Aerei e Sottomarini in movimento ecco la Tecno-guerra

Loading

Mistero, poi, per voci rimbalzate da Damasco. La prima riferisce di una presunta lite tra Bashar Assad e il fratello Maher per la difficoltà dell’esercito nello schiacciare gli insorti nella zona di Damasco. Contrasto che sarebbe stato seguito dall’attacco con i gas proprio per piegare i ribelli. La seconda riguarda la presunta morte del generale Mohamed Aslan, uno dei responsabili dei reparti chimici. Può essere tutto vero oppure trattarsi di disinformazione in un momento critico per il regime.
Hanno invece solidità le news sui movimenti militari alleati. Il Pentagono ha schierato l’unità da sbarco San Antonio, con a bordo 300 marines ed elicotteri. Non troppo lontani le cinque unità dotate di oltre 200 missili da crociera Tomahawk. Grande attività nella base turca di Incirlik dove sono passati aerei per la guerra elettronica E6B e velivoli-comando, pronti a coordinare le missioni. Fuori dagli hangar gli immancabili droni. Vigilano, seguono i movimenti e se necessario colpiscono. Missioni di ricognizione rafforzate da quelle più profonde affidate agli aerei spia U2 «avvistati» sulla pista di Akrotiri, Cipro. Mezzi eterni, passati dalla guerra fredda a quella al terrorismo. Segnalati voli di Osprey e MC 130, velivoli impiegati dalle forze speciali statunitensi. Hanno un doppio impiego: recupero di eventuali piloti e incursioni dietro le linee. In agguato almeno due sottomarini americani. Forse uno è il Florida, partito in luglio dalla sua base negli Usa. Battelli nucleari che possono sparare i cruise.
A integrare il dispositivo ci sono poi i turchi. Le unità sono da giorni in stato d’allarme, rinforzate le posizioni al confine. I francesi hanno invece mandato un sottomarino e la fregata anti-aerea Chevalier Paul e dispongono di cacciabombardieri Rafal basati negli Emirati arabi. «Antenne» e vedette mobilitate in Israele. L’esercito ha schierato una batteria anti-missile Iron Dom a Tel Aviv, reparti pronti al confine con il Libano e sul Golan. Molto inquieti i giordani. Hanno detto no ai raid, però ospitano F 16 americani, missili Patriot, commandos Usa e hanno un ruolo importante nell’addestramento degli insorti, coordinati dalla Cia e dai sauditi.


Related Articles

La Sicilia di Muos e droni

Loading

Gli aerei senza pilota americani in partenza da Sigonella per colpire in Pakistan e Medio Oriente ostacolano il traffico civile. E le mega-antenne di Niscemi fanno arrabbiare ambientalisti e cittadini. Che chiedono la smilitarizzazione

I confini di guerra dell’Europa

Loading

Povertà, miseria, emarginazione prodotte dall’austerity radicalizzano lo scontro tra chi si sente espulso dal mondo «normale» che gli è stato promesso e chi ancora pensa di appartenervi. In questo contesto l’Ue risponde alimentando i sistemi istituzionali di esclusione e i conflitti militari che ormai premono alle frontiere

I carnefici con il telefonino

Loading

La guerra non è che la caccia all’uomo. E anche il più abominevole tiranno esce da sé quando è ridotto a un animale braccato e denudato, e costringe chi guarda da lontano alla vergogna e alla pietà .
Le scene finali di Sirte sono immagini di caccia antica, la preda sbigottita e insanguinata, il branco sfrenato e invasato. Non l’hanno divorato, Muammar Gheddafi: è la sola differenza. Gli umani non cacciano per nutrirsi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment