COSA CI DICONO QUEI CORI

Loading

Tutto il resto è retorica pallonara e dimostra solo che in Italia il razzismo ufficiale, gridato, pubblico è stato sempre tollerato nei fatti, anche se untuosamente deplorato da qualcuno a parole.
Detto questo, la vicenda di Busto Arsizio è una piccola finestra sulla straordinaria ipocrisia di cui si nutre – in Italia più che altrove – lo spettacolo politico. La Lega, che forse alcuni, ancora oggi, considerano un innocuo movimento localista, ha sempre alimentato il razzismo: dai manifesti contro gli ambulanti stranieri gli albanesi o i rumeni criminali, fino agli slogan contro i terroni e alle scemenze sugli insegnanti meridionali. E ha sempre tollerato, se non favorito, la presenza nella sua base di gruppuscoli di estrema destra (di cui un Borghezio è un’espressione). Di conseguenza, sia l’ex ministro Maroni, notoriamente specializzato in «contrasto dell’immigrazione clandestina», sia il sindaco di Verona Flavio Tosi, condannato in via definitiva nel 2009 per razzismo, fanno francamente ridere quando prendono le distanze dai razzisti di Busto Arsizio. A modo suo, il prode Reguzzoni è più coerente con il proprio universo culturale e morale quando dà  della «mammoletta» a Boateng.
Ma anche lo sdegno di Berlusconi è assai peloso. Con il mondo in cui la cultura razzista ha potuto avere dignità  di parola lui, in questi anni, ha trafficato in lungo e in largo, dall’arruolamento nelle sue coalizioni di fascisti duri e puri come Storace fino, appunto, al ventennale rapporto con la Lega. E, per quanto riguarda il Milan, è un dato di fatto che la sua tifoseria organizzata, che alla fine degli anni Ottanta era complessivamente di sinistra, oggi è schierata in grande maggioranza dall’altra parte e soprattutto è stata infiltrata da gruppuscoli di estrema destra se non criminali. Lo scioglimento forzoso nel 2005 della Fossa dei leoni, una delle formazioni ultrà  più antiche d’Italia, si colloca perfettamente in questo quadro: al gruppo, che manteneva un atteggiamento indipendente rispetto alla società  e non si era allineato alla dominante cultura di destra veniva letteralmente intimato, dagli altri ultrà , di non farsi più vedere allo stadio, pena pesanti rappresaglie (in un paio di casi le minacce hanno avuto un seguito).
Oggi, Berlusconi gioca all’antirazzista nel disperato tentativo di rifarsi una faccia presentabile alle elezioni, così come ha strizzato l’occhio agli elettori di Grillo e spara bordate, proprio lui, contro la finanza mondiale. Ma la realtà  di un paese che in vent’anni si è impoverito e incattivito, e ha tollerato che il razzismo divenisse più o meno legittimo nel discorso pubblico, resta. Proprio questo ci dicono i cori di Busto Arsizio.


Related Articles

Carcere duro per 20 medici che hanno curato i manifestanti

Loading

Bahrein/ LA MONARCHIA SUNNITA MOSTRA LA MANO DURA
Pena di morte per un oppositore protagonista delle rivolte di febbraio-marzo ed ergastolo per un altro

Migranti. Governo spagnolo sotto accusa per la strage di Melilla

Loading

22 GIUGNO 2022 . Il ministro dell’Interno Marlaska nel mirino dopo il documentario della Bbc. Né la Spagna né il Marocco prestarono aiuto medico ai migranti e sotto gli occhi della Guardia Civil

«Torturato dalla polizia marocchina per aver filmato le proteste»

Loading

Il giornalista saharawi Al-Wali Hammad racconta il suo arresto, le violenze e le intimidazioni subite, lanciando un appello internazionale a difesa dei media liberi e dei diritti umani nel Sahara Occidentale. Il caso simbolo di Sultana Khaya

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment