L’inchiesta dell’Fbi che ha messo a nudo il capo della Cia

Loading

NEW YORK — Per la sua ambizione e i modi regali, nei ranghi era chiamato King David. E in molti, ieri, hanno evocato l’adulterio del re d’Israele con Betsabea, che ne causò la rovina. Suggestioni bibliche.
Ma più che l‘affaire con Paula Broadwell, a rovinare David Petraeus, precipitandone le dimissioni dalla Cia, sarebbe stata una lite tra donne. Sono state le email minacciose, inviate dall’amante a un’altra signora a lui vicina, a innescare l’inchiesta dell’ Fbi che lo ha messo nell’angolo.
Impaurita dai messaggi della Broadwell, probabilmente dettati da gelosia, la donna, di cui non si conosce il nome, si è infatti rivolta ai federali, che sono in breve tempo risaliti all’autrice. Ma l’indagine li ha portati a scoprire anche l’intenso scambio epistolare a sfondo sessuale tra Broadwell e il generale che guidava la Centrale di Langley. Secondo il sito conservatore Newsmax, sono stati scoperti migliaia di messaggi bollenti inviati da Petraeus alla donna, molti ricchi di «riferimenti espliciti a cose tipo sesso sotto la scrivania». «Siamo rimasti di stucco. Petraeus non c’entrava nulla, ma gli investigatori ci hanno sbattuto contro», hanno detto al New York Times fonti del Congresso a parte dell’inchiesta.
Le stesse fonti hanno negato che gli agenti federali stessero indagando su eventuali fughe di documenti riservati o addirittura spionaggio a favore di potenze straniere. L’esame di tutta la posta elettronica di Petraeus, soprattutto quella partita da indirizzi privati, seguito alla scoperta della sua relazione extraconiugale, è stato piuttosto dettato dalla preoccupazione che l’indirizzo del capo della Cia potesse essere stato violato da pirati cibernetici, che avrebbero potuto poi avere accesso ai sistemi del governo. Conti come quelli di Yahoo e Gmail sono molto vulnerabili agli hacker ed era importante stabilire che quelli di Petraeus non fossero compromessi. Una preoccupazione per fortuna rivelatasi infondata.
Due settimane fa, funzionari dell’ Fbi avevano contattato il generale, rivelandogli gli esiti dell’indagine, ma precisando che non avevano nessuna intenzione di formalizzare un’accusa penale. Lo scenario delle dimissioni non era stato neppure evocato.
Soltanto martedì pomeriggio, in pieno Electoral Day, il Dipartimento della Giustizia ha informato James Clapper, direttore del National Intelligence, che materiale compromettente era emerso a carico del capo della Cia nel corso di un’inchiesta. È stato questi ad affrontare Petraeus, in una discussione protrattasi fin nella notte dei risultati elettorali, e alla fine a dirgli che «la cosa più giusta da fare era dimettersi».
Soltanto mercoledì sera, una volta maturata la decisione di Petraeus, Clapper ha chiamato gli uomini della sicurezza nazionale alla Casa Bianca. Obama è stato informato giovedì mattina. Poche ore dopo, il generale si è presentato con l’offerta di dimissioni davanti al presidente, che ha chiesto una notte di riflessione. Poi, venerdì, l’accettazione ufficiale.
Un piccolo giallo legato alla vicenda riguarda una lettera anonima, pubblicata il 13 luglio scorso sulla pagina dei consigli etici del New York Times. Un marito tradito rivelava la storia d’amore della moglie con un «alto esponente governativo» e chiedeva consigli sul da farsi, se dovesse «soffrire in silenzio» o uscire allo scoperto, mettendo in pericolo «lo sforzo importante» in cui il rivale era impegnato. Il sospetto è che l’anonimo sia proprio Scott Broadwell, il marito di Paula.


Related Articles

G7 di Biarritz. L’Amazzonia brucia, le proteste cambiano l’agenda

Loading

Macron costretto a porre la preoccupazione per gli incendi al centro del vertice, sospeso tra recessione e i dazi Usa-Cina

Giornata di resistenza in Orissa

Loading

Da un lato centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa, dall’altro oltre 3.000 abitanti di alcuni villaggi rurali sulla costa dell’Orissa, stato dell’India affacciato sul golfo del Bengala. Si sono fronteggiati per un’intera giornata, «uno dei casi più esemplari di resistenza pacifica degli ultimi anni», dice la cronaca diffusa dal Environment support group India, rete di attivisti ambientali indiani. È l’ultimo episodio di una nuova ondata di proteste che coinvolge gli abitanti di alcuni municipi rurali nel delta del fiume Mahanadi, distretto di Jagatsinghpur, in Orissa, la zona dove il gruppo sudcoreano Posco progetta di costruire una grande acciaieria con annesso un porto: è il singolo più grande investimento diretto straniero nel paese.

La nave Ocean Viking salva 109 migranti

Loading

Poteva essere la ripresa di una collaborazione proficua tra due delle Guardia costiera più sotto pressione dell’emergenza migranti. Si è

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment