi rifiuto di pensare a una realtà  perniciosa come quella di un ritorno al voto con il Porcellum». Aggiunge speranzoso: «Al Senato si sta lavorando per una riforma e chi non la vuole si vedrà  in aula, voterà  contro perché resti il Porcellum». «Una vergogna», sostengono da destra e da sinistra. «Ora bisogna andare a stringere: votare», incalza Enzo Bianco che è relatore per il Pd con Lucio Malan, relatore del Pdl. Malan pensa a «un piano B», che sarebbe liberi tutti per il voto d’aula. A tentare una mediazione spunta Roberto Calderoli che è l’autore dell’attuale legge “porcata” (la definì lui stesso così). Prevede circoscrizioni per la Camera (con liste plurinominali di due, tre candidati) e collegi per il Senato; premio di maggioranza a chi supera il 45%. Intanto il tempo stringe.


Related Articles

La farsa del centrodestra

Il richiamo del presidente Napolitano al premier sul decentramento dei ministeri segnala con opportuna gravità  che le farse possono aprire la via a crisi gravi. Non sono mai ammissibili se coinvolgono le istituzioni e sono ancor più intollerabili nei momenti di difficoltà  di un Paese.

Il duro scontro a Palazzo Chigi: Matteo, io non cerco seggiole

Teso confronto anche con Franceschini: mi hai pugnalato Il premier parlerà in direzione. Se sfiduciato deciderà cosa fare

Napolitano esalta l’Unità  “Un nuovo cemento nazionale”

“Stop a partigianerie, Costituzione base della società ” Discorso davanti alle Camere riunite per i 150 anni. In mattinata bagno di folla al Gianicolo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment