Il Congresso blocca la «minaccia» di due aziende cinesi

Loading

«La Cina ha i mezzi, l’opportunità  e le motivazioni per usare le sue compagnie di telecomunicazioni a fini malevoli nei nostri confronti», dice la commissione, secondo la quale Huawei e Zte – due colossi mondiali – «secondo le nostre informazioni non possono essere considerate libere dall’influenza di governi stranieri e quindi pongono una minaccia alla nostra sicurezza».
La decisione del Congresso rappresenta una svolta pesantissima, dati i forti legami che le due aziende in questione hanno con tutte le maggiori aziende di telecomunicazioni del mondo – Stati uniti compresi. In pratica, in principi fondamentali alla base del Wto vengono accantonati per motivi di sicurezza sulla base di sospetti e informazioni segrete: un principio che, se applicato universalmente, dovrebbe portare al bando di moltissime aziende americane da tutti i paesi del mondo, visti i legami che intrecciano grandi aziende americane globali come Boeing, Microsoft e moltissime altre con il governo e con l’apparato militare statunitensi.
Ma l’annuncio del Congresso rientra in un ormai palese sforzo globale dell’establishment politico americano di contrasto al crescere della potenza commerciale cinese. La stessa Huawei è stata messa sotto inchiesta per violazione dei brevetti. Solo poche settimane fa il presidente Barack Obama ha firmato un ordine per bloccare l’acquisizione di alcuni progetti di centrali eoliche in Oregon da parte di una ditta cinese, con la motivazione che le centrali dovevano essere impiantate non lontane da una base navale militare statunitense. La ditta cinese (Ralls Co.) ha citato in giudizio la Casa bianca, accusandola di abuso di autorità .
Non è ancora chiaro come reagiranno Huawei e Zte, sul terreno legale: entrambe le aziende hanno protestato vantando la loro immacolata reputazione su tutti i mercati mondiali e affermando che la decisione dei deputati americani è basata solo su motivazioni politiche. Data l’importanza dei soggetti in questione, non ci sarebbe da meravigliarsi se Pechino decidesse di far ricorso o di adottare misure di ritorsione contro aziende americane.


Related Articles

Patto di stabilità. Il diversivo e la cambiale ai posteri

Loading

Il nuovo accordo europeo sul Patto di stabilità insiste su un duplice obiettivo, di schiacciare sia il debito pubblico che la spesa pubblica. Viene così dimenticata la lezione della grande crisi del 2008

Telecom svaluta l’avviamento per 3 miliardi

Loading

Bernabè:”Non influirà  su debito e dividendi”. I conti tengono e il titolo sale del 5,3%    Patuano: “Nel secondo semestre miglioreremo la redditività  del business mobile” 

Rinasce il nazio­na­li­smo tracotante tedesco

Loading

La vicenda greca e l’evoluzione interna del qua­dro poli­tico tede­sco ci stanno mostrando sem­pre più chia­ra­mente la rina­scita di un nazio­na­li­smo ger­ma­nico sem­pre più tra­co­tante

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment