La piazza: tutti insieme facciamo paura

Loading

ROMA. Ministri che hanno scambiato la loro poltrona per una cattedra li hanno derisi: «Choosy», «sfigati», «bamboccioni». Il prefetto di Roma Pecoraro li tratta da ragazzini viziati «che non sono controllati dai genitori». I manganelli che li hanno percossi bestialmente mercoledì scorso sono un avvertimento: per loro non c’è spazio per il dissenso. Qualcuno sostiene che farebbero peggio i docenti che li appoggiano e protestano contro il «concorso-truffa» nella scuola e il ddl «ex Aprea». E poi l’incubo di strani lacrimogeni che sembrano piovere dal cielo, o rimbalzare da terra contro le leggi della fisica, ma certo non da un ministero. 
L’illusione dell’accerchiamento provocato da un mondo di adulti stranamente «responsabile» rispetto alle ragioni dell’austerity, ma non al futuro dei figli altrui, svanirà  come d’incanto stamattina alle 9,30, a Roma come a Palermo e in almeno altre 20 città  dalla Puglia al Friuli. Gli studenti romani di almeno 80 scuole occupate o autogestite, e quelli che arriveranno da Latina, dai Castelli, da Anzio o Zagarolo e da Viterbo e provincia (dove tutti gli istituti superiori sono stati occupati) sfileranno pacificamenten da Piramide, in un unico corteo, decisi a riprendersi il centro della città . Non hanno comunicato dove si dirigeranno. «Dopo avere massacrato più di 50 mila studenti – afferma Matteo degli studenti medi in mobilitazione – Noi restiamo convinti che non dare un preavviso sulla direzione del corteo è un fatto politico. In piazza si vedrà  cosa è più conveniente fare per raggiungere i nostri obiettivi». «Avendo sperimentato sulla nostra pelle la violenza ingiustificata delle forze dell’ordine», hanno scritto i medi e gli universitari in un appello, gli studenti porteranno anche i caschi, sul cui uso è scoppiata una guerra dei nervi con il Prefetto. Ma, al di là  delle contrattazioni che avverranno metro dopo metro sui simboli e l’abbigliamento da scegliere, oltre che sulla direzione del corteo, ciò che è più importante in questi momenti è comprendere il clima di entusiasmo che alimenta da giorni la geografia mobile delle occupazioni e delle autogestioni. 
Nel popoloso quartiere di Cinecittà  ieri sera un lungo corteo improvviso è stato popolato da più di 5 mila persone. C’erano gli studenti delle scuole del X municipio (tutte occupate), docenti e genitori, persone del quartiere. Il loro slogan trasmetteva la forza di un combattimento sereno: «Tutti insieme famo paura», un coro che tornerà  ad essere urlato al presidio della Flc-Cgil a piazza Farnese e nel corteo dei Cobas fino a piazza Santi Apostoli. Questa mobilitazione «fa paura» perchè, in realtà , ha già  conseguito straordinari risultati. È questo lo strano caso del Ddl «ex Aprea» disconosciuto dal suo legittimo sostenitore, il ministro dell’Istruzione Profumo, e anche dal partito Democratico che lo ha votato in commissione cultura alla Camera. Gli studenti hanno imposto una netta inversione su un provvedimento nato già  morto sul quale, tuttavia, la maggioranza del governo Monti si è ostinata a discutere. Questa forza del movimento studentesco ha gettato scompiglio tra i sindacati della scuola. Cisl Uil Snals e Gilda hanno sospeso lo sciopero generale dopo avere ottenuto dal governo una soluzione sugli scatti di anzianità  dei docenti. È scoppiato un parapiglia con chi ha confermato lo sciopero (Flc-Cgil, il Cidi, i Cobas, la Cub e l’Unicobas, l’Anief), mentre protestano i docenti che promettono di non rinnovare la tessera sindacale della Cisl. Anche perchè il piatto di lenticchie prontamente accettato, e subito rivendicato via tweet da Palazzo Chigi, è un gioco delle tre carte. Per pagare lo stipendio il governo taglierà  fino a 390 milioni di euro i fondi d’istituto. Questa forza tranquilla, è riuscita in pochi giorni a sconfiggere la solitudine in cui i media, i sindacati e le forze politiche volevano ridurla dopo l’aggressione subita mercoledì scorso. Vendola ha detto di stare dalla parte degli studenti. Bersani si rivendeva il ripensamento del Pd sul Ddl Aprea e chiedeva agli studenti «di non cadere nelle provocazioni». Bersani, le provocazioni di chi? STUDENTI Partenza del corteo da Piramide dalle ore 9,30. Parteciperanno i medi di almeno 80 scuole a Roma e gli universitari. Si prevede l’afflusso da Latina e Viterbo, oltre che dalle città  dell’hinterland della Capitale. Ci saranno insegnanti, docenti precari e genitori. L’obiettivo è raggiungere il centro, e i palazzi del potere. «Questa devastazione della scuola statale sta distruggendo vecchie e nuove generazioni. Noi riscopriamo socialità  e condivisione nelle occupazioni e nelle autogestioni». COBAS, ORE 9,30, in corteo da Piazza Esedra-Santi Apostoli. Incontreranno quello degli studenti sui Fori Imperiali. Nella feroce polemica con i sindacati della scuola che hanno sospeso lo sciopero (Cisl, Uil, Gilda e Snals), il leader dei Cobas Piero Bernocchi ha detto: «Questi sindacati non avevano mai pensato sul serio di condurre una lotta contro la politica scolastica del governo». Il sindacato lancia una proposta; promuovere iniziative unitarie a livello cittadino, e ovunque sia possibile, per invertire «l’immiserimento continuo della scuola». FASCISTI E ANTIFASCISTI 
Oggi sfilano anche i «fascisti del nuovo millennio» di Casapound. L’appuntamento è per le 16 in piazza Mazzini da dove partirà  un corteo diretto a Ponte Milvio. L’iniziativa non piace però a quanti non vorrebbero vedere saluti romani e teste rasate in giro per la città . Per questo un presidio antifascista si terrà  a partire dalle 15,30 a piazza dell’Esquilino indetto da Anpi e Federazione della sinistra. La comnità  ebraica ha invece chiesto alla prefettura di vietare il corteo di Casapound. Flc-Cgil piazza Farnese dalle 9,30 Il sindacato guidato da Domenico Pantaleo conferma lo sciopero e ribadisce il suo presidio. Polemiche con il governo a proposito dell’accordo sugli scatti di anzianità  dei docenti: «Non è una soluzione, ma il gioco delle tre carte. Gli scatti verranno pagati dai lavoratori e dagli studenti che avranno meno offerta formativa». Il pasticcio è servito: per pagare gli stipendi si taglieranno i fondi per le iniziative di istituto. «I cittadini aderiscano in massa per difendere la scuola pubblica e la dignità  del lavoro»


Related Articles

La ragione dei barbari

Loading

Il centro è cieco, la verità  si vede dai margini. Quest’affermazione di metodo, propria degli studi post-coloniali e anche della più recente “antropologia di prossimità “, mi è tornata in mente la mattina del 27 giugno alla Maddalena, frazione di Chiomonte, quando visto da lassù – da quel fazzoletto di terra sulla colletta che divide il paese dall’autostrada del Frejus – il mainstream che ha segnato ossessivamente la vicenda della Tav è apparso di colpo per quello che è: vuota somma di affermazioni prive di senso reale. E si è affermata una realtà  totalmente altra rispetto a quella che viene raccontata nei “luoghi che contano”, nei palazzi del potere, nelle redazioni dei giornali, dagli opinion leaders metropolitani.

Cyber war. La guerra fredda cibernetica diventa incandescente

Loading

Mentre Trump alza barriere verso i cinesi per paura delle spie comuniste Zte inaugura un laboratorio di cybersecurity a Roma. L’Europa comunque non sta a guardare: si prepara alla rappresaglia cibernetica

Un nuovo Rapporto ILO sui fallimenti della globalizzazione

Loading

NULL Rapporto Ilo. La globalizzazione fallisce nel creare nuovi posti e nel ridurre l`indigenza. “Per milioni di lavoratori, i nuovi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment