Tragedia di Lampedusa, dichiarato il lutto nazionale. “E’ doveroso”

Loading

Roma – Il Consiglio dei ministri ha deciso di dichiarare il lutto nazionale. “Lo facciamo per la perdita di vita umane, lo facciamo per i familiari e anche per i comuni che sono coinvolti. Ma soprattutto per chi ha perso la vita. E’ doveroso”. Cosi’ il ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge, dopo il Cdm che conferma la dichiarazione di lutto nazionale per domani, a seguito della tragedia dei migranti a Lampedusa. “All’ordine del giorno c’e’ anche l’asilo. Questo interessa tutti i ministeri, anche quello dell’integrazione. Ma il tema va oltre i rifugiati e l’asilo e riguarda le politiche dell’immigrazione”. Cosi’ il ministro dell’Integrazione, Cecile Kyenge, al termine del Cdm, risponde a chi gli chiede se il governo lavora a una modifica del diritto d’asilo, in seguito alla tragedia di Lampedusa. “Questa sera- aggiunge Kyenge- abbiamo posto le basi per un lavoro interministeriale”. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Gas e idranti sugli insegnanti kurdi

Loading

Turchia. Da Erdogan guerra politica e sociale contro la comunità kurda: arrestato il vice segretario dell’Hdp, commissariati 28 comuni, dichiarato il coprifuoco su 28 villaggi

Ancora una strage tra la Sicilia e l’Africa E l’Europa fa un passo

Loading

Malmström: «Incontro con Alfano mercoledì» Trovati 18 corpi, oltre 200 i morti dell’altro naufragio

«Non solo appelli, ma azioni concrete» Un patto contro la violenza maschile

Loading

Non se n’è mai parlato tanto come adesso e anche se le italiane uccise da familiari non sono una novità , ormai si tiene il conto: una sessantina di donne uccise in 4 mesi e mezzo per mano di mariti e fidanzati, pesano anche qui dove il delitto d’onore è stato abrogato nel 1981.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment