Leader unico per gli esuli anti Assad

Loading

Nella riunione in corso in Qatar, le varie fazioni anti-regime lo hanno eletto dopo aver deciso di unirsi, anche per le forti pressioni occidentali che cercano un’alternativa a Bashar. La nomina di Al Khatib, moderato e in esilio da giugno, è stata riconosciuta anche dal Consiglio Nazionale Siriano, finora la principale forza d’opposizione. La nuova coalizione avrà  due vice presidenti, rappresentanti le correnti laiche, e dovrebbe presto dotarsi di un’assemblea di 60 membri per poi chiedere il riconoscimento internazionale e fungere da governo e parlamento in esilio in attesa della fine della guerra già  costata oltre 36 mila morti.


Related Articles

Armare i kurdi? Non è irragionevole

Loading

La polemica. Tuttavia, se non si vuole ricadere in una strategia che combatte la ferocia con altra ferocia converrà abbandonare per i seguaci e le milizie del califfato l’abusata categoria di “terrorismo”

E sui migranti la Ue finanzia Ankara

Loading

TRE MILIARDI DI EURO IN CAMBIO DI UN AIUTO NELLA GESTIONE DEI FLUSSI: VINCE LA REALPOLITIK

Escalation Usa / Nato in Europa

Loading

Sul «fianco orien­tale» la Nato, dopo aver pro­vo­cato l’esplosione della crisi ucraina, preme sem­pre più sulla Russia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment