La resa dei conti a Teheran

Loading

Procuratore generale di Teheran fino al 2009, Mortazavi era chiamato dall’opposizione il «macellaio della stampa» per aver fatto chiudere 120 giornali e arrestare decine di giornalisti prima ancora del grande massacro del 2009, con le proteste dell’Onda verde, in cui ebbe un ruolo feroce. Era sotto inchiesta dal 2010 proprio per la morte in cella di numerosi manifestanti fermati dopo la rielezione di Ahmadinejad. Ma il suo arresto di lunedì è politico. Perché Mortazavi è un grande alleato del presidente e un grande nemico, di conseguenza, della Guida Suprema Ali Khamenei. La guerra aperta tra i populisti del presidente e i conservatori del successore di Khomeini è in corso dal 2011, quando Ahmadinejad iniziò a dissentire in pubblico dall’onnipotente Khamenei. Ma l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali di giugno sta accelerando la resa dei conti. Ahmadinejad non potrà  correre per il terzo mandato, e il suo potere in patria è già  molto ridotto. Secondo gli analisti, è stato «tenuto in vita» da Khamenei solo come capro espiatorio, ovvero per essere indicato al Paese come responsabile della crisi economica dovuta anche alle sanzioni. Ma, uno dopo l’altro, i suoi principali alleati sono stati eliminati e, nella totale assenza dell’opposizione liberale, l’ipotesi che un uomo di Khamenei diventi il nuovo presidente è una certezza. C’è il probabile candidato a questa carica dietro l’affaire Mortazavi: il presidente del Parlamento Ali Larijani, protégé di Khamenei. Ahmadinejad, sabato scorso, aveva portato in Parlamento la registrazione di un colloquio di Mortazavi con un fratello di Larijani, da cui sarebbe risultato il tentativo di corruzione da parte di quest’ultimo. Ma il nastro era inascoltabile, l’accusa si era trasformata in farsa. Larijani ne era uscito vincitore e si era vendicato su Mortazari. Insomma un pasticcio all’iraniana. «Un atto odioso, il potere giudiziario appartiene al popolo e non a una famiglia», ha reagito ieri Ahmadinejad, furioso, riferendosi ai Larijani (un fratello è capo dell’autorità  giudiziaria). Ma ad ascoltarlo sono sempre meno. E anche la promessa di «mettere a posto tutto al mio ritorno a Teheran» sembra un’illusione.


Related Articles

Oggi e domani mobilitazioni contro Ttip e Ceta

Loading

Il 16 e il 17 settembre saranno due giorni di mobilitazioni in tutta Europa per dimostrare che l’opposizione sociale ai due megatrattati di libero scambio è sempre più forte e diffusa

Chi sono «le forze oscure»?

Loading

Egitto Dopo il massacro di copti che domenica sera ha provocato una trentina di vittime (ma il bilancio finale potrebbe essere di una sessantina) al Cairo ci si interroga sul futuro della «rivoluzione»

«Il paese è in pericolo», messaggio in tv del premier Essam Sharaf dopo il massacro. Qual è il ruolo dei militari?

A Beirut ritorna il terrore ucciso l´ultimo dei Gemayel

Loading

Pierre, ministro dell´Industria, freddato in pieno giorno (la Repubblica, MERCOLEDÌ, 22 NOVEMBRE 2006, Pagina 2 – Esteri)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment