LA RIVOLUZIONE DELLE STARTUP ORA LA RETE FA GUADAGNARE

Loading

Le cose per fortuna stanno cambiando, anche in Italia. Il nuovo amministratore delegato di Microsoft si chiama Carlo Purassanta: è giovane, gira in jeans e scarpe da ginnastica ed è tornato in Italia dopo sedici anni in giro per l’Europa. È tornato, ha trovato il National Plan di Microsoft che puntava a contattare ventimila studenti e favorire la nascita di mille startup e ha detto: non basta. Il nuovo piano della multinazionale è contattare duecentomila studenti e promuovere diecimila startup: «Non è follia, l’Italia è uno dei paesi che ha meno investito in tecnologia e innovazione, se lo farà  possiamo creare 500 mila posti di lavoro sani», ha detto ieri a Roma aprendo Codemotion, un evento che mette assieme migliaia di giovani sviluppatori. Gente che pensa che sviluppando software e hardware si possa cambiare il mondo.
La strada per arrivarci non è larghissima: nonostante l’impegno del governo Monti su questo settore (una task force per la startup, un report ben fatto, una piccola parte del decreto Sviluppo dedicata), i risultati sono modesti: al neonato registro delle startup si sono iscritte poco più di 300 startup. Pochissime. Segno che la burocrazia è ancora un ostacolo clamoroso per chi vuole partire con una nuova impresa. «Lo spread con Berlino è anche questo» racconta Arianna Bassoli. Lei è la fondatrice di Frestyl e per un anno ha lavorato nel team del ministro dell’innovazione Profumo: «Pensavamo di cambiare il mondo stando finalmente dentro il governo, poi ci siamo accorti che è un po’ più difficile ». Per questo intanto ha portato la sua startup a Berlino dove gli affitti sono bassi, gli spazi di coworking nascono ovunque e la concentrazione di innovazione è altissima.
La ricerca del lavoro perduto non riguarda solo l’Italia: è tutta l’Europa che ha capito che deve impegnarsi di più su questi temi. Che non riguarda solo il fatto di farsi un sito web o sviluppare una app per il telefonino: il digitale riguarda anche il modo in cui si producono le cose — con le stampanti 3D — , e si rendono intelligenti, magari con un microcomputer sviluppato in Italia: Arduino. È la rivoluzione dei makers, alcuni dicono che sarà  la terza rivoluzione industriale e un momento per capire se si tratta di dilettanti smanettoni o nuovi imprenditori sarà  la Maker Faire che a ottobre arriva a Roma per mettere in mostra i migliori innovatori europei.
È il momento delle scelte forti. Qualche giorno fa la solita Kroes ha lanciato la Grande Coalizione per formare i nuovi lavoratori digitali di domani: presto i posti vacanti per mancanza di persone adeguate saranno 900 mila. Una cifra che è uno schiaffo per tutti davanti al numero crescente di disoccupati europei. Alla metà  di giugno a Dublino è prevista una sessione speciale dell’Unione Europea dove ogni Stato dovrà  portare proposte concrete. L’Italia che farà ? Per esempio una delle cose che potrebbe fare è imitare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama che a gennaio, nell’ambito di un rivoluzionario provvedimento dedicato ai temi della immigrazione, ha introdotto il visto per gli startupper: uno strumento per attrarre i migliori innovatori del mondo spianando loro la strada per fare impresa in America. Il tutto parte da un ragionamento: Steve Jobs aveva un padre siriano, Sergey Brin viene dall’ex Unione Sovietica, Jeff Bezos ha ascendenti cubani e più in generale il 56 per cento delle startup di successo negli Stati Uniti sono state fondate da immigrati. La fine del tunnel si vede. C’è scritto: Startup Italia!


Related Articles

La legge bavaglio verso un binario morto

Loading

Salta il voto di oggi, il Pdl chiede il rinvio. La Lega: le priorità  sono altre   

Gli amori, il lavoro, i gusti personali. La rete non dimentica nessuna delle informazioni che le affidiamo. E conserva così la nostra identità 

Loading

 Chi ci conosce più di noi stessi? Internet. Viaggi prenotati, gusti personali ed ex fidanzate. Il web ha una memoria che non dimentica mai. Dalle opinioni espresse sui blog al libro preferito, ecco come Google e gli altri riescono a costruire il puzzle della nostra identità Il grado zero è l’egosurfing ovvero controllare nome e cognome sui vari sitiDi me il software ha capito che sono un maschio amante di cinema, musica e giornalismoLa Cronologia registra ogni ricerca eseguita gli indirizzi cercati e i video visionati

Frequenze tv, la mossa del governo

Loading

Assegnazione gratuita verso il congelamento. Passera: valorizzare le risorse

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment