Clandestinità: un reato da cancellare

Loading

Trovo per così dire biz­zarro che chi riven­dica con fie­rezza la pro­pria ascen­denza socia­li­sta e chi evoca come pro­prio rife­ri­mento la dot­trina sociale della chiesa, voglia difen­dere un cator­cio rea­zio­na­rio e regres­sivo come il reato di clan­de­sti­nità. Si tratta di una fat­ti­spe­cie penale pro­pria di una fase giu­ri­dica pre­ce­dente all’affermazione dello stato di diritto: quella in cui si veniva puniti non per le azioni com­messe ma per la pro­pria con­di­zione esi­sten­ziale, cul­tu­rale o sociale. Si veniva puniti per­ché «vaga­bondi o sov­ver­sivi», «anti­cle­ri­cali» o «giu­dei».

Fatte le debite dif­fe­renze, il reato di clan­de­sti­nità evoca il mede­simo clima e puni­sce non per ciò che si fa, ma per ciò che si è. Ven­gono cosi con­trad­detti prin­cipi fon­da­men­tali del diritto moderno, quello libe­rale e garan­ti­sta, che esige — per­ché vi sia reato — mate­ria­lità e offen­si­vità dell’azione, capace di ledere terzi o inte­ressi col­let­tivi tute­lati. Col reato di clan­de­sti­nità si puni­sce la mera con­di­zione esi­sten­ziale di chi, alla ricerca di un’opportunità di vita e di futuro, si trovi irre­go­lar­mente pre­sente nel ter­ri­to­rio nazio­nale. Per­ché non intro­durre, allora, la fat­ti­spe­cie penale della povertà? E trovo addi­rit­tura eccen­trico che l’unico argo­mento addotto dagli indo­miti soste­ni­tori di quel reato sia il fatto che esso si ritrovi negli ordi­na­menti di altri Stati. Beata inno­cenza. Sanno, costoro, che nel mondo sono ben sette le cosid­dette «demo­cra­zie libe­rali» che pre­ve­dono la pena capitale?


Related Articles

Turchia, dopo 440 giorni scarcerati i giornalisti di Cumhuriyet

Loading

Turchia. Libertà in attesa della sentenza di un processo emblematico. L’accusa: sostegno a organizzazione terroristica

Arresti di massa a Mosca dopo le proteste per le elezioni comunali

Loading

Russia. Nuove proteste nella capitale per l’esclusione di 57 candidati alle elezioni comunali nella capitale. L’attivista russa Ljubov Sobol detenuta prima della manifestazione. Oltre 600 i fermati

Giuristi democratici contro il protocollo Venezia sul diritto di difesa dei richiedenti asilo

Loading

Immigrazione. Anche Melting Pot, l’Ambasciata dei diritti, il mondo cattolico ed Emergency contro l’intesa firmata dal presidente dell’Ordine degli Avvocati e dal presidente del Tribunale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment