Atlantico, nave fantasma alla deriva allarme ambientale in nord Europa

Loading

 

LA MV Lyubiov Orlova è un vascello fantasma alla deriva tra i flutti dell’Oceano Atlantico. Triste epilogo per una nave che voleva essere una “star”: Orlova, dal nome di Lyubov Petrovna, l’aristocratica diva del cinema sovietico degli Anni ‘30 e ‘40, la Greta Garbo russa che aveva incantato Stalin. Le misure, poi, ne affermavano la potenza: 4250 tonnellate per 90 metri, con una prua tanto massiccia da spaccare i ghiacci del-l’Artide. All’inizio, nel 1976, era stata voluta dagli armatori della Fesco, già  importanti a Vladivostok nel 1880.
La Orlova,
in 35 anni di brillante carriera, ha fatto la spola fra le calotte glaciali artiche e antartiche, prima come nave da spedizione, poi da crociera. Finché, passata di mano più volte, nel 2010 fu “arrestata” in un porto del Newfoundland canadese. Tutta colpa dell’ultimo proprietario, la Cruise North Expeditions, e di un debito di 251 mila dollari. Per pagare i creditori, la bella Orlova fu avviata all’infausto destino della rottamazione a Santo Domingo. Da lì in poi, andò a catafascio: i motori rifiutavano di partire. Trainata, la fune si spezzò. Coi marosi alti 3 metri, il rimorchiatore la piantò in mezzo all’oceano. Spinta dalle correnti fuori delle acque territoriali del Canada, nessuno più se ne occupa, malgrado costituisca una «minaccia ambientale». Infatti, stando agli attivisti di Bois de Robin, una collisione può provocare il «rilascio di liquidi tossici, amianto, mercurio e rifiuti non biodegradabili». L’ultimo avvistamento della Orlova è avvenuto a Nord Est di Newfoundland. Fatto il calcolo delle correnti e dei venti, la nave proseguirà  la deriva verso la Norvegia e l’Irlanda, o piegherà  a Sud fino all’Africa. Cosa sarà  di lei? Il Canada se ne lava le mani: «Il proprietario della Orlova resta responsabile deisuoimovimenti».


Related Articles

Chi ha bisogno di evocare fantasmi

Loading

NOTAV. Terrorista a chi? A Fabio Zita, dirigente dell’assessorato all’ambiente della regione Toscana (in più, «mascalzone, bastardo e stronzo»). A definirlo terrorista in una intercettazione – più tutto il resto, compresa la rimozione dal suo incarico – è stata Maria Rita Lorenzetti, presidente di Italfer. E’ il trattamento che il recente dibattito massmediatico riserva sempre più spesso agli attivisti del movimento NoTav (della Val di Susa).

L’ Unesco contro le grandi navi «Pronti a declassare Venezia»

Loading

Diventare sito Unesco è una medaglia che molti vorrebbero appuntarsi. Oggi decisione sulle Langhe

“Salveremo il Golfo ma basta col petrolio”

Loading

Obama parla in tv e schiera anche l’esercito. Un nuovo incidente blocca le operazioni di ripulitura

Il presidente annuncia uno “zar delle coste”. Ma tanti lo criticano: “Troppi ritardi”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment